Ottobre 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La fine principale dell'OMS della pandemia di COVID "incombente"

La fine principale dell’OMS della pandemia di COVID “incombente”

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Reuters) – Il capo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato mercoledì che il mondo non è mai stato in una posizione migliore per porre fine alla pandemia di COVID-19, nella sua previsione più ottimistica della crisi sanitaria lunga anni che ha ucciso più di uno persona. Sei milioni di persone.

“Non ci siamo ancora. Ma la fine è vicina”, ha detto ai giornalisti il ​​direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus in una conferenza stampa virtuale.

È stata la valutazione più ottimistica dell’agenzia delle Nazioni Unite da quando ha dichiarato un’emergenza internazionale nel gennaio 2020 e ha iniziato a chiamare COVID-19 una pandemia tre mesi dopo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il virus, emerso in Cina alla fine del 2019, ha ucciso quasi 6,5 milioni di persone e infettato 606 milioni, sconvolgendo le economie globali e inondando i sistemi sanitari.

La diffusione di vaccini e trattamenti ha contribuito a fermare morti e ricoveri e la variante Omicron emersa alla fine dell’anno scorso ha causato malattie meno gravi. L’agenzia delle Nazioni Unite ha riferito che i decessi per COVID-19 la scorsa settimana sono stati i più bassi da marzo 2020.

Mercoledì, ha nuovamente esortato gli stati a rimanere vigili, paragonando la pandemia a una maratona.

“Ora è il momento di correre un po’ più forte e assicurarci di superare il traguardo e raccogliere i frutti di tutto il nostro duro lavoro”.

Tedros ha affermato che i paesi devono dare un’occhiata più da vicino e rafforzare le loro politiche per contrastare COVID-19 e virus futuri. Ha anche esortato i paesi a vaccinare il 100% dei gruppi a rischio e continuare a testare per il virus.

READ  Aung San Suu Kyi: l'ex leader del Myanmar condannato ad altri 6 anni di carcere

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che i paesi devono mantenere forniture adeguate di attrezzature mediche e operatori sanitari.

“Ci aspettiamo che ci saranno future ondate di infezione, potenzialmente in momenti diversi in tutto il mondo a causa di diverse sottovariabili di omcron o anche di diverse variabili preoccupanti”, ha affermato Maria Van Kerkhove, capo epidemiologo dell’OMS.

Con oltre un milione di morti solo quest’anno, la pandemia rimane un’emergenza a livello globale e nella maggior parte dei paesi.

“L’ondata estiva di COVID-19, guidata da Omicron BA.4 e BA.5, ha dimostrato che la pandemia è tutt’altro che finita poiché il virus continua a diffondersi in Europa e oltre”, ha affermato un portavoce della Commissione europea.

Un portavoce dell’Oms ha affermato che il prossimo incontro degli esperti dell’Oms per decidere se la pandemia rimanga un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale, è prevista per ottobre.

emergenza globale

“Probabilmente è giusto dire che la maggior parte del mondo si sta muovendo oltre la fase di emergenza della risposta alla pandemia”, ha affermato il dottor Michael Head, ricercatore senior in salute globale presso l’Università di Southampton.

Ha affermato che i governi stanno ora esaminando il modo migliore per gestire il COVID come parte della loro routine sanitaria e sorveglianza.

Europa, Regno Unito e Stati Uniti hanno approvato vaccini contro la variante Omicron oltre al virus originale mentre i paesi si preparano a lanciare campagne invernali di supporto.

READ  Shireen Abu Aqla è stata uccisa da proiettili israeliani, secondo un'organizzazione per i diritti umani delle Nazioni Unite

Negli Stati Uniti, il COVID-19 è stato inizialmente dichiarato emergenza sanitaria nel gennaio 2020 e da allora tale stato è stato rinnovato ogni tre mesi.

Il Dipartimento della Salute degli Stati Uniti lo rinnoverà nuovamente a metà ottobre per quella che gli esperti di politica si aspettano sia l’ultima volta prima che scada nel gennaio 2023.

Funzionari sanitari statunitensi hanno affermato che la pandemia non è ancora finita, ma i nuovi vaccini bivalenti rappresentano un cambiamento importante nella lotta contro il virus. Prevedono che un singolo vaccino annuale, simile al vaccino antinfluenzale, dovrebbe fornire un elevato grado di protezione e riportare il Paese alla normalità.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Manas Mishra e Khushi Mandwara a Bengaluru, Ahmed Abul-Enein a Washington e Jennifer Rigby a Londra; Montaggio di Shonak Dasgupta, William MacLean, Josephine Mason e Elaine Hardcastle

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.