Luglio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Kim Jong Un e Putin si incontrano in Corea del Nord e firmano una partnership strategica

Kim Jong Un e Putin si incontrano in Corea del Nord e firmano una partnership strategica

SEOUL, Corea del Sud – Il presidente russo Vladimir Putin e il leader nordcoreano Kim Jong Un hanno firmato mercoledì un nuovo accordo che include un impegno di difesa reciproca nel caso uno dei due venisse attaccato.

L’accordo è stato raggiunto al vertice di Pyongyang durante una rara visita di Putin nello stato isolato e dotato di armi nucleari, mentre i due paesi affrontano crescenti scontri con l’Occidente.

Il partenariato strategico globale tra i due paesi isolati dalle sanzioni globali, Potrebbe espandere i trasferimenti di tecnologia militare a Pyongyang in cambio di forniture di munizioni di cui l’esercito di Mosca ha un disperato bisogno nella sua guerra in Ucraina. Funzionari statunitensi avevano precedentemente dichiarato a NBC News che questi trasferimenti potrebbero potenziare in modo significativo le armi nucleari e i programmi missilistici della Corea del Nord e minacciare la regione Asia-Pacifico.

Kim, che ha lavorato per accelerare i test sulle armi e alimentare le tensioni con l’alleato degli Stati Uniti, la Corea del Sud, mercoledì ha promesso il suo “pieno sostegno” a quella che la Russia chiama la sua “operazione militare speciale” in Ucraina.

La visita di Putin di mercoledì, la prima in Corea del Nord in 24 anni, arriva in un momento in cui le forze del Cremlino stanno cercando di ottenere scoperte nell’Ucraina orientale e settentrionale, mentre le difese di Kiev vengono rafforzate attraverso nuovi impegni da parte dei suoi alleati.

È arrivato a mezzogiorno per partecipare ad una cerimonia di benvenuto nella piazza Kim Il Sung, nel centro di Pyongyang, che prende il nome dal nonno di Kim e fondatore della Corea del Nord.

Putin e Kim si sono fermati di fronte a una grande folla di civili esultanti e hanno salutato i funzionari su un tappeto rosso fuori dalla biblioteca centrale della città, da dove sono apparsi due loro ritratti giganti. Le bande militari hanno suonato gli inni nazionali dei due Paesi, mentre i bambini hanno sventolato palloncini e bandiere della Russia e della Corea del Nord.

Kim e Putin sono poi partiti per i colloqui al vertice al Palazzo Kumsusan.

READ  Le forze ucraine sfondano le linee russe a Kherson

“Apprezziamo molto il vostro continuo e coerente sostegno alla politica russa, anche nei confronti dell’Ucraina”, ha detto Putin nel suo discorso di apertura prima dell’inizio dei colloqui, secondo i media statali russi.

Ha anche affermato che la Russia sta combattendo “la politica imperialista imposta per decenni contro la Russia dagli Stati Uniti e dai suoi vassalli”.

I media statali russi hanno riferito che Kim ha affermato che le relazioni tra Russia e Corea del Nord stanno “entrando in un nuovo periodo di grande prosperità” e che la Corea del Nord “sosterrà incondizionatamente tutte le politiche russe”.

I media ufficiali russi hanno riferito che i colloqui tra le delegazioni dei due paesi sono durati circa un’ora e mezza, seguiti da discussioni individuali tra Kim e Putin che sono durate altre due ore.

In precedenza, Kim era all’aeroporto internazionale di Pyongyang per salutare Putin al suo arrivo nelle prime ore di mercoledì mattina, dove gli ha stretto la mano e lo ha abbracciato, secondo l’agenzia di stampa centrale coreana gestita dallo stato. Ha poi accompagnato Putin nella sua limousine alla guest house di Kumsusan dove soggiornerà il leader russo.

L’agenzia ha affermato che i due leader “si sono scambiati i loro pensieri repressi” durante il viaggio e che il loro incontro ha dimostrato la “solidità e durevolezza” delle relazioni tra Russia e Corea del Nord.

Putin, a sinistra, e Kim, secondo da destra, si incontrano mercoledì a Pyongyang, in una foto distribuita dai media statali russi.Kristina Kormilitsyna/AFP – Getty Images

L’ultima visita di Putin a Pyongyang risale al 2000 per migliorare le relazioni con il padre di Kim, Kim Jong Il, mentre la visita dell’attuale leader nordcoreano nell’estremo oriente della Russia lo scorso anno ha mostrato segni di un rapporto più profondo.

Mercoledì Putin ha descritto l’accordo strategico come un “documento fondamentale” che plasmerà la relazione a lungo termine tra Russia e Corea del Nord.

Lamy Kim, professore alla Daniel K. Inouye ha dichiarato a Honolulu all’Asia Pacific Security Studies che l’accordo potrebbe “gettare le basi per il commercio di armi e anche facilitare la loro alleanza anti-americana e anti-occidentale”.

READ  La Cina pubblica i dati che mostrano il DNA dei cani procione in un mercato di Wuhan

I funzionari occidentali sono preoccupati per lo scambio di armi e informazioni che potrebbero aiutare l’esercito di Putin in Ucraina e minacciare gli Stati Uniti e i loro alleati in Asia.

Il segretario di Stato Antony Blinken ha detto martedì che la Russia sta cercando “disperatamente di sviluppare e rafforzare le relazioni con i paesi che possono fornirle ciò di cui ha bisogno per continuare la guerra aggressiva che ha iniziato contro l’Ucraina”.

Ha detto che la Corea del Nord sta fornendo alla Russia “munizioni significative” e altre armi da utilizzare in Ucraina.

Funzionari dell’intelligence statunitense ritengono che Putin stia fornendo in cambio alla Corea del Nord sottomarini nucleari e tecnologia missilistica balistica, hanno detto a NBC News sei alti funzionari statunitensi. Hanno affermato che l’amministrazione Biden è preoccupata che la Russia possa aiutare la Corea del Nord a completare i passi finali necessari per schierare il suo primo sottomarino in grado di lanciare un missile con armi nucleari.

Sia la Corea del Nord che la Russia hanno negato qualsiasi trasferimento di armi, il che costituisce una violazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che la Russia ha sostenuto in passato.

La Russia ha posto fine al monitoraggio delle sanzioni ONU contro la Corea del Nord con un veto al Consiglio di Sicurezza all’inizio di quest’anno, scatenando accuse secondo cui Mosca sta evitando il controllo e si unisce alla Cina nel proteggere Kim dalle conseguenze dei suoi test sulle armi.

Il Ministero degli Esteri sudcoreano ha affermato martedì che qualsiasi cooperazione non dovrebbe violare le risoluzioni esistenti e “minare la pace e la stabilità regionale”.

Pyongyang potrebbe anche avere accesso al petrolio e alle risorse naturali di cui ha disperatamente bisogno per la sua economia devastata e il suo programma missilistico.

“La loro cooperazione minerà ulteriormente l’efficacia delle sanzioni”, ha affermato Kim, il professore di Honolulu.

READ  La guerra in Ucraina ha dimostrato agli Stati Uniti che le loro munizioni non sono così efficaci come pensavano: riferitelo

È anche una vittoria personale per il leader nordcoreano, ha detto, perché “vederlo con un leader mondiale come Putin sarebbe anche una grande vittoria” per gli sforzi di propaganda interna volti a elevarlo allo status di culto di cui godevano suo padre e suo nonno.

“Ci sono vantaggi economici e guadagni di reputazione”, ha affermato.

Le tensioni nella penisola coreana sono ai livelli più alti degli ultimi anni, con Kim che aumenta il ritmo dei test sulle armi e Stati Uniti, Corea del Sud e Giappone che intensificano le esercitazioni militari congiunte che la Corea del Nord vede come una prova generale di un’invasione. L’anno scorso Kim ha abbandonato l’obiettivo dell’unificazione con il Sud, sollevando preoccupazioni sul fatto che stesse preparando un attacco a tutto campo.

I due paesi rivali hanno intensificato la guerra psicologica, scambiandosi palloncini pieni di rifiuti e musica attraverso gli altoparlanti. Martedì le forze sudcoreane hanno sparato colpi di avvertimento dopo che i soldati nordcoreani hanno attraversato brevemente il confine pesantemente fortificato, apparentemente per errore.

I due paesi sono ancora tecnicamente in guerra dopo che la guerra di Corea si è conclusa nel 1953 con un armistizio, non con un trattato di pace.

Dopo aver lasciato mercoledì la Corea del Nord, Putin dovrebbe visitare il Vietnam, che ha sviluppato i suoi legami con gli Stati Uniti durante la visita del presidente Joe Biden l’anno scorso.

Gli Stati Uniti hanno rimproverato il Vietnam per la visita, con un portavoce del Dipartimento di Stato che ha detto a NBC News: “Nessun paese dovrebbe dare a Putin una piattaforma per portare avanti la sua guerra di aggressione e permettergli di normalizzare le sue atrocità”.

Stella Kim ha riferito da Seul, Corea del Sud, e Mithil Agarwal da Hong Kong.