Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il governatore della Fed Bowman afferma di rimanere disponibile ad aumentare i tassi di interesse se l’inflazione non migliora

Il governatore della Fed Bowman afferma di rimanere disponibile ad aumentare i tassi di interesse se l’inflazione non migliora

I commenti riflettono il sentimento prevalente presso la banca centrale, con la maggior parte dei politici che nelle ultime settimane ha affermato che, sebbene si aspettino ancora che l’inflazione ritorni all’obiettivo del 2% della Fed, hanno bisogno di ulteriori prove.

Le rilevazioni recenti hanno mostrato un rallentamento dell’inflazione, con l’indicatore preferito dalla Fed appena sotto il 3%. Tuttavia, il Federal Open Market Committee, che fissa i tassi di interesse, ha notato dopo la sua ultima riunione che c’erano stati solo “modesti ulteriori progressi”.

Tra i decisori più severi, Bowman ha osservato che ci sono “una serie di rischi prevalenti al rialzo” che potrebbero accelerare le sue prospettive.

“Resto disposta ad aumentare l’intervallo obiettivo per il tasso dei fondi federali in una riunione futura se i progressi sull’inflazione si fermassero o addirittura si invertissero”, ha affermato. “Dati i rischi e le incertezze delle mie prospettive economiche, rimarrò cauto nel mio approccio nel considerare i futuri cambiamenti nella posizione politica”.

Venerdì, il Dipartimento del Commercio pubblicherà la sua lettura dell’indice dei prezzi delle spese per consumi personali per maggio, la misura dell’inflazione preferita dalla Federal Reserve. Gli economisti intervistati da Dow Jones prevedono che l’inflazione a 12 mesi raggiunga il 2,6% su tutti i settori e sui fattori core, esclusi i prezzi dei prodotti alimentari e dell’energia.

Anche se ciò rappresenterebbe una spinta minore rispetto ad aprile, Bowman ha detto che si aspetta ancora che la Fed mantenga il suo tasso debitore overnight chiave in un intervallo compreso tra il 5,25% e il 5,5% “per un po’ di tempo”.

Inoltre, ha osservato che non è influenzato dai tagli dei tassi di interesse da parte delle controparti globali della Fed, come la Banca Centrale Europea, che ha recentemente tagliato i tassi di interesse chiave di un quarto di punto percentuale. “È possibile che nei prossimi mesi il corso della politica monetaria negli Stati Uniti si discosti dal percorso di altre economie avanzate”, ha affermato Bowman.

READ  OpenSea indaga su voci di exploit NFT multimilionario

I commenti di Bowman arrivano mentre altri funzionari hanno detto lunedì di essere titubanti riguardo alla riduzione.

La presidentessa della Federal Reserve Bank di San Francisco, Mary Daly, ha respinto l’idea di un taglio preventivo per proteggersi dal deterioramento del mercato del lavoro e dal rallentamento dell’economia.

“Penso che la riduzione preventiva sia qualcosa che si fa quando si vedono dei rischi”, ha detto Daly a Deirdre Bosa della CNBC durante un evento pubblico a San Francisco. “Saremo risoluti finché non avremo finito il lavoro. Ecco perché non intraprendere azioni preventive quando non è necessario è così importante.”

Inoltre, il presidente della Fed di Chicago Austan Goolsbee ha detto a Steve Liesman della CNBC all’inizio della giornata che se avesse visto “più mesi” di buoni dati sull’inflazione, si sarebbe chiesto se la politica dovesse essere restrittiva come lo è stata, questo aprirebbe la strada ai tagli.