Maggio 18, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il fossile dell'antenato del calamaro vampiro prende il nome da Biden

Il fossile dell’antenato del calamaro vampiro prende il nome da Biden

“Ha la stessa identica dimensione, identica età, identica posizione, identiche proporzioni e sono conservate in modo leggermente diverso”, ha detto il dottor Kluge.

Il dottor Clements, che non è stato coinvolto nella ricerca, ha affermato che il nuovo documento si basa molto sui metodi di analisi visiva e queste domande possono essere risolte attraverso analisi chimiche. “Con una gamma completa di tecnologie, avremo sicuramente più indizi o molte più risposte”, ha affermato, osservando che queste tecniche possono essere costose.

Quando il dottor Wahl ha esaminato per la prima volta il fossile, ha cercato il fragmocono, il guscio di pietra caratteristico della maggior parte dei cefalopodi fossili che li aiuta a controllare la galleggiabilità. un nautilo phragmocone è il suo guscio arrotolato; un calamaro È osso di seppia. Il dottor Wallen ha detto che le camere fossilizzate del Phragmokon sono divise in placche mineralizzate, che sono molto distintive e generalmente ben conservate.

Il dottor Wallen ha detto che il fossile di G. beargulchensis, conservato all’American Museum of Natural History, conserva queste foglie distintive. Gli autori sono del parere che, poiché questo fossile e S. bideni sono stati conservati nello stesso sito e nello stesso ambiente, entrambi avrebbero dovuto avere striature conservate. Ma S.Pedeni non aveva traccia di questi ceppi, indicando che la creatura non aveva mai un guscio interno.

Il dottor Wallen si aspettava anche di vedere le prove di un trito primitivo, un contrappeso metallico per garantire che i primi cefalopodi fossero in grado di nuotare orizzontalmente. Ma il fossile di S. Bedney non aveva un rostro, indicando che “non esisteva originariamente”, ha detto il dottor Wallen.

READ  Una gigantesca nuvola di detriti individuata da un telescopio della NASA dopo la collisione di corpi celesti

Invece, l’analisi dei ricercatori ha scoperto che il guscio interno di S.Pideni è gladius, un residuo triangolare simile a un guscio che si trova nei calamari e nei calamari vampiri. “Non è davvero qualcosa che nessuno si aspetterebbe di vedere in un animale di questa età”, ha detto il dottor Wallen. “Sapevamo che stavamo cercando un primo vampiro.”

Il dottor Kluge ha contestato questa conclusione, affermando che la corteccia è un fragmocon deformato e la camera del corpo di G.