Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’inflazione statunitense si calma con l’avvicinarsi della decisione sui tassi di interesse

L’inflazione statunitense si calma con l’avvicinarsi della decisione sui tassi di interesse

  • autore, Charlotte Edwards
  • Ruolo, Corrispondente d’affari della BBC

I dati ufficiali hanno mostrato che l’aumento dei prezzi al consumo negli Stati Uniti si è leggermente attenuato lo scorso mese, prima che fosse presa la decisione di mantenere i livelli dei tassi di interesse al livello più alto degli ultimi 23 anni.

Secondo il Dipartimento del Lavoro statunitense, nell’anno terminato a fine maggio i prezzi sono aumentati del 3,3%, in calo di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente.

Anche l’inflazione di fondo, che esclude voci più volatili come i prezzi dei prodotti alimentari e dell’energia, ha rallentato, sebbene gli affitti abbiano continuato a pesare sui bilanci delle famiglie.

Sebbene gli oneri finanziari siano ai livelli più alti degli ultimi anni, i funzionari della Federal Reserve si sono trattenuti dal fare qualsiasi taglio dei tassi di interesse questo mese.

Il dato sull’inflazione era inferiore a quanto alcuni economisti si aspettavano, il che significa che ora credono che un taglio dei tassi quest’anno sia più probabile, ma è ancora al di sopra dell’obiettivo del 2% della banca centrale americana.

Negli Stati Uniti la popolazione risente ancora dell’aumento degli affitti e dell’elettricità, mentre l’inflazione alimentare è rimasta intorno al 2%.

Il tasso di inflazione negli Stati Uniti varia rispetto ad altri beni e servizi.

Il ritmo degli aumenti dei prezzi dei trasporti, come le corse dei taxi, è aumentato di oltre un decimo nell’anno fino a maggio, mentre l’inflazione delle auto usate è diminuita di circa un decimo.

“[We are] In attesa che l’inflazione scenda più rapidamente verso l’obiettivo del 2%, o che l’economia ceda sotto la pressione e richieda una nuova ondata di stimoli.

Il tasso di inflazione è il tasso al quale i prezzi aumentano o diminuiscono durante un periodo specifico.

Negli Stati Uniti, il Bureau of Labor Statistics utilizza l’indice dei prezzi al consumo per misurare l’inflazione.

Questo ottiene informazioni da 23.000 aziende e include l’esame dei prezzi per circa 80.000 prodotti di consumo.

Mentre il ritmo degli aumenti dei prezzi medi è rimasto costante, alcuni importanti rivenditori statunitensi, tra cui Target, hanno abbassato i prezzi su beni come alimenti e prodotti per bambini nel tentativo di attirare clienti.

Il prezzo del latte al supermercato è sceso dell’1,3%, così come sono diminuiti anche i prezzi delle altre bevande analcoliche.

I prezzi di frutta e verdura sono rimasti invariati.

L’affitto è aumentato dello 0,4%, in linea con l’aumento di aprile, e i costi dell’assistenza sanitaria sono aumentati dello 0,5%.

I prezzi dei farmaci soggetti a prescrizione sono aumentati del 2,1%, mentre i costi dei servizi ospedalieri sono aumentati dello 0,5%.

L’andamento dell’economia statunitense è particolarmente importante nel periodo che precede le elezioni presidenziali del 5 novembre.

Si dice che i dati sull’inflazione pesino sulla popolarità del presidente degli Stati Uniti Joe Biden mentre gli americani continuano a sentire il colpo.

Mercoledì la Federal Reserve americana ha mantenuto il suo obiettivo di tasso di interesse tra il 5,25% e il 5,5%.

Si prevedeva anche un taglio dei tassi quest’anno, ma i politici erano divisi.

Sulla scia dei dati sull’inflazione, i trader hanno incrementato le loro scommesse su un taglio dei tassi di interesse a settembre, e hanno anche aumentato le loro scommesse su un secondo taglio a dicembre.