Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il supervulcano Yellowstone ha distrutto un ecosistema ma lo ha salvato per noi

Il supervulcano Yellowstone ha distrutto un ecosistema ma lo ha salvato per noi

Ingrandire / Vista interna del recinto dei rinoceronti. Scheletri fossili esposti lasciati nel sito per la ricerca e l’esposizione al pubblico.

Rick E. Otto, Museo statale dell’Università del Nebraska

La morte era ovunque. I cadaveri degli animali erano sparsi ovunque, inzuppati nelle paludi locali, mentre la cenere spazzava via tutto sul suo cammino. Per alcuni, la morte è avvenuta rapidamente; Per altri, la morte è stata lenta e dolorosa.

Questa scena è avvenuta all’indomani di una massiccia eruzione vulcanica nell’Idaho, a circa 1.600 chilometri (900 miglia) di distanza. L’eruzione fu così potente che distrusse il vulcano stesso, lasciando un cratere largo 80 chilometri (50 miglia) e sputando nuvole di cenere trasportate per lunghe distanze dal vento, uccidendo quasi tutto ciò che lo inalava. Ciò era particolarmente vero qui, in questo sito del Nebraska, dove animali grandi e piccoli morirono a causa delle emissioni mortali dell’eruzione.

Alla fine, ogni traccia di questo terribile evento fu sepolta; La vita continuò, si sviluppò e cambiò. Ecco perché, milioni di anni dopo, nell’estate del 1971, Michael Voorhees poté godersi un’altra divertente giornata di esplorazione.

Trova un unicorno

Come faceva ogni estate tra gli anni scolastici, ha creato una mappa geologica della sua città natale nel Nebraska. Ciò significava andare di fattoria in fattoria e chiedere se poteva attraversare la proprietà per esaminare le rocce e cercare fossili. “Fondamentalmente sono solo un ragazzino nel cuore, e fare il paleontologo in estate era la mia idea di paradiso”, ha detto ad Ars Voris, ora in pensione dall’Università della Georgia.

Ciò che attirò la sua attenzione in una fattoria in particolare fu uno strato di cenere vulcanica, qualcosa di prezioso per geologi e paleontologi, che lo usano per determinare l’età dei sedimenti. Ma man mano che si avvicinava, scopriva anche ho notato “Ossa esposte.” “Trovare una mascella inferiore ancora attaccata al cranio è stato davvero interessante!”, ha detto. “Quello che trovi sono principalmente ossa e denti isolati.”

READ  Un razzo SpaceX lancia 54 satelliti Starlink e atterra in mare sul volo numero 16 (video)

Quel teschio apparteneva a un giovane rinoceronte. Voris e alcuni dei suoi studenti tornarono sul sito per scavare ulteriormente e scoprirono i resti del rinoceronte, completi (cioè le sue ossa scheletriche erano collegate come se fosse vivo). Ulteriori scavi hanno portato alla luce gli scheletri intatti di altri cinque o sei rinoceronti. Ciò bastò per ottenere finanziamenti dal National Geographic per condurre massicci scavi avvenuti tra il 1978 e il 1979. Le squadre hanno raccolto, tra molti altri animali, un totale di 70 scheletri di rinoceronte completi.

Per mettere questo in prospettiva, la maggior parte dei siti fossili – anche quelli spettacolari che contengono molti animali – sono costituiti principalmente da scheletri smontati, pezzi di un puzzle che i paleontologi rimettono faticosamente insieme. Ma qui c’era qualcosa che nessun altro sito aveva mai prodotto prima: un gran numero di scheletri completi conservati dove morirono.

Voorhees e altri si resero conto che c’era ancora molto da scoprire, quindi fecero appello alla comunità più ampia del Nebraska affinché aiutasse a preservare l’area. Grazie al duro lavoro e alle ingenti donazioni locali, l’area è stata salvata. Parco fossile di Ashvale Ha aperto al pubblico nel 1991 e conta due dipendenti a tempo pieno.

I fossili rinvenuti ora sono stati lasciati al loro posto, nel senso che rimangono esposti esattamente dove sono stati ritrovati, protetti da un’imponente struttura chiamata Fienile dei rinoceronti di Hubbard. Scavare all’interno della stalla è più lento e più coerente un passo Gli scavi in ​​quest’area sono più avanzati rispetto a quelli degli anni ’70, in gran parte a causa del piccolo numero di dipendenti stagionali a rotazione – per lo più studenti universitari – che scavano più in profondità ogni estate.

READ  Come il James Webb Space Telescope ha cambiato l'astronomia nel suo primo anno
Il recinto del rinoceronte protegge il letto fossile dagli elementi.
Ingrandire / Il recinto del rinoceronte protegge il letto fossile dagli elementi.

Foto di Rick E. Otto, Museo statale del Nebraska

Un ecosistema completo

Quasi 50 anni di scavi e ricerche hanno rivelato la storia di un evento catastrofico e delle sue conseguenze, avvenuto nel Nebraska e di cui nessuno avrebbe saputo nulla – dove specie come unicorno, bellezzaEra comune vedere cervi con le zanne affilate.

Ma per comprendere questa storia, dobbiamo impostare la scena. L’area che oggi conosciamo come Ashfall Fossil Beds era in realtà un abbeveratoio durante il Miocene ed era frequentata da una varietà di animali. Lo sappiamo perché ci sono fossili di questi animali in uno strato di sabbia sul fondo del cratere, uno strato che non è stato interessato dalla massiccia eruzione vulcanica.

Rick Otto è stato uno degli studenti che hanno scavato i fossili nel 1978. È diventato sovrintendente di Ashfall nel 1991 e si è ritirato alla fine del 2023. “C’erano animali che morivano di morte naturale intorno alla pozza d’acqua di Ashfall prima che scoppiasse la tempesta di cenere vulcanica”, ha detto Otto ad Ars. Spiega i fossili trovati in quelle sabbie. Dopo essere stati riesumati, i loro corpi potrebbero essere stati calpestati da qualche grosso animale in visita alla pozza d’acqua, che avrebbe “spinto quelle ossa nella sabbia”.