Luglio 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Kiev demolisce un monumento di epoca sovietica che simboleggia l'amicizia russo-ucraina

Kiev demolisce un monumento di epoca sovietica che simboleggia l’amicizia russo-ucraina

Kiev (Reuters) – Le autorità ucraine hanno smantellato martedì un enorme monumento di epoca sovietica nel centro di Kiev che simboleggiava l’amicizia tra Russia e Ucraina, in risposta all’invasione di Mosca, secondo il sindaco della città.

La statua in bronzo alta otto metri (27 piedi) raffigura un lavoratore ucraino e russo su un piedistallo, che tiene in alto un sistema di amicizia sovietico. La statua è stata collocata sotto il gigantesco “Arco dell’amicizia popolare” in titanio eretto nel 1982 per celebrare il 60° anniversario della fondazione dell’Unione Sovietica.

“Ora vediamo cos’è questa ‘amicizia’: la distruzione delle città ucraine… ha ucciso decine di migliaia di persone pacifiche. Sono convinto che un tale monumento abbia un significato completamente diverso ora”, ha affermato Vitali Klitschko, sindaco di Kiev.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Gli operai iniziarono a rimuovere una delle due teste di bronzo che era caduta a terra con una fessura cava.

Quando la gru del memoriale si è sollevata dai suoi ormeggi e l’ha gradualmente abbassata a terra, una folla di circa 100 persone ha cantato e cantato “Gloria all’Ucraina” e altri slogan.

“La Russia ha invaso l’Ucraina… Possiamo essere amici della Russia? Cosa ne pensi? Questo è il nostro peggior nemico, motivo per cui il monumento all’amicizia russo-ucraina non ha più senso”, ha detto Serhiy Mirhorodsky, uno di questi. designer.

READ  Il principe Harry e Meghan Markle partecipano al servizio della Queen's Jubilee Church

L’invasione russa dell’Ucraina, iniziata il 24 febbraio, ha ucciso e ferito migliaia di persone, ridotto in macerie paesi e città e costretto più di 5 milioni di persone a fuggire all’estero.

Mosca descrive le sue azioni come una “operazione speciale” per disarmare l’Ucraina e proteggerla dai fascisti.

“Non dovremmo avere legami con la nazione degli aggressori… niente amicizia, niente relazioni, niente”, ha detto Diana, una giovane donna che non ha dato il suo nome completo.

Klitschko ha detto che l’arco sarebbe rimasto al suo posto ma che il suo nome sarebbe stato cambiato in Arco della Libertà per il popolo ucraino.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Scrittura di Mark Porter e David Leungren, montaggio di Rosalba O’Brien

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.