Giugno 28, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La navicella spaziale Starliner di Boeing torna sulla Terra, concludendo una missione di prova critica

La navicella spaziale Starliner di Boeing torna sulla Terra, concludendo una missione di prova critica

Dopo aver trascorso poco meno di una settimana sulla stazione spaziale, la nuova navicella spaziale Boeing, la CST-100 Starliner, è tornata sulla Terra questo pomeriggio, atterrando intatta con l’aiuto di paracadute e airbag nel deserto del New Mexico. L’atterraggio riuscito pone fine a un volo di prova critico per lo Starliner, che ha dimostrato la capacità del velivolo di decollare nello spazio, attraccare alla stazione e quindi tornare a casa in sicurezza.

A forma di caramella gommosa, la capsula Starliner di Boeing è stata costruita in collaborazione con la NASA per lanciare astronauti dell’agenzia da e verso la Stazione Spaziale Internazionale, o ISS. La missione fa parte del Commercial Crew Program della NASA, che ha sfidato le compagnie private a creare taxi spaziali per trasportare persone nell’orbita terrestre bassa. Ma prima che la NASA permettesse ai suoi dipendenti di salire a bordo dell’astronave, l’agenzia spaziale voleva che Starliner dimostrasse di poter eseguire tutti i movimenti del volo verso la Stazione Spaziale Internazionale, senza persone a bordo.

Con il passare della giornata, quel volo di prova senza pilota – chiamato OFT-2 – si è concluso con Starliner che ha compiuto ogni passo importante che doveva compiere. capsula con successo Lanciato in orbita il 19 maggio, il viaggio nello spazio in cima a un razzo Atlas V; avvicinarsi e Attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale il 20 maggio; Si è separata dalla stazione spaziale questo pomeriggio prima di tornare a casa. Il volo non è stato del tutto regolare. Durante la missione, lo Starliner ha avuto una serie di problemi con i vari propulsori, i piccoli motori utilizzati per manovrare e spingere il veicolo nello spazio. Nessuno di questi problemi si è rivelato fatale per il volo, tuttavia, e Starliner è stato in grado di completare l’OFT-2 come previsto.

Lo era anche Strada accidentata per arrivare a questo lancio. Il nome di questo volo di prova, OFT-2, si riferisce in realtà all’Orbital Flight Test-2. Questo perché è un volo di prova dello stesso volo di prova che Boeing ha tentato nel 2019. Nel dicembre dello stesso anno, ha lanciato il Boeing Starliner senza equipaggio a bordo, mandandolo nello spazio su un altro razzo Atlas V. Ma un problema tecnico del software nello Starliner ha causato il lancio errato dei propulsori della capsula dopo il distacco dal razzo e, alla fine, il veicolo spaziale è entrato nell’orbita sbagliata. Il problema ha impedito allo Starliner di raggiungere la stazione spaziale e la Boeing non è stata in grado di dimostrare la capacità del veicolo spaziale di attraccare alla Stazione Spaziale Internazionale. La Boeing ha dovuto portare a casa la navicella in anticipo ed è stata in grado di far atterrare la capsula al White Sands Missile Range nel New Mexico, lo stesso luogo in cui lo Starliner è atterrato oggi.

READ  SpaceX sta per battere i record di lancio negli Stati Uniti. ripetutamente

La Boeing ha provato di nuovo a lanciare lo Starliner la scorsa estate, ma poche ore prima del decollo, la compagnia ha sospeso il conto alla rovescia dopo averlo scoperto. Più di dieci valvole di spinta erano bloccate e non si aprivano correttamente. Boeing ha impiegato così tanto tempo per risolvere i problemi e la società afferma che le valvole saranno probabilmente riprogettate in futuro. Ma ora, due anni e mezzo dopo il fallito volo originale, Starliner ha finalmente dimostrato di poter decollare e attraccare autonomamente con la Stazione Spaziale Internazionale, una caratteristica importante che dovrà fare più e più volte quando le persone saranno a bordo.

L’atterraggio è anche un compito fondamentale per Starliner per riportare i passeggeri a casa sani e salvi. Per dimostrare queste capacità per questo volo, la capsula è stata staccata sulla Stazione Spaziale Internazionale alle 14:36 ​​ET di questo pomeriggio, ha girato lentamente intorno alla stazione e poi si è allontanata dal laboratorio orbitante. Alle 18:05 ET, Starliner ha utilizzato i suoi propulsori di bordo per rallentare ed espellersi dall’orbita, mettendolo in rotta con la superficie terrestre. Presto, l’imbarcazione si tuffò nell’atmosfera del pianeta, dove le temperature raggiunsero i 3.000 gradi Fahrenheit. Starliner ha quindi utilizzato una serie di paracadute per rallentare la sua discesa prima di atterrare a White Sands sopra gli airbag per attutire la discesa. Questo è stato il secondo atterraggio di successo di Starliner, con Boeing che si era già offerta di far atterrare l’aereo durante il suo primo volo di prova fallito nel 2019.

“Questo atterraggio arriverà alle 17:49 ora centrale, a circa sei giorni dall’inizio della missione”, ha detto Brandi Dean della NASA, ufficiale delle comunicazioni della NASA, in una trasmissione in diretta dell’atterraggio. “Solo un bel atterraggio nella sabbia bianca stasera.”

READ  Scoperti in Argentina antichi fossili di rettili volanti giganti

C’era una leggera preoccupazione per questo atterraggio, poiché lo Starliner ha avuto molteplici problemi con i suoi propulsori durante il volo. Quando la capsula è stata lanciata nello spazio la scorsa settimana, due dei 12 propulsori utilizzati da Starliner non sono riusciti a mettersi nell’orbita corretta. Boeing ha affermato che il calo della pressione nella camera ha causato il taglio anticipato dei propulsori. Alla fine, il sistema di controllo del volo Starliner è stato in grado di reindirizzare in tempo al propulsore di riserva e la capsula è entrata in orbita come previsto. Tuttavia, quegli stessi propulsori erano necessari per portare lo Starliner fuori dall’orbita, ma sembra funzionare come previsto nonostante i due propulsori guasti.

C’erano anche altri bug durante il volo. Anche un paio di diversi propulsori più piccoli, utilizzati per manovrare lo Starliner durante l’attracco, si sono guastati a causa della bassa pressione della camera. Tuttavia, ciò non ha impedito alla capsula di aderire alla Stazione Spaziale Internazionale. “Abbiamo un sacco di ridondanza che non ha affatto influenzato le operazioni di rendezvous”, ha detto Steve Stitch, amministratore del programma per l’equipaggio commerciale della NASA, durante una conferenza stampa dopo l’attracco. Inoltre, il team Boeing ha notato che alcuni dei sistemi termici Starliner utilizzati per raffreddare il veicolo spaziale mostravano temperature estremamente basse e il team di ingegneri ha dovuto gestirle durante l’attracco.

Starliner sta ancora raggiungendo molti dei suoi obiettivi mentre attracca alla Stazione Spaziale Internazionale. Gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale hanno aperto il portello dello Starliner questo fine settimana, sono saliti sul veicolo e hanno recuperato il carico portato alla stazione. La capsula ha riportato sulla Terra circa 600 libbre di carico, così come Rosie the Rocketeer, un modello che ha camminato all’interno dello Starliner per simulare come sarebbe stato quando gli umani fossero saliti a bordo.

READ  Scienziati: "Quantum Hair" potrebbe risolvere il paradosso del buco nero di Hawking

Ora, con lo Starliner di nuovo sulla Terra, c’è molto lavoro da fare. Nei prossimi mesi, la NASA e la Boeing studieranno i fallimenti di questo volo e determineranno se lo Starliner è pronto a portare le persone nello spazio durante un volo di prova, chiamato CFT, per il Crewed Flight Test, che potrebbe avvenire entro la fine del anno. Questo sarebbe un risultato importante per Boeing, che è rimasta molto indietro rispetto all’altro fornitore di equipaggio commerciale della NASA, SpaceX. SpaceX ha già effettuato cinque voli con equipaggio verso la NASA a bordo della capsula Crew Dragon, che ha trasportato i suoi primi passeggeri nel 2020.

Ma se Starliner fosse autorizzato a far volare le persone, la NASA otterrebbe finalmente ciò che ha sempre desiderato: due diverse compagnie americane in grado di portare in orbita gli astronauti dell’agenzia.