Dicembre 4, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Kiev: consiglieri iraniani uccisi con l’aiuto russo in Crimea, Ucraina

Un alto funzionario della sicurezza ucraino ha confermato l’uccisione di consiglieri militari iraniani in Crimea e ha messo in guardia dal prendere di mira qualsiasi altro iraniano sul territorio ucraino occupato a sostegno dell’invasione di Mosca.

Oleksey Danilov, segretario del Consiglio per la sicurezza e la difesa nazionale dell’Ucraina, ha detto che gli iraniani erano presenti Crimea Per aiutare la Russia a far volare i droni armati Shahed-136 forniti dal governo di Teheran, ma non ha detto quante persone sono state uccise in Ucraina.

rapporti dentro stampa israeliana A ottobre, ha detto, 10 persone sono state uccise da attacchi militari ucraini nella Crimea occupata. Danilov ha chiarito che qualsiasi ulteriore presenza militare iraniana sarebbe stata presa di mira.

“Non dovresti essere dove non dovresti essere”, ha detto Danilov in un’intervista a Kiev. Erano nelle nostre terre. Non li abbiamo invitati qui, e se collaborano con i terroristi e partecipano alla distruzione della nostra nazione, dobbiamo ucciderli”.

Ondate dopo ondate di attacchi aerei russi, inclusi attacchi con droni e missili, da ottobre hanno preso di mira l’infrastruttura energetica civile dell’Ucraina, interrompendo l’energia mentre il freddo invernale inizia a calare in tutto il paese. Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha dichiarato mercoledì scorso a una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che gli attacchi sono stati “un chiaro crimine contro l’umanità” e ha affermato che Kiev presenterà una risoluzione che condanna “qualsiasi forma di terrorismo energetico”.

Giovedì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha cercato di addossare la colpa all’Ucraina, affermando che potrebbe “porre fine a tutte le possibili sofferenze della popolazione civile” se soddisfacesse “le richieste della parte russa”.

READ  Gli Stati Uniti avvertono la Cina di non trasformare il previsto viaggio di Pelosi a Taiwan in una "crisi"

Dopo aver inizialmente negato la presenza di droni iraniani in Ucraina, il governo di Teheran ha affermato di aver fornito alla Russia un “piccolo numero” di droni mesi prima. Il presidente russo Vladimir Putin Ha lanciato un’invasione totale dell’Ucraina a febbraio. Nega l’invio di addestratori iraniani per aiutare i russi a pilotare droni dai territori occupati.

Kiev ha Ha espresso dubbi sulla versione iraniana degli eventi, ed esperti di entrambi i paesi si sono incontrati su richiesta di Teheran per discutere le prove raccolte dall’Ucraina.

“Gli iraniani continuano a insistere sul fatto che non sono fornitori di armi della Federazione Russa, ma abbiamo bisogno di conferme. Abbiamo questa conferma anche oggi? No, non ne abbiamo”. disse Danilov. “Sappiamo che questa roba semplicemente non vola senza di essa [people] Impara a suonarlo, ei russi non avranno il cervello per capirlo da soli… Nel mondo moderno non puoi nascondere nulla. È solo una questione di tempo quando sarà annunciato”.

Ha detto che non è chiaro se l’Iran abbia anche consegnato missili balistici alla Russia.

“Stiamo cercando di rispondere a questa domanda e faremo tutto il possibile per assicurarci che ciò non accada”, ha detto Danilov. “Ma se ciò accade, ci dirà due cose. In primo luogo, la Russia non ha la capacità di fabbricare i propri missili, almeno in quantità che le consentirebbero di continuare una guerra su vasta scala. In secondo luogo, se un paese sottoposto a sanzioni dal 1979 aveva la capacità di produrre tali armi, quindi di che tipo di sanzioni stiamo parlando? Quindi solleva una grande domanda sull’applicazione.”

READ  Il presidente della Camera degli Stati Uniti Pelosi arriva a Taiwan. Aerei da guerra cinesi che volano nel cielo

Le carte sul tavolo delle riunioni nell’ufficio di Danilov erano coperte di pagine bianche per motivi di sicurezza, e tra di esse c’era una partita a scacchi con un solo pedone nero. Interrogato a riguardo, Danilov ha detto che era una metafora di un mondo in cui le vecchie regole non si applicano più.

“Dimostra che ora tutti stanno iniziando a essere neri”, ha detto. “Oppure ciò che è nero può anche essere bianco, o forse grigio.”

Le relazioni dell’Ucraina con Israele sono un esempio di zona grigia. C’è una lunga lista di attrezzature militari israeliane che il governo di Kiev vorrebbe acquisire, ma Israele ha cercato di evitare le ritorsioni di Mosca e ha cercato di presentarsi come neutrale.

Il ritorno politico alle elezioni di Benjamin Netanyahu questo mese complica ulteriormente il quadro, poiché ha un rapporto affettuoso con Vladimir Putin, ma la partecipazione dell’Iran al fianco della Russia influenzerà anche i calcoli di Israele.

“La posizione di Israele su questa guerra è ben nota e comprensibile”, ha detto Danilov. “Ancora una volta, vorrei sottolineare che nel mondo moderno non puoi nascondere nulla, sostenere o non avere supporto. Sei a favore della democrazia o dell’autoritarismo? Da che parte stai?”

Danilov stava parlando dopo la liberazione di Kherson da parte delle forze armate ucraine e le voci di incursioni attraverso il fiume Dnipro nella parte meridionale della regione di Kherson che portava in Crimea. Era cauto sullo stato del fronte meridionale, ma faceva riferimento a operazioni precedentemente segnalate dietro le linee russe.

Le nostre forze armate sono presenti ovunque siano necessarie. Lo abbiamo dimostrato più di una volta con le nostre azioni: quando qualcosa esplode nei territori occupati, quando qualcosa esplode, quando le cose crollano, i ponti cadono, gli aeroporti bruciano e molto altro.

READ  Ultime notizie sulla Russia e la guerra in Ucraina

Ha scrollato di dosso i suggerimenti secondo cui il ritmo della controffensiva ucraina potrebbe essere rallentato dal clima invernale, dalla barriera fisica del fiume Dnipro o dal nervosismo tra gli alleati occidentali che la potenziale perdita della Crimea avrebbe spinto Putin a prendere misure disperate e disastrose. .

Dobbiamo difendere il nostro paese e liberarlo dai terroristi in qualsiasi momento dell’anno. “La stagione non ha importanza”, ha detto Danilov, aggiungendo che Dnipro era “solo un altro ostacolo che supereremo” e che “con attrezzature moderne e armi moderne, è solo un lavoro da fare”.

Ha aggiunto: “Fino a quando il nostro intero territorio non sarà liberato, il nostro esercito non può essere fermato, e questo include la Crimea e altre regioni”.