Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Lo spettacolo continua al Met Opera dopo un errore tecnico

Lo spettacolo continua al Met Opera dopo un errore tecnico

La produzione del Metropolitan Opera della “Turandot” di Puccini è una delle produzioni più sontuose e complesse del repertorio della compagnia, uno spettacolo che comprende un palazzo imperiale, una scintillante sala del trono e ampi giardini.

Ma mercoledì sera il pubblico ha dovuto fare a meno dei consueti piaceri visivi dell'opera. Il sovraffollamento nell'ascensore principale del backstage del Met ha costretto la compagnia a mettere in scena all'ultimo minuto una versione semi-scenica, con gli attori e il coro che cantavano invece da un gruppo improvvisato.

Peter Gelb, direttore generale del Met, è salito sul palco prima dello spettacolo per spiegare la situazione.

“Signore e signori, mi dispiace dire che questa non sarà una serata normale all'opera”, ha detto. “Anche se la nostra scena non andrà in scena, lo spettacolo andrà avanti.”

Dopo che le troupe hanno lavorato tutta la notte, la congestione è stata risolta, anche se c'erano alcuni danni ai binari nel backstage che il Metropolitan stava ancora riparando giovedì mattina. La rappresentazione di giovedì sera de “La Forza del Destino” di Verdi avrebbe dovuto svolgersi come di consueto.

Mercoledì, ai cittadini è stato offerto un rimborso se volevano andarsene, e circa 150 persone lo hanno fatto, ha detto la polizia metropolitana. Ma la maggior parte di loro ha comunque applaudito calorosamente quando il direttore dell'orchestra, Oksana Lenev, è entrato nella platea. (Il Metropolitan Museum, che ha circa 3.800 posti a sedere, ha affermato che la partecipazione pagata allo spettacolo era circa l’80% della capacità prima che l’edizione fosse annunciata.)

Gelb ha detto in un'intervista che le macchine si sono guastate intorno alle 16:30 di mercoledì, mentre il Metropolitan Museum stava cambiando il set per “Turandot” dopo una prova di “La Rondine” di Puccini, che debutterà la prossima settimana. I membri dell'equipaggio hanno tentato di utilizzare le seghe per tagliare le sbarre d'acciaio per liberare l'ascensore, ma i loro sforzi non hanno avuto successo.

READ  L'attrice Louise Fletcher muore a 88 anni

Verso le 18:30, un'ora prima dell'inizio dello spettacolo, Gelb dovette prendere una decisione: annullare lo spettacolo o procedere con una versione abbreviata. Ha detto che era riluttante ad allontanare i fan.

“Tutti si sono riuniti”, ha aggiunto.

Il Metropolitan Museum ha utilizzato un pezzo di scena del secondo atto di “Turandot” – un muro nel Palazzo Imperiale – come sfondo, per fornire un po' di colore. L'azione era limitata approssimativamente ai primi 20 piedi del palco.

Gelb ha cercato di incoraggiare i cantanti dicendo loro che la loro musica sarebbe stata più potente, dicendo al tenore Sukjong Baek che quando avesse cantato la famosa canzone “Nessun Dorma”, “sarebbe stato molto più vicino al pubblico”.

Per mostrare la sua gratitudine al pubblico, Pike ha cantato una rara ripresa di quella canzone. Il Met non è riuscito a far cadere i coriandoli dorati sul palco alla fine dell'opera a causa del sovraffollamento, quindi li hanno sparati dai balconi sopra il pubblico.

Gli incidenti tecnici raramente interrompevano le produzioni al Met. Nel 1966, quando la casa del Lincoln Center fu aperta, il giradischi si ruppe durante le prove di “Antony and Cleopatra” di Barber. Il soprano Leontyne Price è scampato per un pelo alla caduta nella piramide sovrastante. Nel 2011 Wagner ha eseguito “Die Walküre”. ritardo Per 45 minuti a causa di un problema tecnico al set da 45 tonnellate.