Luglio 14, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La NASA rinvia a tempo indeterminato il ritorno dello Starliner per rivedere i dati di propulsione

La NASA rinvia a tempo indeterminato il ritorno dello Starliner per rivedere i dati di propulsione

Ingrandire / La capsula Starliner della Boeing decolla a bordo del razzo Atlas V della United Launch Alliance.

In un aggiornamento diffuso venerdì sera, la NASA ha affermato che sta “modificando” la data di ritorno della navicella spaziale Starliner sulla Terra dal 26 giugno a un momento non specificato di luglio.

L’annuncio è arrivato dopo due giorni di lunghi incontri per verificare se la navicella spaziale, sviluppata da Boeing, è pronta a trasportare gli astronauti della NASA Butch Wilmore e Sonny Williams sulla Terra. Secondo le fonti, questi incontri prevedevano la partecipazione di alto livello dei dirigenti senior dell’agenzia, tra cui il vice amministratore Jim Frey.

Questo “test di volo dell’equipaggio”, lanciato il 5 giugno a bordo di un razzo Atlas V, era originariamente previsto per separarsi e tornare sulla Terra il 14 giugno. Tuttavia, gli ingegneri della NASA e della Boeing hanno studiato i dati del problematico volo del veicolo verso la Stazione Spaziale Internazionale, rinunciando a molte possibilità di ritorno.

Venerdì sera lo hanno fatto di nuovo, citando la necessità di dedicare più tempo alla revisione dei dati.

“Ci prendiamo il nostro tempo”

“Ci prendiamo il nostro tempo e seguiamo il processo standard del team di gestione della missione”, ha affermato Steve Stich, responsabile del programma commerciale dell’equipaggio della NASA. Nell’aggiornamento della NASA. “Stiamo lasciando che i dati guidino il nostro processo decisionale riguardo alla gestione delle piccole perdite nel sistema di elio e alle prestazioni di propulsione che abbiamo osservato durante il rendezvous e l’attracco”.

Solo pochi giorni fa, martedì, i funzionari della NASA e della Boeing hanno fissato la data per il ritorno sulla Terra il 26 giugno. Ma questo prima di una serie di incontri giovedì e venerdì, durante i quali i responsabili della missione avrebbero dovuto esaminare i risultati su due importanti questioni relative al pianeta. Veicolo spaziale Starliner: cinque perdite separate nel sistema di elio che pressurizza il sistema di propulsione dello Starliner e cinque dei 28 sistemi di propulsione di controllo della reazione della navicella si sono guastati mentre lo Starliner si avvicinava alla stazione.

READ  Il Congresso sembra sentire il bisogno di "riaffermare" il missile SLS

L’aggiornamento della NASA non fornisce alcuna informazione sulle deliberazioni avvenute durante questi incontri, ma è chiaro che i leader dell’agenzia non potevano essere soddisfatti di tutti gli imprevisti che Wilmore e Williams potrebbero incontrare durante il loro ritorno sulla Terra, inclusa la separazione sicura dallo spazio. stazione, allontanarsi, eseguire un’accensione fuori orbita, separare la capsula dell’equipaggio dal modulo di servizio e poi volare attraverso l’atmosfera del pianeta prima di atterrare con il paracadute nel deserto del New Mexico.

La navicella spaziale ha un limite di 45 giorni

Ora, i team di ingegneri della NASA e della Boeing impiegheranno più tempo. La NASA ha considerato il 30 giugno come una possibile data di ritorno, ma l’agenzia vorrebbe anche condurre due passeggiate spaziali fuori dalla stazione, dicono le fonti. Queste passeggiate spaziali, attualmente previste per il 24 giugno e il 2 luglio, andranno ora avanti. Starliner tornerà sulla Terra qualche tempo dopo, probabilmente non prima delle vacanze del 4 luglio.

“Stiamo utilizzando il tempo aggiuntivo in modo strategico per preparare il terreno per alcune importanti attività della stazione, completando la preparazione per il ritorno di Butch e Sonny a bordo dello Starliner e ottenendo preziose informazioni sugli aggiornamenti di sistema che desideriamo apportare per le missioni post-certificazione”, ha affermato Stitch.

In una certa misura, sarebbe vantaggioso per la NASA e la Boeing avere il veicolo Starliner attraccato alla stazione spaziale per un periodo di tempo più lungo. Possono raccogliere più dati sulle prestazioni del veicolo nelle missioni di lunga durata e alla fine lo Starliner volerà in missioni operative che consentiranno agli astronauti di rimanere in orbita per sei mesi alla volta.

READ  Guarda SpaceX lanciare i satelliti Starlink stasera dopo diversi ritardi

Tuttavia, questo veicolo è stato valutato per durare solo 45 giorni sulla stazione spaziale e l’orologio ha iniziato a ticchettare il 6 giugno. Inoltre, non è ottimale per la NASA sentire il bisogno di continuare a ritardare il veicolo per sentirsi a proprio agio con le sue prestazioni a bordo. Viaggio di ritorno sulla Terra. Nel corso di due conferenze stampa da quando lo Starliner ha attraccato alla stazione, i funzionari hanno generalmente minimizzato la gravità di questi problemi, affermando ripetutamente che allo Starliner è consentito tornare a casa “in caso di emergenza”. Ma non hanno spiegato del tutto il motivo per cui non si sentono ancora a proprio agio nel lanciare lo Starliner sulla Terra in circostanze normali.