Luglio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Partito popolare spagnolo conservatore espelle i socialisti alle elezioni regionali

Il Partito popolare spagnolo conservatore espelle i socialisti alle elezioni regionali

MADRID (Reuters) – I socialisti al potere in Spagna hanno subito pesanti perdite contro i conservatori dell’opposizione alle elezioni locali di domenica con quasi il 95% dei voti contati, sottolineando la loro debolezza elettorale in vista delle elezioni generali di fine anno.

Solo tre delle 12 regioni in cui si terranno le elezioni manterranno il dominio socialista con margini molto ristretti, e il resto andrà probabilmente al Partito popolare conservatore, anche se attraverso alleanze o patti informali di sostegno con il partito di estrema destra Vox.

“La mappa sta cambiando completamente ed è una spinta per Alberto Nunez Figo – il nuovo leader del Partito popolare – in vista delle elezioni di fine anno”, ha detto Ignacio Jurado, professore di scienze politiche all’Università Carlos III.

I successi del Partito popolare (PP) suggeriscono che i conservatori potrebbero sconfiggere la coalizione di sinistra in carica guidata dal Partido Socialista Obrero Español (PSOE) se ripeteranno la performance alle elezioni nazionali entro dicembre.

I numeri hanno mostrato poche chiare maggioranze, con l’eccezione della regione di Madrid, dove la presidente provinciale Isabel Diaz Ayuso del PPP sembrava pronta a vincere la rielezione con una netta maggioranza.

“Nel voto, il blocco di destra si espande, ma non in modo significativo. Ma questa oscillazione è sufficiente per spostare il baricentro da sinistra a destra”, ha detto Jurado.

Le principali battute d’arresto per i socialisti provenivano dalle perdite nelle regioni di Valencia, Aragona e Isole Baleari, nonché in uno dei più importanti feudi socialisti, la regione dell’Estremadura nella Spagna sudoccidentale.

READ  Schultz nega qualsiasi illecito nell'affrontare miliardi di euro di frode fiscale

“Lo tsunami che oggi ha travolto tutte le regioni spagnole ha spazzato via”, ha detto Javier Lampan, presidente socialista uscente dell’Aragona, in una conferenza stampa in cui ha ammesso la sconfitta.

La leadership nelle Isole Canarie sarà determinata dagli accordi, ma il PSOE ha poche possibilità di mantenere il potere.

La portavoce del PSOE Pilar Alegria ha detto in una conferenza stampa che i risultati non sono stati “quelli che speravamo”.

Nelle grandi città come Valencia e Siviglia, dove sono stati eletti anche i sindaci, il conteggio si è spostato a favore del Partito popolare, che ha ottenuto la maggioranza assoluta anche nella città di Madrid.

Barcellona era lontana dalle grandi città, dove un partito indipendentista ha ottenuto il maggior numero di voti con un margine così ristretto che avrebbe avuto bisogno di un accordo con i socialisti per spodestare il sindaco in carica, Ada Colau.

Le campagne elettorali sono state segnate da molte polemiche, dalle accuse di brogli elettorali nelle piccole città a un caso senza precedenti di rapimento.

Il conteggio ha mostrato un ritorno a un sistema bipartitico dominato dal Partito socialista dei lavoratori e dal Partito popolare dopo un decennio di maggiore partecipazione di partiti minori come il Podemos di sinistra e il centrista Ciudadanos, che sembravano in gran parte aver perso i seggi al Partito Popolare.

(Segnalazione di Jessica Jones e Belene Carino) Scritto da Jessica Jones. Montaggio di Hugh Lawson, Howard Goller e Deepa Babbington

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.