Luglio 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Inondazioni in Sud Africa: aggiornamenti in tempo reale

Inondazioni in Sud Africa: aggiornamenti in tempo reale

credito…Joao Silva/The New York Times

JOHANNESBURG – Le inondazioni di Durban sono uno dei disastri naturali più mortali del Sud Africa, ma parte del motivo per cui così tante persone muoiono è causato dall’uomo: l’incapacità dello Stato di far fronte a una lunga crisi abitativa.

Milioni di sudafricani – in un paese con un tasso di disoccupazione superiore al 35 per cento – non possono permettersi di acquistare case stabili e permanenti. Molti finiscono per costruire capanne di latta ovunque trovano terra, spesso in siti meno favorevoli, creando quelli che qui sono conosciuti come insediamenti informali.

Nel caso di Durban e dell’area circostante, queste località si trovano spesso in basse valli vicino a fiumi o su pendii ripidi, tra le più pericolose in caso di forti temporali, come è avvenuto una settimana fa.

Dopo una settimana di pioggia, smottamenti e inondazioni hanno raso al suolo centinaia di capanne a Durban. Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha affermato che gli insediamenti informali sono stati particolarmente colpiti dal maltempo. Quasi 4.000 case sono state distrutte, molte delle quali in insediamenti informali.

Gli insediamenti informali sono per molti versi l’eredità dell’apartheid. Durante quel periodo, la maggioranza nera in Sud Africa sbarcò per vivere in luoghi remoti. Una volta terminato il sistema dell’apartheid, la popolazione nera poté finalmente muoversi liberamente nelle città del proprio paese.

Tuttavia, molti hanno lottato per trovare un posto dove stabilirsi nelle città che erano state costruite per tenerli deliberatamente lontani. Quindi negli anni successivi all’apartheid, quando milioni di persone in tutto il Sud Africa hanno lasciato le aree rurali povere per vivere e lavorare nelle città, non sono state in grado di trovare un alloggio adeguato. Si stabilirono invece in capanne di latta, che proliferarono in molte città del paese.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

Nel tentativo di spiegare la carenza di alloggi a prezzi accessibili, il governo sudafricano ha costruito più di tre milioni di case libere dalla fine dell’apartheid, secondo rapporto del governo. Ma anche questo non ha tenuto il passo con la domanda. Nel corso degli anni sono sorte più capanne in più città, causando una crisi abitativa con un arretrato di oltre due milioni di famiglie in cerca di riparo.

Ha detto Edward Mulube, ricercatore presso l’Institute of Socio-Economic Rights in Sud Africa.

E anche le case a scatola di fiammiferi gratuite costruite come parte del programma nazionale di edilizia abitativa del Sud Africa soffrono delle stesse sfide della pianificazione territoriale dell’era dell’apartheid e dei budget limitati. Queste case sono costruite lontano dai centri cittadini, dove la terra costa meno ma le opportunità di lavoro sono scarse. Anni dopo furono costruiti ospedali e scuole.

Il signor Mulube ha affermato che molti di coloro che sono stati in grado di ottenere un alloggio gratuito scelgono invece di tornare nelle baraccopoli perché sono più vicine alle città e al lavoro, scambiando migliori condizioni di vita con opportunità economiche.

“L’idea era fondamentalmente lo stesso schema di apartheid nel pensare che i poveri neri sudafricani non meritassero di essere città vicine”, ha detto Sebo Zikode, uno dei leader della base Abahlali Mjondolo, un movimento di baraccopoli.

In tutto il paese, l’11,8% delle famiglie in Sud Africa vive in questi alloggi informali, secondo Statistics South Africa, un’agenzia governativa.

Il presidente Ramaphosa, nel suo discorso alla nazione lunedì sera, ha riconosciuto che il governo deve essere più approfondito su dove collocherà gli alloggi.

READ  Il Consiglio delle Nazioni Unite sospende l'appartenenza della Russia al più alto organismo per i diritti umani

La ricostruzione dalle inondazioni, ha affermato, “includerà anche la costruzione di case in aree idonee e misure per proteggere i residenti di queste aree da tali eventi meteorologici avversi in futuro”.