Luglio 14, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La NASA afferma che la Voyager 1 è tornata dal baratro dopo un grave malfunzionamento

La NASA afferma che la Voyager 1 è tornata dal baratro dopo un grave malfunzionamento

Diversi mesi dopo che un grave problema informatico sembrava aver messo fine alla navicella spaziale Voyager 1, che per quasi mezzo secolo aveva fornito dati sugli esopianeti e sulle zone più lontane del sistema solare, la NASA ha annunciato giovedì di aver rimesso in funzione la navicella spaziale. . richiedere.

“La navicella spaziale ha ripreso a raccogliere informazioni sullo spazio interstellare.” Lo ha affermato la NASA nel suo annuncio della Voyager 1, l’oggetto costruito dall’uomo più lontano nello spazio.

Da quando il problema è emerso a novembre, gli ingegneri hanno lavorato per diagnosticare e risolvere il problema, un processo lungo e noioso complicato dal fatto che sono necessari circa due giorni per inviare e ricevere informazioni dalla Voyager 1, il primo oggetto creato dall’uomo. mai entrato nello spazio interstellare e attualmente si trova a più di 15 miliardi di miglia dalla Terra.

La comunità spaziale ha trattenuto il fiato nell’ultimo anno, poiché la prospettiva di riparare la vecchia sonda sembrava più terribile che mai.

A febbraio, Susan Dodd, project manager della missione Voyager, ha affermato che il problema, che ostacolava la capacità della Voyager 1 di inviare dati ingegneristici e scientifici coerenti sulla Terra, era il “problema più serio” che la sonda avesse incontrato da quando ha iniziato a comandare la missione nel 2018. 2010.

La Voyager 1 e la sua sonda gemella, Voyager 2, furono lanciate nel 1977 in una missione per esplorare gli esopianeti. La NASA ha approfittato di un raro allineamento nel sistema solare che ha permesso alla sonda di visitare i quattro pianeti esterni – Giove, Saturno, Urano e Nettuno – sfruttando la gravità di ciascuno per spostarsi verso il pianeta successivo.

READ  L'analisi dei fossili rivela come i Denisovani prosperassero sul "tetto del mondo"

Dopo il successo della sua missione planetaria, la Voyager 1 continuò il suo viaggio verso i confini del sistema solare e nel 1990 catturò un’immagine leggendaria della Terra: un minuscolo granello nell’oscurità infinita che divenne noto come il “Pale Blue Dot”.

Nel 2012, la sonda è stata la prima ad attraversare lo spazio interstellare e da allora, insieme alla sua gemella, che l’ha seguita sei anni dopo, ha raccolto dati sull’eliosfera, lo spazio che circonda il sole e che è direttamente sotto l’influenza della luce solare. sole.

Forse profondo quanto il punto blu pallido, ogni veicolo spaziale è dotato di un disco fonografico dorato carico di registrazioni audio e immagini che mostrano l’umanità e la vita sulla Terra, implorando di essere scoperto un giorno da un’altra civiltà.

Le prospettive per il recupero della Voyager 1 sono migliorate in modo significativo in aprileQuando la NASA riferì di essere riuscita a convincere la sonda a inviare dati “utilizzabili” sui suoi sistemi di ingegneria e sulla sicurezza. Questa è stata seguita alla fine del mese scorso dalla notizia che il team aveva ripristinato la funzionalità di due strumenti scientifici della Voyager 1, consentendole di trasmettere dati scientifici e continuare la sua missione.

L’agenzia ha annunciato giovedì di aver riportato online gli strumenti rimanenti e di aver riportato la Voyager 1 alle normali operazioni.

Tuttavia, la nuova prospettiva di vita di Voyager 1 potrebbe non durare a lungo. La NASA aveva precedentemente stimato che i generatori a propulsione nucleare della Voyager 1 e della Voyager 2 probabilmente si sarebbero estinti intorno al 2025. Ma la Voyager 1 ha già dimostrato di poter battere le probabilità. La Dodd spera che le due navicelle Voyager riescano a raggiungere il cinquantesimo anniversario della missione nel 2027.

READ  La Cina vuole che il suo nuovo razzo di lancio per astronauti sia riutilizzabile