Agosto 8, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Incarcerato l’ex presidente boliviano Jeanine Anez, leader del “golpe” | Bolivia

Un tribunale boliviano ha ritenuto l’ex presidente Jeanine Anez colpevole di aver ideato il colpo di stato che l’ha portata al potere durante una crisi politica del 2019.

È stata condannata a 10 anni di carcere.

Nez, 54 anni, è stato condannato venerdì per “decisioni incostituzionali” e “inosservanza del dovere”.

I pubblici ministeri hanno affermato che Onez, che all’epoca era un senatore di destra, ha violato le regole che garantiscono l’ordine costituzionale e democratico dopo le elezioni presidenziali del 2019 in Bolivia.

La Bolivia era divisa sul fatto che si fosse verificato un colpo di stato quando l’allora presidente Evo Morales si è dimesso nel 2019, con Onez che è salito alla presidenza in mezzo a un vuoto di leadership. La partenza di Morales è avvenuta dopo le proteste di massa per un’elezione controversa in cui ha rivendicato un controverso quarto mandato consecutivo.

Áñez afferma di essere innocente. Il caso controverso ha ulteriormente messo in luce le linee di frattura in un paese profondamente diviso, sollevando preoccupazioni per il suo processo giudiziario.

Cesar Munoz, ricercatore senior presso Americhe In Human Rights Watch.

Ad Anez non è stato permesso di assistere di persona al processo, invece a seguito dell’udienza e della condivisione dal carcere. È detenuta dal suo arresto nel marzo 2021 con l’accusa preliminare di terrorismo, sedizione e cospirazione.

Membri e sostenitori del partito di Morales, Movimento per il socialismo (MAS), tornato al potere nel 2020, affermano che Anez ha svolto un ruolo chiave in quello che ha descritto come un colpo di stato contro Morales, il primo presidente indigeno della Bolivia, che ha supervisionato la drammatica riduzione della povertà. Presidente dal 2005 al 2019.

In qualità di presidente, Nez ha attirato critiche per aver regolato i conti politici quando la sua amministrazione ha perseguito ex funzionari del MAS.

I sostenitori di Anez affermano che il suo processo era illegale e politico. Al processo, Anez ha affermato di essere un prodotto delle circostanze e che la sua ascesa alla prima posizione ha contribuito a calmare una nazione sfilacciata e ha gettato le basi per le elezioni di ottobre 2020.

“Non ho mosso un dito per diventare presidente, ma ho fatto quello che dovevo”, ha detto Nez nella sua ultima dichiarazione al giudice. “Ho assunto la presidenza della repubblica per impegno come previsto dalla costituzione”.

READ  Le inondazioni sudafricane uccidono 59 persone e sciamano le strade