Febbraio 3, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il caso del copyright della Corte Suprema ascolta la serie di foto del principe Andy Warhol: NPR

Il caso del copyright della Corte Suprema ascolta la serie di foto del principe Andy Warhol: NPR

Una fotografia del principe scattata da Lynne Goldsmith (a sinistra) nel 1981 e 16 fotografie serigrafate successivamente create da Andy Warhol utilizzando la fotografia come riferimento. Un giudice del tribunale distrettuale federale ha ritenuto che la serie di Warhol fosse “trasformativa” perché trasmetteva un messaggio diverso dall’originale e quindi era un uso corretto. La seconda commissione del circuito della Corte d’Appello non era d’accordo.

Collezione della Corte Suprema degli Stati Uniti


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

Collezione della Corte Suprema degli Stati Uniti

Una fotografia del principe scattata da Lynne Goldsmith (a sinistra) nel 1981 e 16 fotografie serigrafate successivamente create da Andy Warhol utilizzando la fotografia come riferimento. Un giudice del tribunale distrettuale federale ha ritenuto che la serie di Warhol fosse “trasformativa” perché trasmetteva un messaggio diverso dall’originale e quindi era un uso corretto. La seconda commissione del circuito della Corte d’Appello non era d’accordo.

Collezione della Corte Suprema degli Stati Uniti

Conosci tutte quelle famose serigrafie di Andy Warhol di Marilyn Monroe, Liz Taylor e molte altre star? Adesso una delle serie più famose della serie, la serie Prince, è al centro del caso che mercoledì sarà ascoltato dalla Corte Suprema. È una questione di grande interesse per tutti i tipi di artisti.

Un aspetto della controversia è Lynne Goldsmith, meglio conosciuta per aver interpretato le rockstar e aver lavorato a più di 100 copertine di album. Nel 1981 Goldsmith riceve l’incarico di realizzare una serie di ritratti del principe NEWSETTIMANA. A quel tempo, la rock star Purple Rain stava appena iniziando a decollare. Goldsmith lo ha fotografato a un concerto e lo ha invitato nel suo studio dove gli ha regalato ombretti viola e lucidalabbra per accentuarne il carisma e la mascolinità. Ha persino posizionato i suoi ombrelli fotografici per creare un formicolio di luce nei suoi occhi. Il risultato fu un’immagine che in seguito disse essere un’immagine di debolezza. NEWSETTIMANA Non ha utilizzato la foto in studio, optando invece per utilizzare la foto del concerto, e Goldsmith ha mantenuto le altre foto nei suoi file per future pubblicazioni o licenze.

READ  Spettacoli HBO Max 2022 cancellati: elenco dei progetti morti da scoprire Warner Bros.

Tre anni dopo, Prince era una star, e Fiera della vanità La rivista ha incaricato Andy Warhol di fare un’illustrazione del principe per un articolo che stava pubblicando. Quando commissionò l’opera, la rivista chiese a Warhol di utilizzare come punto di riferimento una delle fotografie in bianco e nero di Goldsmith. La rivista ha pagato a Goldsmith $ 400 in diritti di licenza e ha promesso per iscritto di utilizzare solo l’immagine in questa immagine Fiera della vanità il caso.

Non ci sono prove nel registro che Warhol fosse a conoscenza dell’accordo di licenza. Ma comunque, è riuscito a superarlo e ha creato un set di 16 serigrafie di Prince, di cui è copyright, e uno di questi Fiera della vanità utilizzato per l’articolo. Le immagini serigrafate da allora sono state vendute e riprodotte con centinaia di milioni di dollari di profitto per la Andy Warhol Foundation, un’organizzazione senza scopo di lucro creata dopo la morte di Warhol per promuovere il suo lavoro e le arti visive.

Dopo la morte di Warhol nel 2016, Fiera della vanitàLa società madre, Condé Nast, ha accelerato l’omaggio al “Genio del principe”, che include diversi ritratti del principe, e ha pagato alla Fondazione Warhol $ 10.250 per gestire il “Principe arancione” sulla sua copertina. Goldsmith questa volta non ha ricevuto alcun pagamento o credito e alla fine ha citato in giudizio la fondazione, sostenendo che Warhol aveva violato il suo copyright e che la fondazione le doveva milioni di dollari in canoni e royalties non pagati.

La fondazione ha risposto che Warhol non solo aveva il copyright della famosa serie Prince, ma che il suo trattamento era, legalmente parlando, “trasformativo” perché la sua presentazione artistica è molto diversa da quella dell’originale Goldsmith. La fondazione ha confermato che nella versione di Warhol, non solo Warhol ha ritagliato l’immagine per rimuovere il busto del principe, ma ha ridimensionato l’immagine, alterato l’angolo del viso del principe, alterato le tonalità, l’illuminazione e i dettagli, oltre ad aggiungere strati di colori vivaci e illuminazione. Colori innaturali, contorni nitidi e disegnati a mano, schermature a strisce e nette sfumature di sfondo amplificano i lineamenti di Prince.

READ  Matt Damon e Ben Affleck collaborano alla produzione di un film su Michael Jordan e Nike

Il risultato, secondo la fondazione, è un “aspetto piatto, impersonale, disincarnato, simile a una maschera” che non è più languido ma iconico. In sostanza, la fondazione sostiene che Warhol abbia utilizzato una fotografia in bianco e nero come elemento costitutivo, proprio come un artista di collage potrebbe utilizzare porzioni di immagini diverse in un’opera più ampia.

Come puoi immaginare, ciascuna parte ha i suoi esperti, e in effetti due tribunali di grado inferiore differivano su questo. Un giudice del tribunale distrettuale federale ha ritenuto che la serie di Warhol sia “trasformativa” perché trasmette un messaggio diverso dall’originale, ed è quindi: “uso corretto” ai sensi della legge sul copyright. Ma una giuria di tre giudici della Corte d’Appello del Secondo Circuito ha respinto il punto di vista, dichiarando che i giudici “non dovrebbero assumere il ruolo di critico d’arte e cercare di accertare … il significato delle opere in questione”. Se la Corte Suprema approva, la Fondazione Warhol dovrà pagare royalties o diritti di licenza, e possibilmente altri danni al creatore originale, Lynne Goldsmith.

Indipendentemente dalla sentenza della Corte Suprema, la sua decisione avrà conseguenze pratiche. Quindi non sorprende che alcuni tre dozzine Le note di Friend’s Court sono state presentate discutendo da una parte o dall’altra, in rappresentanza di tutti dall’American Publishers Association e dalla Motion Picture Society of America al Library Receivers Institute, alla Digital Media Licensing Association e al Dr. La Recording Industry Association of America e persino il sindacato che rappresenta i giornalisti, gli editori e i produttori di NPR, la Screen Actors Guild of America for Television and Radio Artists.

Il risultato potrebbe spostare la legge favorendo un maggiore controllo da parte dell’artista originale, ma ciò potrebbe impedire agli artisti e ad altri creatori di contenuti che fanno affidamento sul lavoro esistente su qualsiasi cosa, dalla musica e dai poster alle creazioni AI e ai documentari.

READ  Akon dice agli hater di catturare Kanye oltre i contenitori del divario, sta aiutando i senzatetto