Luglio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La guerra tra Israele e Hamas: le ultime dichiarazioni di Netanyahu mettono alla prova la proposta di tregua sostenuta dagli Stati Uniti

La guerra tra Israele e Hamas: le ultime dichiarazioni di Netanyahu mettono alla prova la proposta di tregua sostenuta dagli Stati Uniti

TEL AVIV, Israele (AP) – La fattibilità di una proposta sostenuta dagli Stati Uniti per porre fine al conflitto La guerra a Gaza va avanti da 8 mesi La questione è stata messa in dubbio dopo che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato che sarebbe disposto ad accettare solo un accordo di cessate il fuoco “parziale” che non porrebbe fine alla guerra, dichiarazioni che hanno suscitato scalpore tra le famiglie degli ostaggi detenuti da Hamas.

In un’intervista trasmessa domenica scorsa sul canale israeliano Channel 14, un’emittente conservatrice pro-Netanyahu, il leader israeliano ha affermato di essere “pronto a fare un accordo parziale – e questo non è un segreto – che riporterà alcune persone da noi”, in riferimento a quello. Nella Striscia di Gaza sono ancora detenuti circa 120 ostaggi. Ma siamo impegnati a continuare la guerra dopo che questa sarà finita, per raggiungere l’obiettivo di eliminare Hamas. “Non sono pronto a rinunciare a questo.”

Le dichiarazioni di Netanyahu non si discostano significativamente da quanto aveva detto in precedenza riguardo alle condizioni per raggiungere un accordo. Ma arriva in un momento delicato, poiché Israele e Hamas sembrano allontanarsi sempre di più riguardo all’ultima proposta di cessate il fuoco, e potrebbe rappresentare un’altra battuta d’arresto per i mediatori che cercano di porre fine alla guerra.

Le dichiarazioni di Netanyahu contraddicono nettamente quanto affermato nelle dichiarazioni Schema dell’accordo È stato dettagliato alla fine del mese scorso dal presidente americano Joe Biden, che ha redatto il piano come israeliano e che alcuni in Israele chiamano “l’accordo Netanyahu”. Le sue dichiarazioni possono Il che aumenta la tensione nei rapporti di Israele con gli Stati Unitiil suo più grande alleato, che ha lanciato un’importante campagna diplomatica per l’ultima proposta di cessate il fuoco.

Il piano in tre fasi porterà al rilascio dei restanti ostaggi in cambio del rilascio di centinaia di palestinesi imprigionati da Israele. Ma Continuano i disaccordi e la sfiducia Tra Israele e Hamas su come attuare l’accordo.

Hamas insiste che non rilascerà gli ostaggi rimanenti a meno che non vi sia un cessate il fuoco permanente e un ritiro completo delle forze israeliane da Gaza. Quando Biden ha annunciato l’ultima proposta, ha affermato che includeva entrambi.

READ  La Russia invade l'Ucraina su più fronti in un "brutale atto di guerra"

Ma Netanyahu afferma che Israele rimane impegnato a distruggere le capacità militari e di governo di Hamas e a garantire che non sarà mai più in grado di effettuare un attacco simile a quello accaduto il 7 ottobre. È quasi certo che un ritiro completo delle forze israeliane da Gaza, dove la leadership di Hamas e gran parte delle sue forze rimangono intatte, lascerebbe il movimento al controllo della regione e in grado di riarmarla.

Netanyahu ha detto nell’intervista L’attuale fase di combattimento terminaCiò apre la strada a Israele per inviare più forze ai suoi confini settentrionali per affrontare il gruppo armato libanese Hizb allahCiò potrebbe aprire un nuovo fronte di guerra. Ma ha detto che questo non significa che la guerra a Gaza sia finita.

Lunedì il ministro della Difesa Yoav Gallant ha discusso delle tensioni al confine con il Libano durante la sua visita a Washington con Amos Hochstein, uno dei consiglieri senior di Biden. Lui ha ripetuto le dichiarazioni di Netanyahu secondo cui la guerra a Gaza sta entrando in una nuova fase, che potrebbe influenzare altri conflitti, compreso quello con Hezbollah.

Israele è vicino allo smantellamento delle brigate militari di Hamas nella città meridionale di Rafah e mantiene il “pieno controllo” del corridoio di Filadelfia, una zona cuscinetto strategica lungo il confine di Gaza con l’Egitto, ha affermato il capo di stato maggiore dell’IDF, tenente generale Herzi Halevy. Israele afferma che il corridoio è pieno di tunnel utilizzati da Hamas per contrabbandare armi e altri beni. Halevy ha detto che il controllo di Israele sulla zona cuscinetto metterebbe fine a tutto questo.

Durante la fase iniziale di sei settimane del cessate il fuoco proposto, le due parti dovrebbero negoziare un accordo sulla seconda fase, che secondo Biden includerebbe il rilascio di tutti gli ostaggi viventi rimanenti, compresi i soldati maschi, e il completo ritiro di Israele da Gaza. Il cessate il fuoco temporaneo diventerà permanente.

READ  Boris Johnson difende le sue azioni mentre altri alleati conservatori se ne vanno

Hamas sembra preoccupato che Israele riprenda la guerra una volta restituiti gli ostaggi più vulnerabili. Anche se ciò non accadesse, in quella fase dei negoziati Israele potrebbe avanzare richieste che non facevano parte dell’accordo iniziale e che sono inaccettabili per Hamas – e poi riprendere la guerra quando Hamas le respinge.

Le dichiarazioni di Netanyahu hanno rafforzato questa preoccupazione. Dopo la trasmissione, Hamas ha affermato che rappresentava “una conferma inequivocabile del suo rifiuto” dell’accordo sostenuto dagli Stati Uniti, che è stato anche accettato. Con il sostegno del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

In una dichiarazione rilasciata domenica sera dopo la lunga intervista televisiva di Netanyahu, il movimento palestinese ha affermato che la sua posizione “contraddice” ciò su cui l’amministrazione americana ha affermato che Israele aveva accettato. Il movimento ha affermato che la sua insistenza affinché qualsiasi accordo includa un cessate il fuoco permanente e il ritiro di tutte le forze israeliane dalla Striscia di Gaza è “una necessità imperativa per respingere i tentativi di Netanyahu di eludere, ingannare e perpetuare l’aggressione e la guerra di sterminio contro Israele”. “La nostra gente.”

Netanyahu ha risposto affermando in una dichiarazione rilasciata dal suo ufficio che Hamas si oppone all’accordo. Ha detto che Israele non si ritirerà da Gaza finché non saranno stati restituiti tutti i 120 ostaggi.

Hamas ha accolto con favore le grandi linee del piano americano, ma ha proposto quelli che definisce “emendamenti”. Durante una visita nella regione all’inizio di questo mese, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato che alcune delle richieste di Hamas sono “realizzabili” e altre no, senza entrare nei dettagli.

Netanyahu e Hamas allo stesso modo Incentivi per continuare la guerra distruttiva Nonostante le catastrofiche vittime civili a Gaza e la crescente rabbia in Israele per la mancata restituzione degli ostaggi e il fallimento di Hamas.

Le famiglie degli ostaggi sono diventate sempre più impazienti nei confronti di Netanyahu, vedendo la sua apparente riluttanza ad andare avanti con l’accordo come viziata da considerazioni politiche. Un gruppo che rappresenta le famiglie ha condannato le dichiarazioni di Netanyahu, considerandole un rifiuto israeliano della recente proposta di cessate il fuoco.

READ  La Cina sta minimizzando il nuovo focolaio di coronavirus con una corsa festiva completa

Secondo lei “si tratta di un abbandono dei 120 ostaggi e di una violazione del dovere morale dello Stato nei confronti dei suoi cittadini”, sottolineando che ritiene Netanyahu responsabile della restituzione di tutti i prigionieri.

Domenica scorsa, Netanyahu ha ripetuto le sue parole Reclamo Che un “significativo calo” delle spedizioni di armi dagli Stati Uniti stava ostacolando lo sforzo bellico. Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matthew Miller ha detto lunedì che non capisce le dichiarazioni di Netanyahu come le capisce Biden Ha ritardato solo una spedizione di bombe pesanti A causa dei timori di pesanti perdite tra i civili.

Miller ha detto ai giornalisti a Washington: “Ci sono altre armi che continuiamo a fornire a Israele come abbiamo fatto per anni e anni, perché siamo impegnati nella sicurezza di Israele”. “Non c’è stato alcun cambiamento in questo.”

Nell’attacco transfrontaliero del 7 ottobre, i militanti guidati da Hamas hanno ucciso 1.200 persone e ne hanno catturate 250, tra cui donne, bambini e anziani. Decine di persone sono state rilasciate durante un cessate il fuoco temporaneo alla fine di novembre, e Israele afferma che circa un terzo dei restanti 120 ostaggi sono morti.

Secondo il Ministero della Sanità, la guerra di ritorsione israeliana ha portato alla morte di oltre 37.000 palestinesi nei territori controllati da Hamas. Ha sollevato una media di battuta di Crisi umanitaria Ha provocato lo sfollamento della maggior parte della popolazione della regione, pari a 2,3 milioni di persone.

___

Magdy ha riferito dal Cairo.

___

Segui la copertura di AP sulla guerra a Gaza su https://apnews.com/hub/israel-hamas-war