Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La guerra tra Israele e Hamas a Gaza: aggiornamenti in tempo reale e ultime notizie

La guerra tra Israele e Hamas a Gaza: aggiornamenti in tempo reale e ultime notizie

Novità importanti

Amos Hochstein, consigliere senior del presidente Biden, ha incontrato martedì alti funzionari libanesi a Beirut, dove ha sollecitato una soluzione diplomatica mentre le scaramucce mortali tra Israele e Hezbollah, la milizia libanese sostenuta dall’Iran, peggiorano la situazione in Israele. I confini del Libano sono pericolosamente instabili.

Negli ultimi otto mesi, mentre infuriava la guerra a Gaza, un’altra battaglia è scoppiata lungo il confine settentrionale di Israele. All’epoca, Hezbollah, una forza combattente ben armata e collaudata in battaglia, e l’esercito israeliano giocavano un rischioso gioco di occhio per occhio, sferrando attacchi che mostravano i muscoli ma evitavano una guerra totale. Nonostante l’approccio misurato delle parti, in entrambi i paesi sono stati uccisi civili e più di 150.000 persone sono fuggite. Le loro case sono lungo il confine.

Con l’intensificarsi dei combattimenti, qualsiasi errore di calcolo rischia di trascinare entrambe le parti in un’escalation più ampia. Considerata la forza di Hezbollah come forza combattente, una guerra su vasta scala tra Israele e il gruppo potrebbe devastare entrambi i paesi.

“La situazione è pericolosa”, ha detto Hochstein ai giornalisti a Beirut. “Abbiamo assistito a un’escalation nelle ultime settimane e ciò che il presidente Biden vuole fare è evitare un’ulteriore escalation in una guerra più grande”.

Ha aggiunto: “Ci vorrà l’interesse di tutti per porre fine a questo conflitto ora, e crediamo che ci sia un percorso diplomatico per farlo, se entrambe le parti sono d’accordo”.

Hezbollah, la forza militare e politica più potente del Libano, è molto più forte e meglio armata di quando combatté la sua ultima guerra con Israele nel 2006. A differenza di Hamas, la milizia palestinese che combatte Israele a Gaza, le forze di Hezbollah sono combattenti altamente addestrati. Il gruppo possiede missili a lungo raggio e guidati con precisione che possono colpire obiettivi nelle profondità di Israele.

READ  Più di 550 pellegrini sono morti alla Mecca a causa del caldo estremo che si avvicinava ai 52 gradi

In Israele, i pianificatori militari vedono lo spettro dell’attacco di Hamas del 7 ottobre – durante il quale militanti palestinesi si sono riversati attraverso la barriera di Gaza presumibilmente ben protetta – incombere sul loro confine settentrionale. Ma ciò che preoccupa è che un attacco simile da parte di Hezbollah coinvolgerebbe le unità d’élite del partito.

Shlomo Brom, un generale israeliano in pensione, ha affermato che l’enorme numero di munizioni nell’arsenale di Hezbollah – in particolare la sua scorta di droni – potrebbe sopraffare le difese aeree di Israele nel caso di una guerra su vasta scala.

Il generale Broome ha affermato che i combattenti di Hezbollah hanno anche esperienza di combattimento nella guerra civile siriana, dove sono intervenuti a fianco del regime di Assad, sostenuto anche dall’Iran.

“In una guerra senza confini, ci sarebbe una maggiore distruzione sul fronte interno dei civili e all’interno di Israele”, ha affermato il generale Brom, ex capo pianificatore militare. Ha detto: “Hanno la capacità di prendere di mira qualsiasi luogo in Israele in un modo o nell’altro e prenderanno di mira obiettivi civili, proprio come noi prenderemo di mira il sud di Beirut”, riferendosi alle aree della capitale note per essere roccaforti di Hezbollah.

Per Hezbollah, la grande escalation è altrettanto preoccupante. L’economia libanese era allo sbando anche prima dell’attuale crisi, e molti libanesi hanno poco desiderio che si ripeta la guerra del 2006, una battaglia durata un mese che ha causato la morte di più di 1.000 libanesi e 165 israeliani e lo sfollamento di oltre un milione di persone.

Gli attuali combattimenti sono iniziati poco dopo il 7 ottobre, quando Hezbollah, alleato di Hamas, ha lanciato attacchi nel nord di Israele in segno di solidarietà. Israele ha risposto poco dopo.

READ  Incontro Xi-Putin: i leader di Russia e Cina svolgono il ruolo di operatori di pace in Ucraina, promettendo legami più stretti

La settimana scorsa, un raid israeliano ha ucciso un alto comandante di Hezbollah, Talib Abdullah, spingendo Hezbollah a intensificare i suoi attacchi contro Israele in risposta. Nei giorni successivi, Hezbollah ha lanciato centinaia di missili e droni contro Israele in attacchi coordinati, ferendo numerosi soldati e civili.

I soldati trasportano la bara di Talib Abdullah, un alto comandante di Hezbollah ucciso in un raid israeliano, a Beirut la settimana scorsa.credito…Wael Hamza/EPA, tramite Shutterstock

L’inviato americano Hochstein visiterà la regione questa settimana nella speranza di calmare le tensioni tra le due parti. Lunedì ha incontrato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, nonché il presidente e il ministro della difesa del paese, nel tentativo di promuovere una soluzione diplomatica.

Nonostante i rischi, Netanyahu ha dovuto affrontare crescenti pressioni in patria per intensificare la campagna militare del paese contro Hezbollah.

Decine di migliaia di israeliani provenienti dalle comunità di confine rimangono sparsi in tutto il paese senza un calendario per il ritorno alle loro case. I membri di estrema destra della coalizione di Netanyahu hanno chiesto misure più forti, inclusa la creazione di una “zona di sicurezza” gestita da Israele all’interno del territorio libanese.