Gennaio 25, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Influenza suina africana diagnosticata per la prima volta in Italia, osservata nelle Alpi Marittime

Il 5 gennaio a un cinghiale è stata diagnosticata l’influenza suina africana (PSA) a Ovada, in Piemonte. Questo 1° caso sulla terraferma italiana fa sensibilizzazione nelle vicine Alpi Marittime.

Un caso Influenza suina africana (PPA) È stato appena scoperto nel nord Italia (Piemonte) a 100 km dal confine con la Francia. L’origine di questa infezione non è ancora nota.

Secondo il “cacciatore francese” , Altri due casi, ancora confermati nel cinghiale: uno a Franconaldo, in provincia di Alessandria, e l’altro a Isola del Canton, Provincia di Genova (link in italiano).

L’influenza suina africana è una malattia emorragica virale infettiva dei maiali e dei cinghiali. Si verifica per una ragione Il virus che infetta le zecche.

Ricordiamo che chiunque possieda almeno un maiale dovrebbe iscriversi ai servizi statali e seguire una formazione obbligatoria sulla biosicurezza. Dovrebbe essere evitato il contatto tra maiali domestici e animali selvatici.

Il municipio di Casteller nelle Alpi Marittime attrae Anti corruzione. La città attraversa il confine italiano:

Se viene trovato un maiale morto, dovrebbe esserlo Rapporto presto.

Il Ministro dell’agricoltura La sua campagna di comunicazione è stata lanciata all’inizio di novembre. È stata rilasciata una clip per controllare la diffusione della malattia tra allevatori, cacciatori e camminatori:

L’ASF in Francia è ancora sotto sorveglianza. Grazie Rete SAGIR. È una rete di sorveglianza per le malattie infettive degli uccelli e dei mammiferi della fauna selvatica.

READ  L'Italia non è più il primo produttore mondiale di pomodoro