Dicembre 4, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La regolamentazione del commercio di pinne di squalo finalmente con una decisione storica | Squali

I paesi che partecipano al più grande vertice sulla fauna selvatica del mondo hanno votato per la prima volta per regolamentare il commercio che uccide milioni di squali ogni anno per soddisfare un vasto appetito per la zuppa di pinne di squalo.

In quella che gli ambientalisti marini hanno definito una decisione storica, le parti della Convenzione di 186 nazioni sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione, o citazioni54 specie di squali requiem sono state votate per limitare o regolamentare il commercio commerciale, inclusi gli squali tigre, toro e rosso più presi di mira per il commercio di pinne. Sei piccole specie di squali martello sono anche elencate per la protezione insieme a 37 specie di squali chitarra, che sono pesci simili a squali.

Collettivamente, le tre proposte porrebbero quasi tutte le specie di squali scambiate a livello internazionale per le loro pinne sotto la supervisione e i controlli della CITES, rispetto ad appena il 25% prima della COP19 della CITES.

La proposta, avanzata da Panama, il paese ospitante, e sostenuta da altri 40 paesi tra cui i paesi dell’Unione Europea e il Regno Unito, fornirebbe protezione agli squali, che costituiscono i due terzi delle specie prese di mira dal mercato delle pinne. Richiederà ai paesi di garantire la legalità e la sostenibilità prima di consentire l’esportazione di queste specie.

La maggior parte degli squali sacri è in grave pericolo di estinzione, secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura lista rossa.

“Ora, finalmente, l’insostenibile commercio di pinne di squalo sarà completamente regolamentato”, ha affermato Luke Warwick, direttore della conservazione della fauna selvatica per squali e razze. mantenere Comunità.

READ  La famiglia di una donna ucraino-americana è stata costretta a fuggire in Russia. Li ha portati di nascosto in Polonia

“Queste due famiglie costituiscono più della metà delle pinne di squalo scambiate ogni anno nel commercio da mezzo miliardo di dollari”, ha detto Warwick. Ha aggiunto che le nuove protezioni darebbero loro la possibilità di riprendersi e “cambierebbero per sempre il modo in cui i predatori oceanici del mondo sono gestiti e protetti”.

Gli studi indicano il 37% di Tipi di squali e razze Gli squali che vivono negli oceani rischiano l’estinzione di oltre il 70% Solo 50 anni. Gli scienziati affermano che questi cali sono un risultato diretto della pesca eccessiva e Commercio internazionale non regolamentatocausata da una mancanza di gestione nazionale e internazionale.

La proposta non è passata senza opposizione. Il Giappone ha presentato un emendamento per rimuovere dalla proposta originale 35 specie di squali che non erano né in pericolo né in pericolo, mentre il Perù ha chiesto che la verdesca fosse rimossa. Entrambi gli emendamenti non hanno ottenuto i voti necessari e dopo due ore di discussione la proposta iniziale è stata adottata senza modifiche. Tutte le decisioni della Cites sono vincolanti per gli Stati parti che avranno quindi un anno di tempo per adattare i loro regolamenti per la cattura di questi squali.

“Gli squali sacri sono tra le specie più scambiate ma meno protette”, ha affermato Diego Jimenez, direttore della politica di conservazione per l’organizzazione no profit SeaLegacy. Circa il 70% della famiglia degli squali requiem è già in pericolo.

L’elenco a livello familiare aiuterà i funzionari doganali e di controllo delle frontiere con l’applicazione, ha affermato Jimenez, poiché quasi ogni spedizione di pinne di squalo richiede il permesso o la certificazione Cites corretti. Potrebbe essere un punto di svolta, ha affermato, spostando la percentuale di operazioni gestite da Cites dal 25% al ​​70%.

Ma i critici, compresi i biologi marini, affermano che l’inclusione di Cites potrebbe avere l’effetto opposto, aumentando il prezzo di mercato nascosto di pinne e carne e aumentando la pesca illegale di squali.

Nel 2021, le importazioni di pinne dall’Ecuador al Perù, la principale fonte di pinne nelle Americhe, raggiungeranno il doppio dei livelli pre-pandemia, secondo una ricerca di Oceano Perù. Delle 300 tonnellate di pinne essiccate provenienti dall’Ecuador, più di 160 tonnellate provenivano da una specie inclusa nel Cites, lo squalo volpe marino in grave pericolo di estinzione, che prende di mira le sue pinne eccezionalmente lunghe.

“Questi livelli di commercio si verificano nonostante il fatto che il commercio internazionale di questa specie sia regolato dalla CITES”, ha affermato Alicia Kuroiwa, direttrice degli habitat e delle specie in via di estinzione per Oceana Perù.

Kuroioa ha affermato che il caso, insieme ad altre irregolarità nelle esportazioni di pinne di squalo dal Perù a Hong Kong, è stato portato all’attenzione del comitato permanente della CITES per “ulteriori indagini e raccomandazioni ai due paesi”.

Ha aggiunto che la violazione dei regolamenti Cites potrebbe essere punita con la “chiusura temporanea del commercio di tutte le specie elencate nella Cites che sarebbero estremamente pericolose per il Perù”.