Dicembre 9, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Kyrie Irving inizierà a sospendere almeno 5 partite venerdì a causa della controversia sull'antisemitismo.  Da allora la star dell'NBA si è scusata

Kyrie Irving inizierà a sospendere almeno 5 partite venerdì a causa della controversia sull’antisemitismo. Da allora la star dell’NBA si è scusata



CNN

Keri Irving Salterà la prima di diverse partite dei Brooklyn Nets venerdì dopo essere stato sospeso per commenti Riguardo al suo collegamento tweet a un documentario antisemita.

I Nets hanno sospeso Irving giovedì dopo averlo fermato All’inizio è raddoppiato riguardo alla sua decisione di condividere contenuti sul suo account Twitter. Il playmaker stellare ha rilasciato delle scuse ore dopo a riguardo Account verificato da InstagramHa detto che si assume la piena responsabilità delle sue azioni.

Irving ha scritto: “A tutte le famiglie e comunità ebraiche colpite e colpite dalla mia posizione, sono profondamente dispiaciuto di averti causato dolore e mi scuso”. “All’inizio ho agito per l’emozione per la mia ingiusta caratterizzazione dell’antisemitismo, piuttosto che per il processo di guarigione dei miei fratelli e sorelle ebrei che erano stati colpiti dalle osservazioni odiose fatte nel documentario.

“Non avevo alcuna intenzione di mancare di rispetto alla storia culturale ebraica riguardo all’Olocausto o di perpetuare l’odio. Sto imparando da questo sfortunato evento e spero che troveremo un’intesa tra tutti noi.

Venerdì, critiche continuava a veleggiare con cui intensificare Il commento di Nike La sua relazione con la star dell’NBA.

“In Nike, crediamo che non ci sia spazio per l’incitamento all’odio e condanniamo qualsiasi forma di antisemitismo”, ha detto Nike in una dichiarazione alla CNN. “A tal fine, abbiamo preso la decisione di sospendere immediatamente la nostra relazione con Kyrie Irving e non rilasceremo Kyrie 8. Siamo profondamente rattristati e delusi dalla situazione e dal suo impatto su tutti”.

Arriva la mossa dell’azienda Dopo che Irving ha difeso la sua decisione di pubblicare un collegamento al film del 2018 “Hebrews to Negroes: Wake Up Black America” ​​la scorsa settimana. Il film, basato sull’omonimo libro di Ronald Dalton, è stato criticato da gruppi per i diritti civili per antisemitismo.

I giornalisti hanno chiesto a Irving giovedì – prima che pubblicasse le sue scuse – se avesse convinzioni antisemite o se fosse dispiaciuto. A quel tempo, ha risposto, dicendo che rispettava “tutti i ceti sociali” e che non aveva intenzione di causare alcun danno.

Lei reti dopo Sono rimasti “sconvolti” quando “il giocatore si è rifiutato di affermare inequivocabilmente che non ha convinzioni antisemite e non riconosce certo materiale odioso nel film”, durante una sessione mediatica.

“Un tale fallimento nel sconfessare l’antisemitismo quando viene data una chiara opportunità di farlo è profondamente inquietante, contraddice i valori della nostra organizzazione e costituisce un comportamento dannoso del team”, hanno affermato i Nets nella loro dichiarazione prima che Irving si scusasse.

Il team ha anche affermato di aver fatto ripetuti tentativi per aiutare Irving a “capire il danno e il pericolo delle sue parole e azioni”.

La squalifica di Irving significa che non giocherà la partita di venerdì contro i Washington Wizards. I Nets hanno affermato che la sospensione durerà per almeno altre quattro partite e che Irving è anche tenuto a compiere “una serie di azioni correttive oggettive che affrontino l’effetto dannoso del suo comportamento”.

Quando è stato chiesto venerdì se ci fosse una considerazione per il rilascio di Irving, il direttore generale di Nets Sean Marks ha risposto: “No. Non in questo momento particolare”.

“Ci saranno alcuni passaggi e misure correttive messi in atto per lui per cercare chiaramente qualche consiglio… dal trattare con alcuni dei leader anti-odio e alcuni dei leader ebrei all’interno della nostra comunità”, ha detto Marks parlando ai giornalisti di fronte a i maghi del gioco delle reti.

“Dovrà sedersi con loro, dopo dovrà sedersi con l’organizzazione e valuteremo e vedremo se è l’occasione giusta per riportarlo indietro”, ha aggiunto Marks.

Il compagno di squadra di Irving Nets, Kevin Durant, ha definito le cose accadute questa settimana “non necessarie” e ha detto che pensava che la squadra avrebbe potuto essere “zitta” sui commenti di Irving.

“Non sono qui per giudicare nessuno o per non parlare di nessuno… Non mi è piaciuto niente di quello che è successo. Sento che tutto questo non era necessario”, ha detto Durant a proposito del commento di Irving che il team ha fatto durante i Nets ‘ disponibilità prima della partita di venerdì. Possiamo continuare a giocare a basket e rimanere in silenzio come organizzazione. Semplicemente non mi piace niente di tutto questo”.

Alla domanda se ritenesse che la sospensione fosse ingiusta, Durant ha detto: “Credo e mi fido che l’organizzazione faccia ciò che è giusto”.

Subito dopo che è stato reso disponibile ai media, Durant cinguettare“Voglio solo chiarire le affermazioni che ho fatto durante le riprese, vedo alcune persone confuse.. Non perdono l’incitamento all’odio o l’antisemitismo, diffondo sempre amore”.

“Il nostro gioco unisce le persone e voglio assicurarmi che sia al top”, ha aggiunto.

I commenti di Irving durante il briefing con i giornalisti giovedì hanno intensificato le polemiche.

Quando gli è stato chiesto se si stesse scusando, ha detto: “Non intendevo causare alcun danno. Non sono io quello che ha realizzato il documentario”.

Quando gli è stato chiesto se fosse sorpreso dalla reazione, Irving ha detto: “Mi prendo la piena responsabilità, lo ripeterò ancora una volta, di pubblicare qualcosa sul mio Instagram o Twitter che potrebbe aver avuto alcune sfortunate bugie”, ha risposto Irving.

Quando gli è stato chiesto se avesse convinzioni antisemite, Irving ha risposto: “Rispetto tutti i ceti sociali. Abbraccio tutti i ceti sociali. È qui che mi siedo”.

Spinto per una risposta sì o no a una domanda sul fatto che Irving avesse delle convinzioni antisemite, ha risposto: “Non posso essere antisemita se sapessi da dove vengo”.

Quando il CEO di ADL Jonathan Greenblatt ha appreso come la star dell’NBA ha risposto a questa domanda, ha notato che Irving “ha molto lavoro da fare”.

“La risposta alla domanda ‘Hai delle convinzioni antisemite’ è sempre un ‘no’ inequivocabile. Abbiamo preso in parola @KyrieIrving quando ha detto di assumersi la responsabilità, ma oggi non ha mantenuto quella promessa”, Greenblatt ha scritto.

Dopo la sospensione di Irving giovedì, l’ADL ha rifiutato di accettare una donazione di $ 500.000 che Irving e i Nets avevano precedentemente annunciato. La decisione dell’ADL di rifiutare la donazione è arrivata prima che Irving si scusasse alla fine di giovedì.

I commenti della star hanno anche attirato la colpa del commissario NBA Adam Silver, che si è detto “deluso” da Irving.

“Kerry Irving ha preso la decisione sconsiderata di pubblicare un collegamento a un film che conteneva materiale antisemita altamente offensivo”, ha detto Silver in una dichiarazione prima che Irving si scusasse.

La polemica arriva in un momento in cui l’antisemitismo c’è stato crescente negli Stati Uniti negli ultimi anni. Almeno 2.717 incidenti antisemiti sono stati segnalati negli Stati Uniti nel 2021, rispetto a 942 incidenti simili nel 2015, secondo ADL.

Irving ha dovuto affrontare polemiche negli ultimi anni che hanno influenzato il suo tempo di gioco. La scorsa stagione, Irving non ha giocato In molte partite casalinghe a Brooklyn perché non è stato vaccinato contro il Covid-19, che è stato un ostacolo al gioco nei cortili interni a causa del mandato di un vaccino sul posto di lavoro a New York City. era la regola Successivamente sollevato È tornato al Barclays Center a marzo.

READ  Jay Monahan afferma che i giocatori di LIV Golf non possono "liberarsi" dal PGA Tour