Dicembre 8, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Cremlino: la leadership ucraina può "porre fine alle sofferenze" soddisfacendo le richieste russe

Il Cremlino: la leadership ucraina può “porre fine alle sofferenze” soddisfacendo le richieste russe

  • Questo contenuto è stato prodotto in Russia, dove la copertura delle operazioni militari russe in Ucraina è limitata dalla legge.

MOSCA (Reuters) – Il Cremlino ha negato giovedì che i suoi attacchi alla rete elettrica ucraina abbiano preso di mira i civili, ma ha affermato che Kiev potrebbe “porre fine alle sofferenze” della sua popolazione soddisfacendo le richieste della Russia per una soluzione al conflitto.

E ripetute raffiche di razzi sulle infrastrutture elettriche in tutta l’Ucraina nelle ultime settimane hanno costretto milioni di persone a rimanere senza luce, acqua o riscaldamento per ore o giorni alla volta, proprio mentre le temperature esterne scendono sotto lo zero.

Ma il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto ai giornalisti che “non ci sono stati scioperi su obiettivi” sociali “e non ci sono scioperi – a questo si presta particolare attenzione”.

“Per quanto riguarda gli obiettivi che hanno una relazione diretta o indiretta con le capacità militari, sono quindi vulnerabili agli attacchi”, ha affermato.

A Peskov è stato chiesto come conciliare le sofferenze della popolazione civile ucraina con le posizioni del presidente Vladimir Putin. Putin ha detto che la Russia non desidera distruggere l’Ucraina o il suo popolo.

“La leadership dell’Ucraina ha tutte le possibilità per riportare la situazione alla normalità e ha tutte le possibilità per risolvere la situazione in modo tale da soddisfare le esigenze della parte russa, ponendo così fine a tutte le possibili sofferenze tra la popolazione”.

Segnalazione di Reuters. Montaggio di Alex Richardson

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.