Aprile 2, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il concetto di energia immacolata di Nikola Tesla si è finalmente realizzato?

Gli scienziati hanno sognato di generare energia dal nulla per più di un secolo. Nikola Tesla stava già sperimentando in questo senso negli anni ’30. Di recente, tuttavia, le richieste del concetto di pura energia sono diventate più forti. La transizione dai combustibili fossili in tempo per evitare il peggio della crisi climatica sarebbe il più grande progetto di collaborazione che il mondo abbia mai tentato e la necessità ha portato gli scienziati a sognare in grande. Alcune delle voci risultanti di brainstorming e sperimentazione sono state estratte dalle pagine di un oscuro romanzo di fantascienza, o come un pio desiderio piuttosto che una metodologia. Ma gli scienziati si stanno avvicinando sempre di più a rendere possibile l’impossibile: raccogliere energia dall’aria.

Nel 2021, i ricercatori dell’Università americana del Massachusetts ad Amherst hanno annunciato di aver inventato Un dispositivo chiamato Air-gen, abbreviazione di generatore ad aria. Il dispositivo è in grado di utilizzare una proteina naturale per convertire l’umidità nell’aria circostante per generare elettricità. Questo viene fatto attraverso un film fatto di nanofili proteici provenienti dal batterio Geobacter sulfurreducens. Il team di ricercatori ha affermato che questa tecnologia “potrebbe avere implicazioni interessanti per il futuro delle energie rinnovabili, i cambiamenti climatici e il futuro della medicina”. La pellicola, dello spessore di pochi micron, si è dimostrata efficace. “Produciamo letteralmente elettricità dal nulla. Air-gen genera energia pulita 24 ore su 24, 7 giorni su 7. È l’applicazione più eccitante ed eccitante di nanofili proteici fino ad oggi”, ha spiegato il ricercatore e autore della ricerca Jun Yao.

Un anno dopo, nel 2022, l’Unione Europea inizia a finanziare un nuovo progetto, chiamato catcher — che similmente mira a generare energia dall’umidità atmosferica, ma in questo caso attraverso l’uso di celle in ossido di zirconio, un materiale ceramico utilizzato in tutti i tipi di applicazioni, dagli impianti dentali alle barre di combustibile nucleare. “Esplorando le proprietà dei nanomateriali di ossido di zirconio sette anni fa, i ricercatori hanno iniziato a vedere le prove dell’energia idroelettrica”, la rivista Horizon della Commissione europea. menzionato in dicembre. Hanno fatto molta strada negli ultimi sette anni, ma la tecnologia è ancora molto lontana dalla scalabilità e dalla praticità. Attualmente, “un foglio di 8 x 5 cm del suo materiale può generare circa 0,9 volt in un laboratorio con un’umidità di circa il 50%”, o all’incirca l’uscita di mezza batteria AA.

READ  Scienziati: "Quantum Hair" potrebbe risolvere il paradosso del buco nero di Hawking

Ora, proprio quest’anno, gli scienziati della Monash University in Australia hanno fatto un’altra svolta energetica. Questa volta, l’articolo principale è Un enzima chiamato Huc. L’enzima si trova nel Mycobacterium smegmatis, un cugino dei batteri responsabili della tubercolosi e della lebbra. Huc è davvero una centrale elettrica per convertire l’aria in energia, che i batteri usano per generare energia in ambienti estremi con poche altre fonti di energia.

Una volta estratto, i ricercatori affermano che l’enzima può essere utilizzato per alimentare “una serie di piccoli dispositivi elettrici portatili”. […] Compresi biosensori, monitor ambientali, orologi digitali, calcolatrici o semplici computer. “Finora, le varie applicazioni di Huc si trovano più in un esperimento mentale che in un’ipotesi testata, ma gli scienziati responsabili ritengono che Huc abbia il potenziale per la grandezza. Quando si alimenta Huc con idrogeno più concentrato, produce più corrente elettrica”. ha detto l’autore principale Reese Grainter. “Il che significa che puoi usarlo nelle celle a combustibile per alimentare dispositivi più complessi, come orologi intelligenti o smartphone, laptop più complessi e forse anche un’auto”.

I progetti volti a generare energia dall’aria sono chiaramente ancora agli inizi, ma sarebbe difficile esagerare le potenziali ramificazioni se una di queste tecnologie dovesse diventare scalabile. Generare energia dal nulla risolverebbe innumerevoli problemi legati al cambiamento climatico e ad altre esternalità ambientali negative associate alla produzione di energia. Inoltre, tecnologia come l’enzima batterico potrebbe teoricamente essere accessibile ovunque nel mondo, rendendo la geopolitica della produzione di energia più equa e decentralizzata. In breve, potrebbe sconvolgere l’economia globale così come la conosciamo. Un giorno.

Di Haley Zaremba per Oilprice.com

READ  Uno studio sulle uova dice che i dinosauri erano in declino quando l'asteroide ha colpito

Altre letture importanti da Oilprice.com: