Novembre 28, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il telescopio Webb rivela l'atmosfera dannosa di un pianeta distante 700 anni luce

Il telescopio Webb rivela l’atmosfera dannosa di un pianeta distante 700 anni luce

Impressione di un artista della superficie di WASP-39b.

Astrofisici sulla Terra nessun estraneo a WASP-39b, un esopianeta in orbita attorno a una stella a 700 anni luce dalla Terra, anche se in realtà non l’hanno visto direttamente. Ora, il telescopio spaziale Webb ha fornito nuove informazioni su questo mondo lontano: le sue osservazioni hanno rivelato un elenco di ricette per l’atmosfera tossica del pianeta.

WASP-39b è un gigante gassoso della massa di Saturno e delle dimensioni di Giove, ma orbita attorno alla sua stella a circa la stessa distanza di Mercurio dal Sole, il che rende il pianeta esterno molto caldo. Era un pianeta extrasolare Scoperto nel 2011; All’inizio di quest’anno, le osservazioni del telescopio Webb aprire L’anidride carbonica si annida nella sua atmosfera.

Ora sono state identificate più molecole e composti chimici, comprese prove di acqua, anidride solforosa, monossido di carbonio, sodio e potassio. I risultati sono in fase di revisione per la pubblicazione e Disponibile ora Sul server di prestampa arXiv.

Shang-Min Cai, ricercatore dell’Università di Oxford, autore principale dell’articolo che spiega la presenza di anidride solforosa nell’atmosfera del pianeta, ha affermato in una nota. Lancio dell’Agenzia spaziale europea. “Vedo questa come una prospettiva davvero promettente per far progredire la nostra comprensione delle atmosfere esterne degli esopianeti [this mission]. “

Annusare le sostanze chimiche che fluttuano nell’atmosfera di un mondo lontano non è un’impresa da poco. L’esopianeta confermato più vicino è a 24,9 trilioni di miglia di distanza. Tuttavia, Webb è stato in grado di rilevare tali particelle ultrafini in WASP-39b.

Quattro disegni mostrano gli spettri osservati.

Webb ha osservato il pianeta aspettando che passasse davanti alla sua stella ospite; Quando ciò accadde, la luce della stella illuminò il pianeta da dietro. Webb ha catturato le lunghezze d’onda infrarosse di questa luce e gli scienziati possono dedurre quali sostanze chimiche sono presenti nell’atmosfera in base alle lunghezze d’onda della luce che assorbono.

Le capacità di Webb hanno implicazioni più ampie per comprendere la diversità degli esopianeti nella nostra galassia, con un’enfasi sulla loro potenziale abitabilità. Dato il suo calore estremo e la composizione gassosa, WASP-39b non è certamente ospitale per nessuna forma di vita di cui siamo a conoscenza, ma mostra il tipo di analisi molecolare che Webb potrebbe applicare a mondi lontani.

“Non vedo l’ora di vedere cosa troviamo nelle atmosfere dei piccoli pianeti terrestri”, ha detto Mercedes Lopez-Morales, astronoma del Center for Astrophysics. Harvard e Smithsonian e coautore di un lavoro recente, nell’edizione ESA.

Dati suggeriti per i ricercatori Che le sostanze chimiche nell’atmosfera del pianeta potrebbero disintegrarsi in nuvole, piuttosto che essere distribuite uniformemente nell’atmosfera. Sulla base dell’abbondanza relativa delle sostanze chimiche nell’atmosfera, i ricercatori ritengono che WASP-39b sia derivato da planetesimi che si aggregano nel tempo.

Anche se non sappiamo dove Webb si rivolgerà a IR Il prossimo sguardo, lo sappiamo, Ad un certo punto, di più Gli esopianeti saranno all’ordine del giorno. Webb ha già studiato le atmosfere dei pianeti rocciosi nel sistema TRAPPIST-1 e potrebbe tornare nel sistema in tempo. Puoi tenere il passo con gli ultimi gol di Webb quaggiù.

Di più: il telescopio Webb evidenzia una galassia nebbiosa una volta

READ  I fisici stanno avanzando nella corsa alla superconduttività a temperatura ambiente