Luglio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il lancio della missione European juices su Giove e le sue lune

Il lancio della missione European juices su Giove e le sue lune

Giove, re del sistema solare, riceverà un nuovo visitatore robotico.

Il Jupiter Icy Planet Explorer, o JOS, è stato lanciato venerdì mattina dal Guyana Space Center di Kourou, nella Guyana francese, sulla costa nord-orientale del Sud America. Il lancio originale, previsto per giovedì, è stato posticipato dopo che è stato rilevato un fulmine vicino al sito di lancio.

Il tempo si è schiarito venerdì e la navicella spaziale a bordo del razzo Ariane 5 è stata lanciata senza problemi. Mezz’ora dopo, Juice si separò dal secondo stadio del razzo e iniziò il suo lungo viaggio.

Giove, il più grande pianeta in orbita attorno al sole, è affascinante di per sé, ma le sue gigantesche lune sono il premio finale. Alcuni sono blocchi di roccia ghiacciata che possono nascondere oceani che ospitano la vita sotto la loro superficie. Juice, dell’Agenzia spaziale europea, o ESA, mira a studiare da vicino tre delle lune di Giove: Callisto, Europa e Ganimede.

“Questa è una delle missioni più entusiasmanti che abbiamo intrapreso nel sistema solare, e di gran lunga la più complessa”, ha dichiarato Josef Ashbacher, capo dell’Agenzia spaziale europea.

Il veicolo spaziale europeo pesa sei tonnellate e trasporta 10 strumenti scientifici avanzati per studiare le lune e scattare foto. Giove non è l’obiettivo principale della missione. Invece, mira a esplorare Ganimede, la luna più grande del sistema solare, e altre due lune, Europa e Callisto.

Ma arrivare a Giove richiederà più di otto anni, con una serie di colpi di scena o colpi di scena gravitazionali che aiuteranno a bypassare Venere, Marte e la Terra per dare alla navicella spaziale la spinta di cui avrà bisogno per entrare nell’orbita di Giove nel luglio 2031.

READ  L'esperienza dimostra che dopotutto gli esseri umani possono davvero sentire il silenzio: ScienceAlert

Quando Juice raggiungerà finalmente Giove, volerà ancora e ancora attraverso le sue tre lune in un’orbita circolare, rimanendo fuori dalle pericolose cinture di radiazioni del pianeta gigante mentre raccoglie dati. In totale, sono previsti 35 flyby alla ricerca di segnali magnetici e altre prove per confermare la presenza e le dimensioni degli oceani che scorrono sotto la superficie delle lune. Traccerà anche come si muovono le parti esterne delle lune in risposta all’attrazione gravitazionale di Giove, che è probabilmente influenzata dagli oceani sotterranei.

Una luna che potrebbe essere promettente nella ricerca della vita è Europa. Gli astronomi ritengono che i suoi dintorni siano a diretto contatto con un fondo roccioso, che potrebbe fornire cibo ed energia per la vita mentre le bocche idrotermali esplodono verso l’alto. Il succo farà due viaggi dall’Europa.

La navicella effettuerà anche 21 sorvoli di Callisto, che potrebbe anche avere un oceano salato ma si pensa che sia meno in grado di sostenere la vita.

Ma l’obiettivo principale della missione di Juice è studiare Ganimede, una luna così grande da essere persino più grande del pianeta Mercurio. La traiettoria del veicolo spaziale attorno al sistema gioviano dovrebbe consentire al veicolo spaziale di catturarlo in orbita attorno a Ganimede nel dicembre 2034, il primo veicolo spaziale a orbitare attorno a una luna nel sistema solare esterno. A partire da circa 3.100 miglia sopra la superficie, l’altitudine del veicolo spaziale sarà gradualmente ridotta a poco più di 300 miglia nel 2035, e forse meno, carburante permettendo.

“Se avremo una motivazione sufficiente, il che significa che abbiamo fatto un buon viaggio su Giove senza troppi problemi, abbasseremo l’orbita a una quota di circa 150 miglia”, ha dichiarato Giuseppe Sarri, responsabile del progetto Juice presso l’Agenzia spaziale europea.

READ  SpaceX sta ritardando il lancio degli astronauti Crew-7 sulla Stazione Spaziale Internazionale

L’orbita di Ganimede consentirà agli scienziati di comprendere le intricate caratteristiche della luna. È l’unica luna del sistema solare nota per avere un proprio campo magnetico, forse da un nucleo di ferro liquido come il nostro. “Se ti trovassi sulla superficie di Ganimede e avessi un ago della bussola, indicherebbe il Polo Nord come fa sulla Terra”, ha detto Dougherty. “Vogliamo capire perché”.

Lo spremiagrumi dovrebbe essere in grado di discernere la struttura interna del Ganimede, comprese le dimensioni e l’estensione della sua circonferenza. Piuttosto, dovrebbe essere in grado di misurare il contenuto di sale dell’oceano generato dai minerali che ne punteggiano l’interno, che possono sostenere la vita. “Stiamo cercando di capire da dove provengano i sali”, ha osservato il dottor Dougherty.

L’oceano di Ganimede è molto diverso da quello di Europa, ma potrebbe essere ancora abitabile.

“Per l’abitazione, hai bisogno di acqua liquida, una fonte di calore e materiali organici”, ha detto Dougherty. “Se affermiamo o neghiamo queste tre cose, abbiamo fatto quello che avevamo detto che avremmo fatto”.

La missione terminerà alla fine del 2035 con un atterraggio di fortuna sulla superficie di Ganimede, a meno che una scoperta fatta durante la missione non indichi che ciò potrebbe contaminare l’oceano lunare.