Febbraio 2, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il ministro della Difesa tedesco Christine Lambrecht si dimette – DW – 16/01/2023

Il ministro della Difesa tedesco Christine Lambrecht, dei socialdemocratici di centrosinistra, ha annunciato ufficialmente le sue dimissioni lunedì dopo un fine settimana di speculazioni sul suo futuro.

Lambrecht era sotto forte pressione a causa di un video che ha pubblicato su Instagram il giorno di Capodanno dalle strade di Berlino, in cui cercava di riassumere la sua esperienza della guerra in Ucraina, ma è stata quasi soffocata dal rumore dei fuochi d’artificio che esplodevano intorno suo.

I membri dell’Unione Democratica Cristiana (CDU) hanno definito la lettera assordante e l’hanno esortata a dimettersi.

“L’attenzione dei media che si è concentrata per mesi sulla mia persona non consente di scrivere e riferire oggettivamente su personale militare, donne, Bundeswehr e decisioni sulla politica di sicurezza a beneficio dei cittadini tedeschi”, ha scritto lunedì Lambrecht in una dichiarazione.

Schultz: La sostituzione sarà annunciata rapidamente

Il cancelliere Olaf Scholz è rimasto fedele a Lamprecht fino alla fine, descrivendola come “di prim’ordine” fino a dicembre.

Schultz ha detto lunedì di avere una “idea chiara” dei piani per sostituire Lambrecht e avrebbe annunciato rapidamente le sue intenzioni, ma ha detto che è troppo presto per discuterne lunedì. Ha elogiato Lamprecht per il suo lavoro nel tentativo di inaugurare le riforme in uno dei ministeri più difficili della Germania.

“Ho lavorato con grande coinvolgimento per allontanarmi dai percorsi seguiti da decenni in modo da poter gestire la grande ripartenza necessaria per la difesa nazionale e anche per l’Ucraina”, ha detto.

Anno difficile in difesa

Il mandato di Lambrecht, anche prima della guerra in Ucraina, iniziò in modo infausto. Gli esperti militari erano incerti sulla sua esperienza e il suo anno in carica divenne una serie di piccoli scandali. Lambrecht ha dovuto anche criticare molto la riluttanza del governo tedesco a inviare armi pesanti in Ucraina.

Il ministro della Difesa tedesco si dimette

Per visualizzare questo video, abilita JavaScript e prendi in considerazione l’aggiornamento a un browser web Supporta video HTML5

Ma non ha aiutato il fatto che abbia portato suo figlio adulto in un viaggio ufficiale in un’unità militare nel nord della Germania su un elicottero delle forze armate tedesche, per raggiungerlo in vacanza a Sylt.

Ma forse più importante degli scandali della famiglia è l’apparente perdita di fiducia nelle forze armate, con fughe di notizie emerse dai media tedeschi nelle ultime settimane.

ha detto una fonte Lo Spiegel Questo fine settimana, il Ministero della Difesa è caduto in una “profonda dormienza” sotto Lambrecht. “Ciò che alla fine l’ha portata a dimettersi è stata la completa perdita dell’autorità del Ministero della Difesa”, ha affermato Rafael Luce, esperto di difesa presso il Consiglio europeo per le relazioni estere (ECFR). “Penso che ciò suggerisca che anche se avesse continuato come ministro sarebbe stata una causa persa”.

Schultz spera che la sua nuova nomina fornisca una certa stabilità al ministero. Tra i candidati proposti dai media tedeschi ci sono il leader del Partito socialdemocratico Lars Klingbeil, il ministro del lavoro di lunga data Hubertus Hill ed Eva Högel, il commissario parlamentare speciale per l’esercito tedesco. Un successore verrebbe quasi certamente dai socialdemocratici guidati da Schulz, per mantenere l’equilibrio nel gabinetto concordato durante i negoziati di coalizione. Schulz ha anche promesso di mantenere la parità tra uomini e donne nel suo governo.

Ottimo lavoro per la nuova persona

Chiunque sia il nuovo ministro, dovrà fare in fretta. E la prima cosa da fare sarà prepararsi per il “gruppo di contatto ucraino” dei ministri della difesa della NATO venerdì alla base dell’aeronautica americana a Ramstein, nella Germania occidentale.

La perdita nell’ECFR credeva che Schultz potesse utilizzare questo incontro per ripristinare la politica della Germania sull’Ucraina, che è stata sottoposta a pressioni internazionali.

“Le dimissioni aprono l’opportunità per Schulz di cambiare la narrativa sul sostegno della Germania all’Ucraina”, ha detto a DW. “Se avesse interesse a mostrare più leadership prima della riunione della base aerea di Ramstein, penso che queste dimissioni gli diano l’opportunità di raccontare una storia su come tutto cambierà”.

In ogni caso, il ministro della Difesa tedesco alla fine avrà poca voce in capitolo nelle decisioni importanti su quali armi inviare all’Ucraina, ma avrà molto da affrontare.

“La NATO ha già imposto oneri significativi alle forze armate tedesche in relazione all’attuale dispiegamento”, ha affermato Loos. “I prossimi due anni aumenteranno drasticamente il ritmo operativo e le esigenze della Bundeswehr, e raggiungere questo obiettivo sarà una sfida. Sarà compito del prossimo ministro della Difesa gestire tutto questo, pur non perdendo il sostegno delle forze armate forze, come apparentemente ha fatto Christine Lambrecht.”

Mentre sei qui: ogni martedì, gli editori di DW raccolgono ciò che sta accadendo nella politica e nella società tedesca. Puoi iscriverti qui alla nostra newsletter settimanale via e-mail di Berlin Briefing.

READ  Gli ucraini hanno spento il fuoco nel complesso nucleare dopo l'attacco russo - funzionari