Luglio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il razzo controllato dalle condizioni meteorologiche SpaceX Falcon 9 lancia 22 satelliti Starlink da Cape Canaveral – Spaceflight Now

Il razzo controllato dalle condizioni meteorologiche SpaceX Falcon 9 lancia 22 satelliti Starlink da Cape Canaveral – Spaceflight Now

Aggiornato alle 1:50 EST (0240 UTC): Dettagli di lancio aggiunti dopo il lancio della missione Starlink 6-21.

Lontano dallo Space Launch Complex 40 presso la Cape Canaveral Space Force Station, il razzo Falcon 9 di SpaceX salta dalla 70a piattaforma di volo orbitale della compagnia nel 2023. Foto: Adam Bernstein

Dopo una serata di raffiche di vento e molteplici spostamenti orari di decollo T-0, SpaceX è stata in grado di lanciare un razzo Falcon 9 da Cape Canaveral giovedì mattina nella 44a missione di consegna Starlink dell’anno.

Il lancio è avvenuto dallo Space Launch Complex 40 all’1:36 EDT (05:36 UTC), la quarta opportunità di lancio su cinque possibilità nella finestra. SpaceX non ha fornito alcuna spiegazione per il ritardo, ma forti venti hanno colpito l’area durante la notte.

Il 45° squadrone meteorologico della US Space Force, con base a Cape Canaveral, ha avvertito della pioggia diffusa al largo dell’Oceano Atlantico e di forti venti. Hanno previsto una probabilità del 50% di una violazione delle regole meteorologiche, con cumulonembi e venti al decollo le principali preoccupazioni.

Il razzo Falcon 9 trasporta 22 satelliti di seconda generazione per il servizio Internet Starlink di SpaceX. La società ha annunciato questa settimana che il suo servizio è ora disponibile in tutti gli Stati Uniti grazie a una capacità aggiuntiva quattro volte superiore fornita dall’ultimo modello satellitare di Starink, noto come V2 Mini. Recentemente ha affermato che Starlink ha ora più di 2 milioni di abbonati in più di 60 paesi.

Dopo il decollo, il razzo Falcon 9 si è diretto verso sud-est, puntando a un’orbita inclinata di 43 gradi rispetto all’equatore. Il booster del primo stadio, al suo ottavo volo, si è separato dal secondo stadio dopo circa due minuti e mezzo di volo, atterrando sulla nave drone “Just Read instructions”. La corazzata era di stanza nell’Oceano Atlantico a est delle Bahamas, a circa 420 miglia (675 km) da Cape Canaveral.

READ  Ecco perché la NASA ha impiegato così tanto tempo per provare a lanciare un altro Artemis I

Il booster, numero di coda B1076, ha volato per la prima volta nella missione cargo CRS-26 nel novembre 2022. Ha continuato a volare nelle missioni OneWeb Launch 16 e Intelsat IS-40e e ha anche consegnato quattro cargo Starlink. Il suo ultimo volo è avvenuto il 9 settembre 2023, diventando così il quarto volo più veloce di un razzo Falcon 9 tra i voli.

Sarebbero necessarie due accensioni del secondo stadio del Falcon 9 per posizionare i satelliti nell’orbita richiesta di 182 x 176 miglia (293 x 284 km). È prevista la separazione del raggio satellitare a poco più di un’ora dall’inizio del volo.

Secondo le statistiche compilate da Jonathan McDowell, astronomo ed esperto ampiamente rispettato di attività di volo spaziale, SpaceX ha lanciato finora 5.200 satelliti Starlink e il numero di satelliti Starlink rimasti in orbita è pari a 4.842.

Un razzo Falcon 9 decollerà nei cieli della Florida durante la missione Starlink 6-21 giovedì 5 ottobre. Foto: Michael Caine