Dicembre 4, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Lo scudo termico che può far atterrare gli umani su Marte viene lanciato nello spazio

Lo scudo termico che può far atterrare gli umani su Marte viene lanciato nello spazio

Iscriviti alla newsletter di Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte sorprendenti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Quando un satellite polare progettato per migliorare le previsioni meteorologiche è stato lanciato all’inizio di giovedì, è stato messo in atto uno scudo termico sperimentale. Gli umani potrebbero atterrare su Marte.

Le due missioni separate sono state lanciate a bordo di un razzo Atlas V della United Launch Alliance dallo Space Launch Complex-3 presso la base della forza spaziale di Vandenberg a Lombok, in California.

Entrambe le missioni erano originariamente previste per il 1 novembre, ma una batteria difettosa nella fase superiore del razzo ha causato un ritardo. Gli ingegneri hanno scambiato e testato nuovamente la batteria per aprire la strada a una nuova data di lancio.

La National Oceanic and Atmospheric Administration e la NASA lanciano satelliti meteorologici dal 1960. Il sistema Joint Polar Satellite-2, o JPSS-2, sarà il terzo di una flotta della nuova generazione di satelliti ambientali in orbita polare della NOAA.

La sonda raccoglierà dati che possono aiutare gli scienziati a prevedere e prepararsi per eventi meteorologici estremi come uragani, tempeste di neve e inondazioni.

Il satellite sarà in grado di monitorare incendi boschivi e vulcani, misurare gli oceani e l’atmosfera e rilevare polvere e fumo nell’aria. Monitorerà anche lo strato di ozono e la temperatura atmosferica, fornendo ulteriori informazioni sulla crisi climatica.

Una volta in orbita e facendo il giro del pianeta dal Polo Nord al Polo Sud, il satellite sarà ribattezzato NOAA-21. Il satellite monitorerà ogni punto della Terra almeno due volte al giorno, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA). E quando controlli il tempo sul tuo telefono, verrà alimentato con i dati acquisiti dal satellite.

JPSS-2 si unirà ad altri due satelliti, il Suomi National Polar-Orbating Partnership e il NOAA-20, che compongono il Joint Polar Satellite System.

“JPSS fornisce più del doppio delle osservazioni giornaliere sull’Atlantico e sul Pacifico, aiutando i meteorologi a monitorare i sistemi meteorologici in cui non sfruttiamo i palloni meteorologici e solo boe limitate, rispetto alla fitta rete di stazioni meteorologiche in superficie”, ha affermato Jordan Gerth . , meteorologo e scienziato satellitare per il National Weather Service (NOAA) della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) prima del lancio.

Il carico utile secondario che interrompe la corsa sul razzo è il Low Earth Orbital Flight Test Dimostrazione della tecnologia di decelerazione della velocità gonfiabile, o LOFTID.

La missione è progettata per testare la tecnologia dello scudo termico gonfiabile necessaria per sbarcare missioni con equipaggio su Marte e missioni robotiche più grandi su Venere o Titano sulla luna di Saturno. Qualcosa come LOFTID può essere utilizzato anche per riportare a terra enormi carichi utili.

Inviare esploratori robotici o umani in altri mondi che hanno atmosfere può essere difficile perché l’attuale arcchel, o scudi termici, utilizzati dipende dalle dimensioni della copertura del missile.

Ma l’antenna gonfiabile può circumnavigare quella dipendenza e sbloccare missioni più pesanti su pianeti diversi.

Quando un veicolo spaziale entra nell’atmosfera di un pianeta, si scontra con le forze aerodinamiche, che aiutano a rallentarne la velocità.

Su Marte, dove la densità dell’atmosfera è solo l’1% di quella terrestre, è necessario un ulteriore aiuto per creare la resistenza necessaria per rallentare in sicurezza la discesa del veicolo spaziale.

Ecco perché gli ingegneri della NASA ritengono che un’antenna grande e dispiegabile come LOFTID, che è gonfiata e protetta da uno scudo termico flessibile, potrebbe applicare pressione ai freni mentre viaggia attraverso l’atmosfera di Marte.

L’aeroshell è progettato per creare più nuvole nell’atmosfera superiore per aiutare il veicolo spaziale a rallentare prima, il che previene anche parte del surriscaldamento. LOFTID è largo circa 20 piedi (6 metri).

La parte inferiore dell'antenna gonfiabile può essere vista durante il test.

Circa 90 minuti dopo l’esplosione di JPSS-2 e LOFITD nello spazio, la dimostrazione tecnologica si allontanerà dal satellite polare una volta che avrà raggiunto l’orbita e inizierà la brevissima missione LOFTID.

Dopo il gonfiaggio, il LOFTID verrà reindirizzato attraverso lo stadio superiore del razzo.

Quindi, l’atmosfera si separerà dallo stadio superiore e tenterà di rientrare nell’atmosfera dall’orbita terrestre bassa per vedere se lo scudo termico è efficace nel rallentarlo e nel sopravvivere.

I sensori a bordo di LOFTID registreranno l’esperienza dello scudo termico durante la sua orribile discesa. Sei telecamere acquisiranno video a 360 gradi dell’esperimento LOFTID, ha affermato Joe Del Corso, project manager LOFTID presso il Langley Research Center della NASA.

Al rientro, il LOFTID incontrerà temperature fino a 3.000 gradi Fahrenheit e raggiungerà velocità di quasi 18.000 miglia orarie. Il test finale riguarderà i materiali utilizzati per costruire la struttura gonfiabile, che include un tessuto ceramico intrecciato chiamato carburo di silicio.

Si prevede che cadrà a 500 miglia al largo delle coste delle Hawaii, dove riconquisterà la squadra di Heroshell.

Attualmente, la NASA può sbarcare una tonnellata (2.205 libbre) su Marte, come Il rover Perseverance ha le dimensioni di un’auto. Qualcosa come LOFTID potrebbe sbarcare da 20 a 40 tonnellate (da 44.092 a 88.184 libbre) su Marte, ha detto del Corso.

I risultati della demo di giovedì potrebbero definire la tecnologia di ingresso, discesa e atterraggio che un giorno trasporterà gli equipaggi umani sulla superficie di Marte.

READ  Questa volta, lo Starliner di Boeing può finalmente brillare?