Agosto 8, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La NASA si unisce alla ricerca degli UFO

La NASA si unisce alla ricerca degli UFO

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Un alto funzionario dell’agenzia spaziale ha dichiarato giovedì che la NASA si unisce alla ricerca di oggetti volanti non identificati, formando una squadra che esaminerà “le osservazioni di eventi che non possono essere identificati come aerei o fenomeni naturali noti”.

Durante un discorso alle accademie nazionali delle scienze e dell’ingegneria, Thomas Zurbuchen, capo della direzione della missione scientifica della NASA, ha affermato che l’agenzia spaziale fornirà una prospettiva scientifica sugli sforzi già in corso dal Pentagono e dalle agenzie di intelligence per comprendere dozzine di scene simili. e medicina. Ha detto che è una ricerca “ad alto rischio e ad alto impatto” da cui l’agenzia spaziale non dovrebbe rifuggire, anche se è un campo di studio controverso.

L’annuncio arriva poche settimane dopo il Audizione storica del Congresso Osservare ciò che il Dipartimento della Difesa chiama fenomeni aerei non identificati, più comunemente noti come oggetti volanti non identificati, e Un rapporto pubblicato lo scorso anno dal Direttore dell’intelligence nazionale che ha catalogato più di 140 oggetti volanti che i funzionari non sono stati in grado di identificare.

Il 17 maggio, il Congresso ha tenuto un’audizione sugli UAP (Unspecified Weather Phenomena), altrimenti noti come UFO. Ecco perché. (Video: Monica Rodman, Sarah Hashmi/The Washington Post)

Il Rapporto di nove pagine Tuttavia, l’audizione del Congresso è stata carente di dettagli e non è giunta ad alcuna conclusione definitiva su quali fossero gli oggetti volanti, molti dei quali sono stati avvistati dai piloti della marina. I funzionari hanno affermato di non aver trovato prove che gli oggetti fossero una sorta di tecnologia spaziale avanzata sviluppata da Cina, Russia o altri paesi. Inoltre, non c’erano prove che provenissero da fonti extraterrestri.

READ  La NASA affascinata da un oggetto simile a una pasta trovato su Marte

Il numero limitato di tali osservazioni rende difficile “trarre conclusioni scientifiche sulla natura di tali eventi”, Lo ha detto la Nasa in una nota. L’agenzia ha affermato di essere interessata non solo alla sicurezza nazionale, ma anche alla sicurezza aerea. Ha anche detto: “Non ci sono prove che i programmi atmosferici inutilizzati fossero originariamente extraterrestri”.

Tuttavia, la NASA ha affermato di voler applicare il rigore scientifico a un problema problematico che era stato dimostrato per generazioni. Lo studio degli UAP si adatta alla missione dell’agenzia di cercare segni di vita extraterrestre, da Studiare l’acqua su Marte L’agenzia ha detto di esplorare le lune di Saturno e Giove.

“La NASA ritiene che gli strumenti per la scoperta scientifica siano potenti e possano essere applicati anche qui”, ha affermato Zurbuchen in una nota. “Abbiamo gli strumenti e il team che possono aiutarci a migliorare la nostra comprensione dell’ignoto. Questa è la definizione di cosa sia la scienza. Questo è ciò che facciamo”.

Informando i giornalisti dopo il discorso, Zurbuchen ha affermato di voler spingere la NASA a intraprendere progetti rischiosi, anche se la comunità scientifica non li considerava mainstream.

“Ovviamente, in un contesto scientifico tradizionale, parlare di alcuni di questi problemi potrebbe essere considerato un po’ una vendita, o una sorta di parlare di cose che non sono una vera scienza”, ha detto. “Sono solo fermamente contrario. Credo davvero che la qualità della scienza non sia misurata solo dall’output che ne deriva, ma anche dalle domande che vogliamo affrontare con la scienza”.

Gli sforzi della NASA saranno guidati da David Spiergel, presidente della Simmons Corporation a New York City ed ex capo dell’astrofisica all’Università di Princeton, e Daniel Evans, vicedirettore associato per la ricerca presso la direzione della missione scientifica della NASA. lo studio, Inizieranno in autunno, dureranno circa nove mesi e non costeranno più di $ 100.000, ha detto la NASA. Zurbuchen ha detto che sarebbe stato indipendente dagli sforzi del Pentagono.

READ  Il rover Perseverance su Marte filma i detriti del suo atterraggio

“C’è potenziale sicurezza nazionale e controspionaggio [impacts]Non è quello che facciamo per vivere. “Non ne parleremo alla NASA”, ha detto Zurbuchen. Ma ha detto che l’agenzia sta studiando l’atmosfera e l’aeronautica, e c’è preoccupazione che “lo spazio aereo sia sempre più affollato di molti tipi diversi di veicoli aerei”.

Spergill ha affermato che non ci sono ipotesi di lavoro coinvolte nello studio che spiegherebbero gli UAP. “Direi che l’unico preconcetto che mi è venuto in mente è che dovresti essere aperto all’idea che stiamo osservando diversi fenomeni”, ha detto. “C’è una vasta gamma di ciò che potrebbe essere responsabile di questi eventi”.

Ha aggiunto: “Questo è un fenomeno che non capiamo. Vogliamo raccogliere più dati su questo fenomeno”.

Il rapporto del direttore dell’intelligence nazionale ha rilevato che “alcuni UAP sembravano essere fermi con i venti forti, muoversi sopravento, manovrare bruscamente o muoversi molto rapidamente, senza apparenti mezzi di spinta”, ha rilevato il rapporto. “In un piccolo numero di casi, i sistemi di aerei militari hanno elaborato l’energia a radiofrequenza (RF) associata all’avvistamento UAP”.

Nella sua testimonianza davanti alla sottocommissione di intelligence della Camera per l’antiterrorismo, l’intelligence e la controproliferazione il mese scorso, Ronald S. MoultrieIl sottosegretario per l’intelligence e la sicurezza del Pentagono ha affermato che il Pentagono sta raccogliendo testimonianze oculari di misteriosi oggetti volanti che sembrano sfidare le leggi della fisica.

“Sappiamo che i membri del nostro servizio hanno riscontrato fenomeni meteorologici sconosciuti”, ha detto al comitato bipartisan. “Ci impegniamo a fare uno sforzo per identificare le loro origini”.

In un’intervista con il Washington Post l’anno scorso, l’amministratore della NASA Bill Nelson ha detto di aver visto il rapporto riservato dell’UAP quando prestava servizio al Senato. Disse: I capelli sulla nuca si stavano rizzando.

READ  Il primo team privato di astronauti ha accolto la stazione spaziale a bordo di una piattaforma orbitale

Shane Harris ha contribuito a questo rapporto.