Maggio 20, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Interruzione di corrente continua?  La California si prepara per le carenze di energia durante l'estate calda e secca

Interruzione di corrente continua? La California si prepara per le carenze di energia durante l’estate calda e secca

Funzionari statali hanno affermato venerdì che la California dovrà probabilmente affrontare una carenza di energia equivalente a quella necessaria per alimentare circa 1,3 milioni di case quando l’uso sarà al suo apice durante i caldi e secchi mesi estivi. I funzionari hanno affermato che le minacce da siccità, calore estremo e incendi, così come la catena di approvvigionamento e le questioni normative che frenano l’industria solare creeranno sfide per l’affidabilità energetica quest’estate e negli anni a venire. Rappresentavano la California Public Utilities Commission, la California Energy Commission e il California Independent System Operator, che gestisce la rete elettrica dello stato. I modelli statali presuppongono che lo stato riceverà 1.700 megawatt di potenza in meno di quanto necessita durante i periodi di maggiore richiesta, di solito la sera presto con il tramonto, nei mesi più caldi, quando i condizionatori d’aria sono in pieno utilizzo. | Copertura precedente | La rete elettrica della California può sopportare un’altra calda estate? Nelle condizioni più estreme, la carenza potrebbe essere molto peggiore: 5.000 megawatt, o abbastanza per alimentare 3,75 milioni di case. “L’unica cosa che ci aspettiamo è di vedere condizioni nuove e sorprendenti e cerchiamo di essere preparati a tali condizioni”, ha affermato Alice Reynolds, presidente della California Public Utilities Commission, che regola i principali servizi di pubblica utilità come Pacific Gas & Electric. Il cambiamento climatico ha innescato una massiccia siccità in California, che quest’anno ha visto il mese più secco mai registrato da gennaio a marzo. Molti dei bacini idrici dello stato erano ben al di sotto dei livelli medi e la scorsa estate lo stato ha interrotto per la prima volta la produzione idroelettrica a Oroville Dam perché non c’era abbastanza acqua. Era di nuovo operativo, ma l’arresto è costato allo stato 600 megawatt di elettricità, hanno detto i funzionari. I grandi progetti idroelettrici hanno generato quasi il 14% dell’elettricità dello stato nel 2020, secondo l’operatore di sistema indipendente. Le fonti di energia rinnovabile, principalmente solare, rappresentano il 34,5% e l’energia nucleare il 10%. Tra le carenze previste quest’estate, lo stato – e i residenti – hanno più strumenti per evitare i blackout. L’energia può essere acquistata da altri stati e i residenti possono ridurne l’uso durante il picco della domanda, ma la carenza di energia è ancora possibile in situazioni estreme, hanno affermato i funzionari. Reynolds ha esortato le persone a prendere in considerazione la possibilità di ridurre il loro consumo di energia facendo cose come raffreddare le loro case all’inizio della giornata e poi spegnere i condizionatori d’aria al tramonto, e nell’agosto 2020, in mezzo al caldo soffocante, l’operatore del sistema autonomo della California ha ordinato che le utenze si interrompessero temporaneamente . a centinaia di migliaia di clienti. Mark Rothelider, vicepresidente senior dell’operatore di sistema, ha affermato che lo stato sarà più vulnerabile a un altro blackout quest’anno se l’intero Occidente subirà un’ondata di caldo allo stesso tempo. Ciò ostacolerebbe la capacità della California di acquistare energia in eccesso da altri stati. Ha detto che gli incendi potrebbero anche ostacolare la capacità dello stato di mantenere il potere. La California sta spostando la sua rete dalle fonti di energia che emettono gas serra a fonti a zero emissioni di carbonio come l’energia solare ed eolica. Con le centrali elettriche più vecchie pronte per il pensionamento, inclusa la centrale nucleare di Diablo Canyon, lo stato ha meno opzioni di alimentazione disponibili. Entro il 2025, lo stato perderà 6.000 megawatt di potenza a causa della prevista chiusura della centrale. Anna Matosantos, segretario di gabinetto del governatore Gavin Newsom, ha rifiutato di condividere i dettagli su altre misure che l’amministrazione potrebbe adottare per garantire l’affidabilità, dicendo solo che Newsom stava esaminando “una serie di misure diverse”. Il governatore democratico ha recentemente affermato di essere disposto a mantenere aperto il Diablo Canyon oltre la chiusura pianificata nel 2025. Sistemi con batterie in grado di immagazzinare energia da utilizzare quando il sole non splende. Funzionari statali hanno anche citato un’indagine del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti sulle importazioni di pannelli solari dal sud-est asiatico come qualcosa che potrebbe ostacolare il passaggio della California verso l’energia pulita.La California ha fissato l’obiettivo di ottenere il 100% della sua elettricità da fonti non di carbonio entro il 2045, con Certain i parametri di riferimento sono scesi fino al 60% entro il 2030. Lo stato sta già superando questo obiettivo a volte, soprattutto durante il giorno. La quantità di energia che proviene da fonti rinnovabili varia in base all’ora del giorno e dell’anno, nonché a quella disponibile. L’operatore del sistema ha recentemente affermato di aver raggiunto il record di ottenere oltre il 99% della sua energia da fonti non di carbonio intorno alle 15:00, anche se è durato solo pochi minuti. L’energia solare costituisce di gran lunga la quota maggiore di energia rinnovabile, anche se raggiunge il picco durante il giorno e diminuisce notevolmente di notte al tramonto. Lo stato sta aumentando lo stoccaggio della batteria in modo che l’energia solare possa continuare a essere utilizzata al calar della notte, ma la capacità dello stato è ancora notevolmente ridotta. La Pacific Gas and Electric Company, che serve circa 16 milioni di persone in California, ha aggiunto più capacità di accumulo della batteria dalle interruzioni del 2020 e sta lavorando a programmi per ridurre il carico energetico durante i picchi di domanda, ha affermato la portavoce Lynsey Paulo in una nota. Ha aggiunto che l’azienda conserva l’acqua nei bacini idrici che fanno affidamento su di essa per generare energia idroelettrica e spiega ai clienti come possono ridurre la domanda. La sua dichiarazione non menzionava il Diablo Canyon, in cui operano le strutture.

READ  Milioni di api mellifere lasciate morire al forno in una gabbia

Funzionari statali hanno affermato venerdì che la California dovrà probabilmente affrontare una carenza di energia equivalente a quella necessaria per alimentare circa 1,3 milioni di case quando l’uso sarà al suo apice durante i caldi e secchi mesi estivi.

I funzionari hanno affermato che le minacce da siccità, calore estremo e incendi, così come la catena di approvvigionamento e le questioni normative che frenano l’industria solare creeranno sfide per l’affidabilità energetica quest’estate e negli anni a venire. Rappresentavano la California Public Utilities Commission, la California Energy Commission e il California Independent System Operator, che gestisce la rete elettrica dello stato.

I modelli statali presuppongono che lo stato avrà 1.700 megawatt di potenza in meno di quanto necessita durante i periodi di maggiore richiesta, di solito in prima serata con il tramonto, nei mesi più caldi quando i condizionatori d’aria sono in pieno utilizzo.

| Copertura precedente | La rete elettrica della California può sopportare un’altra calda estate?

Secondo la Energy Commission, un megawatt fornisce tra 750 e 1.000 case in California. Nelle condizioni più estreme, la carenza potrebbe essere molto peggiore: 5.000 megawatt, o abbastanza per alimentare 3,75 milioni di case.

“L’unica cosa che ci aspettiamo è di vedere condizioni nuove e sorprendenti e cerchiamo di essere preparati a tali condizioni”, ha affermato Alice Reynolds, presidente della California Public Utilities Commission, che regola i principali servizi di pubblica utilità come Pacific Gas & Electric.

Il cambiamento climatico sta causando una massiccia siccità in California, che quest’anno ha avuto il mese più secco mai registrato, da gennaio a marzo. Molti dei bacini idrici dello stato sono ben al di sotto dei livelli medi e la scorsa estate lo stato ha interrotto per la prima volta la produzione idroelettrica presso la diga di Oroville a causa dell’insufficienza d’acqua. Era di nuovo operativo, hanno detto i funzionari, ma l’arresto è costato allo stato 600 megawatt di energia.

READ  JetBlue offre bonus di presenza di $ 1.000 agli assistenti di volo per aumentare i viaggi primaverili

I grandi progetti idroelettrici hanno generato quasi il 14% dell’elettricità dello stato nel 2020, secondo l’operatore di sistema indipendente. Le fonti di energia rinnovabile, in particolare l’energia solare, rappresentano il 34,5% e l’energia nucleare il 10%.

Tra le carenze previste quest’estate, lo stato – e i residenti – hanno più strumenti per evitare i blackout. I funzionari hanno affermato che l’energia potrebbe essere acquistata da altri stati e che i residenti potrebbero ridurne l’uso durante il picco della domanda, ma che c’era ancora carenza di energia durante le situazioni difficili. Reynolds ha esortato le persone a considerare di ridurre il loro consumo energetico facendo cose come rinfrescare le loro case all’inizio della giornata e poi spegnere i loro condizionatori d’aria al tramonto.

Nell’agosto 2020, in mezzo al caldo soffocante, un operatore di sistema autonomo della California ha ordinato ai servizi di pubblica utilità di interrompere temporaneamente l’alimentazione a centinaia di migliaia di clienti.

Mark Rothelider, vicepresidente senior dell’operatore di sistema, ha affermato che lo stato sarà più vulnerabile a un altro blackout quest’anno se l’intero Occidente subirà un’ondata di caldo allo stesso tempo. Ciò ostacolerebbe la capacità della California di acquistare energia in eccesso da altri stati. Ha detto che gli incendi potrebbero anche ostacolare la capacità dello stato di mantenere il potere.

La California sta spostando la sua rete dalle fonti di energia che emettono gas serra a fonti a zero emissioni di carbonio come l’energia solare ed eolica. Con le centrali elettriche più vecchie pronte per il pensionamento, inclusa la centrale nucleare di Diablo Canyon, lo stato ha meno opzioni di alimentazione disponibili. Entro il 2025, lo stato perderà 6.000 megawatt di potenza a causa della prevista chiusura della centrale.

READ  5 titoli al dettaglio che potrebbero brillare in un rallentamento

Ana Matosantos, segretario di gabinetto nel governo di Gavin Newsom, ha rifiutato di condividere i dettagli di altre misure che l’amministrazione potrebbe adottare per garantire l’affidabilità, dicendo solo che Newsom stava esaminando un “gruppo di misure diverse”. Il governatore democratico ha recentemente affermato di essere disposto a mantenere aperto il Diablo Canyon dopo la sua prevista chiusura nel 2025.

Nel frattempo, i problemi della catena di approvvigionamento causati dalla pandemia stanno rallentando la disponibilità delle apparecchiature necessarie per individuare più sistemi solari con batterie in grado di immagazzinare energia da utilizzare quando il sole non splende.

Funzionari statali hanno anche citato un’indagine del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti sulle importazioni di pannelli solari dal sud-est asiatico come qualcosa che potrebbe ostacolare il passaggio della California verso l’energia pulita.

La California ha fissato l’obiettivo di ottenere il 100% della sua elettricità da fonti non di carbonio entro il 2045, con alcuni parametri di riferimento lungo il percorso tra cui il 60% entro il 2030. Lo stato ha già superato quell’obiettivo a volte, specialmente durante il giorno. La quantità di energia che proviene da fonti rinnovabili varia in base all’ora del giorno e dell’anno, nonché a quella disponibile.

L’operatore del sistema ha recentemente affermato di aver raggiunto il record di ottenere oltre il 99% della sua energia da fonti non di carbonio intorno alle 15:00, anche se è durato solo pochi minuti.

L’energia solare costituisce di gran lunga la quota maggiore di energia rinnovabile, anche se raggiunge il picco durante il giorno e diminuisce drasticamente di notte quando il sole tramonta. Lo stato sta aumentando lo stoccaggio della batteria in modo che l’energia solare possa continuare a essere utilizzata quando è buio, ma la capacità dello stato è ancora gravemente carente.

Pacific Gas & Electric, che serve circa 16 milioni di persone in California, ha aggiunto più batterie di accumulo dal blackout del 2020 e sta lavorando a programmi per ridurre il carico energetico durante i picchi di domanda, ha affermato la portavoce Lynsey Paulo in una nota. Ha aggiunto che l’azienda conserva l’acqua nei bacini idrici che fanno affidamento su di essa per generare energia idroelettrica e spiega ai clienti come possono ridurre la domanda. La sua dichiarazione non menzionava il Diablo Canyon, in cui operano le strutture.