Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La miglior parata di Euro 2024?  Analisi della brillantezza di Mert Junuk al 95′ contro l’Austria

La miglior parata di Euro 2024? Analisi della brillantezza di Mert Junuk al 95′ contro l’Austria

Matt Bezdrowski è un allenatore ed ex portiere che ha giocato professionalmente negli Stati Uniti e in Svezia. Lavora come analista dei portieri L’atleta.


Con la Turchia in vantaggio per 2-1 nel secondo tempo ieri sera e l’Austria alla frenetica ricerca del pareggio, il portiere turco Mert Gunuk ha realizzato la sua migliore parata del torneo finora quando ha miracolosamente negato Christoph Baumgartner da distanza ravvicinata assicurando alla sua nazionale un posto in finale. i quarti di finale del Campionato Europeo 2024.

Questa è stata una parata brillante che ricorda la famosa parata di Gordon Banks sul tiro di Pelé per l’Inghilterra contro il Brasile nella Coppa del Mondo del 1970, e non esagero quando dico che è stata una delle migliori parate che abbia mai visto.

Il modo in cui Jonuk è tornato in porta e ha parato il rimbalzo su una superficie bagnata in una notte piovosa, in un momento così cruciale, è stato sensazionale.

C’è un livello di consapevolezza istintiva nell’affrontare Jonok che può essere costruito solo dedicando costantemente ore di lavoro. I movimenti e le reazioni che avvengono mentre si lancia sulla palla sono possibili solo grazie alle innumerevoli ore trascorse sul campo di allenamento; Il risultato è essersi messo sempre al posto giusto al momento giusto. Questo salvataggio non è avvenuto per caso.

Mentre la palla si alzava in volo, Jonuk prima girava il corpo, poi faceva tre rapidi passi verso la porta, il tutto mantenendo la testa e gli occhi concentrati sulla palla sopra di lui. Questo era importante perché, in una frazione di secondo, lo aiutava a giudicare il percorso e il percorso della palla e contemporaneamente ad anticiparne la destinazione finale. Se avesse esitato anche solo per un attimo, il gol avrebbe costretto la sua squadra a chiedere i supplementari.

READ  Vlatko Andonovsky si è dimesso dall'USWNT; L'allenatore ha attirato l'interesse di più squadre a livello globale.

Jonuk non ci ha messo molto a rendersi conto che la palla passata inizialmente non era in aria, quindi ha scrutato rapidamente l’area davanti a lui e ha visto Baumgartner tutto solo sul secondo palo. Mentre la palla era ancora in aria sopra di lui, Jonuk decise di distogliere lo sguardo e guardò il punto d’impatto previsto di Baumgartner.

Può sembrare strano che un portiere distolga lo sguardo dalla palla in arrivo, ma questo è il motivo principale per cui Jonuk riesce a parare.

Anticipando il punto di impatto, ha permesso a se stesso di vedere la palla lungo tutto il suo percorso, mantenendo i piedi quasi costantemente a contatto con il terreno e sincronizzando perfettamente il suo approccio, il che lo ha aiutato a prepararsi al momento giusto per influenzare il gioco. Se Jonuk avesse tenuto gli occhi sulla palla e avesse provato a rispondere al tiro dopo l’impatto, difficilmente sarebbe riuscito a raggiungere la palla in tempo, nonostante i suoi ottimi riflessi.

Scava più a fondo

Vai più in profondità

Austria 1 Türkiye 2: i missili cadono e i record crollano – e salvare il campionato?

Le informazioni davanti a lui (velocità di passaggio, rimbalzo, forma del corpo di Baumgartner) gli dicevano che molto probabilmente la palla sarebbe tornata nello stesso punto da cui proveniva. A causa del suo tempo di reazione limitato, Junuk ricorse a un passo più piccolo (invece del tradizionale passo in avanti) perché non aveva più tempo o distanza sufficienti per fare un passo più grande alla sua destra. Invece, ha dovuto infilare il piede destro sotto di sé e spingere la palla con il piede esterno (sinistro) verso la palla.

Mentre la palla si dirigeva verso la porta, Junuk mise la gamba destra sotto il piede e si lanciò verso destra con tutta la sua forza, usando ogni centimetro della sua altezza di 196 cm (6 piedi e 5 pollici) per spingere la palla lontano dalla porta. . La sua capacità di raccogliere temporaneamente i piedi sotto i piedi all’ultimo momento lo ha aiutato a organizzare i suoi movimenti in un momento cruciale e ad anticipare il ritorno della palla in porta per effettuare una parata meravigliosa.

READ  Josh Allen e Patrick Mahomes brillano a metà stagione

Ciò che rendeva le cose più difficili per Jonuk in quel momento era il modo in cui la palla rimbalzava nel suo cammino verso la porta.

Quando la palla rimbalza davanti a te, non hai più a che fare con una palla che ha un percorso prevedibile verso la porta, ma piuttosto con una palla che può cambiare direzione e variare in altezza dopo quel rimbalzo. In questi momenti, il portiere di solito deve fare due movimenti, motivo principale per cui è difficile parare un tiro di rimbalzo o un colpo di testa simile a quello di Baumgartner. Il portiere deve prima abbassarsi per rispondere a un tiro rasoterra e poi saltare in alto quando la palla rimbalza sul tappeto erboso, il tutto muovendo contemporaneamente il corpo lateralmente e in avanti per mettersi dietro il tiro e interromperlo.

Trovare il momento giusto e costruire una forte barriera dietro la palla può essere molto difficile quando si ha una buona capacità di leggere il gioco. Diventa più difficile quando la palla cambia direzione nel suo percorso verso la tua porta. In questi momenti la concentrazione e il tempismo del portiere sono estremamente importanti.

È difficile esprimere quanto sia difficile spingere la gamba posteriore con la stessa forza e velocità con cui ha fatto Jonok qui per salvare la situazione. Non aveva intenzione di arrivare a quella palla.

La reazione entusiasta di Jonuk dopo la parata e le reazioni non verbali dei giocatori austriaci dopo il mancato pareggio dicono più di qualsiasi parola su quanto sia stata bella la partita.

I parate sono molto simili agli obiettivi in ​​quanto i loro effetti e la fase in cui vengono effettuati determinano quanto sono grandi.

READ  Il direttore del packaging Brian Gutkunst afferma che David Bakhtiari non viene scambiato

Se la parata di Jonuk di ieri sera fosse avvenuta in qualsiasi altro momento delle altre partite, non sarebbe rimasta impressa nella storia. Il fatto che sia successo all’ultimo minuto, e che avrebbe potuto fare la differenza tra l’avanzamento della Turchia ai quarti di finale o l’uscita dal torneo dopo i tempi supplementari o ai rigori, rende il tutto ancora più speciale.

Scava più a fondo

Vai più in profondità

Caos Austria-Turchia: parte Bundesliga, parte Sudamerica, parte campionati minori

(Foto: John McDougall/AFP tramite Getty Images)