Luglio 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

JPL Logo

Ingegneri che indagano sui dati di telemetria della Voyager 1 della NASA

Il team continuerà a monitorare da vicino il segnale mentre continuano a determinare se i dati non validi provenissero direttamente dall’AACS o da un altro sistema coinvolto nella produzione e trasmissione di dati di telemetria. Fino a quando la natura del problema non sarà compresa meglio, il team non può prevedere se ciò potrebbe influenzare il tempo in cui il veicolo spaziale può raccogliere e trasmettere dati scientifici.

La Voyager 1 si trova attualmente a 14,5 miliardi di miglia (23,3 miliardi di km) dalla Terra e ci vogliono 20 ore e 33 minuti di luce per fare la differenza. Ciò significa che ci vogliono circa due giorni per inviare un messaggio a Voyager 1 e ottenere una risposta, un ritardo a cui il team della missione è ben abituato.

“Un puzzle come questo è un po’ come il corso a questo punto della missione Voyager”, ha affermato Susan Dodd, project manager di Voyager 1 e 2 presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California. “Il veicolo spaziale ha circa 45 anni, che è molto al di là di quanto previsto dai pianificatori della missione. Siamo anche nello spazio interstellare, un ambiente altamente radioattivo in cui nessun veicolo spaziale ha mai volato prima. Quindi ci sono alcune grandi sfide per il team di ingegneri. Ma penso che Che se c’è un modo per risolvere questo problema con l’AACS, il nostro team lo troverà”.

È possibile che il team non trovi la fonte del difetto, ha detto Dodd, e si adatterà invece ad esso. Se trovano la fonte, potrebbero essere in grado di risolvere il problema attraverso modifiche al software o forse utilizzando uno dei sistemi hardware ridondanti del veicolo spaziale.

READ  Il "laser spaziale" irradia direttamente sulla Terra da una distanza di 5 miliardi di anni luce

Non sarebbe stata la prima volta che il team Voyager ha fatto affidamento su hardware di backup: nel 2017, i propulsori iniziali di Voyager 1 hanno mostrato segni di usura, quindi gli ingegneri hanno dimostrato Passato a un altro set di propulsori originariamente utilizzati durante i veicoli spaziali incontri con i pianeti. Quei motori funzionavano, anche se non venivano usati da 37 anni.

Il gemello di Voyager 1, Voyager 2 (attualmente a 12,1 miliardi di miglia, o 19,5 miliardi di km, dalla Terra), continua a funzionare normalmente.

Entrambi i Voyager sono stati lanciati nel 1977 e hanno operato per molto più tempo del previsto dai pianificatori della missione, gli unici due veicoli spaziali a raccogliere dati nello spazio interstellare. Le informazioni fornite da quest’area hanno aiutato a inviare un file comprensione più profonda L’eliosfera, la barriera diffusa che il sole crea attorno ai pianeti del nostro sistema solare.

Ogni veicolo spaziale produce circa 4 watt in meno di energia elettrica all’anno, il che limita il numero di sistemi che il veicolo spaziale può operare. Il team di ingegneri della missione ha Spegnere diversi sottosistemi e riscaldatori Per il risparmio energetico di strumenti scientifici e sistemi vitali. Nessuno strumento scientifico è stato ancora disattivato a causa del calo di potenza e il team Voyager sta lavorando per mantenere in funzione le due navicelle spaziali e riportare la scienza unica oltre il 2025.

Mentre gli ingegneri continuano a lavorare sul mistero presentato loro da Voyager 1, gli scienziati della missione continueranno a cercare Ottieni il massimo dai tuoi dati Scendi dal punto di osservazione unico del veicolo spaziale.

Maggiori informazioni sulla missione

La navicella spaziale Voyager è stata costruita da JPL, che continua a operare entrambe. JPL è una divisione del California Institute of Technology di Pasadena. Le missioni Voyager fanno parte dell’Osservatorio del sistema eliofisico della NASA, sponsorizzato dalla divisione eliofisica della direzione della missione scientifica a Washington.

READ  Resti del "più grande pterosauro giurassico del mondo" scoperti in Scozia | dinosauri

Per ulteriori informazioni sulla navicella spaziale Voyager, visitare:

https://www.nasa.gov/voyager