Agosto 14, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Canada dice che le scuse del Papa agli indigeni non bastano: NPR

Il Canada dice che le scuse del Papa agli indigeni non bastano: NPR

Papa Francesco, accompagnato dal governatore generale Marie Simon, a destra, arriva alla Cittadella del Quebec mercoledì a Quebec City, Quebec City, Quebec.

John Loescher/AFP


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

John Loescher/AFP

Papa Francesco, accompagnato dal governatore generale Marie Simon, a destra, arriva alla Cittadella del Quebec mercoledì a Quebec City, Quebec City, Quebec.

John Loescher/AFP

QUEBEC CITY – Il governo canadese ha chiarito mercoledì che papa Francesco Scuse alle popolazioni indigene Gli abusi nei collegi gestiti dalla chiesa del paese non sono andati abbastanza lontano, indicando che la riconciliazione sulla difficile storia è ancora in lavorazione.

La reazione ufficiale del governo è arrivata quando Francis è arrivato a Quebec City per incontri con il primo ministro Justin Trudeau e il governatore generale Marie Simon nella sua residenza del Quebec, il castello della Cittadella in cima alla collina, durante la seconda tappa della visita di una settimana di Francis in Canada.

Critica del governo Facendo eco ad alcuni sopravvissuti Si riferisce all’omissione da parte di Francesco di qualsiasi riferimento agli abusi sessuali che i bambini aborigeni hanno subito nelle scuole, così come alla sua riluttanza originale a nominare la Chiesa cattolica come un’istituzione responsabile.

Francis ha detto che è in un “pellegrinaggio pentito” per espiare il ruolo della chiesa nel sistema scolastico residenziale, dove generazioni di bambini aborigeni sono stati allontanati con la forza dalle loro case e costretti a frequentare collegi gestiti dalla chiesa e finanziati dal governo. o Assimilazione alla comunità cristiana canadese. Il governo canadese ha affermato che gli abusi fisici e sessuali sono dilaganti nelle scuole, con studenti picchiati perché parlano la loro lingua madre.

Lunedì Francesco si è scusato per il “male” del personale ecclesiastico che lavorava nelle scuole e per l’impatto “disastroso” del sistema scolastico sulle famiglie indigene. In un discorso alle autorità governative mercoledì, Francesco si è nuovamente scusato e ha criticato il sistema scolastico definendolo “sfortunato”.

Francis ha osservato che il sistema scolastico era “rafforzato dalle autorità governative dell’epoca” come parte di una politica di inclusione e privazione dei diritti civili. In risposta alle critiche, ha aggiunto che “le istituzioni cattoliche locali hanno un ruolo” nell’attuazione della politica.

READ  Esplosione nei Pirenei francesi: due bambini su sette uccisi a Saint-Laurent-de-la-Salanque

I popoli indigeni chiedono da tempo che il Papa sia ritenuto responsabile non solo degli abusi da parte di singoli sacerdoti e ordini religiosi cattolici, ma anche del sostegno istituzionale della Chiesa cattolica alla politica di assimilazione e giustificazione religiosa del Papa nel XV secolo per l’espansione coloniale europea per diffondere il cristianesimo .

Più di 150.000 bambini aborigeni in Canada sono stati portati via dalle loro case dal 19° secolo fino agli anni ’70 e collocati nelle scuole nel tentativo di isolarli dall’influenza delle loro famiglie e della loro cultura.

Trudeau, un cattolico il cui padre, Pierre Trudeau, era primo ministro mentre dirigeva i recenti collegi, ha insistito sul fatto che la Chiesa cattolica come istituzione era da biasimare e doveva fare di più per espiare.

Parlando davanti a Francesco, ha osservato che nel 2015 la Canadian Truth and Reconciliation Commission aveva chiesto le scuse papali sul suolo canadese, ma che la visita di Francesco “non sarebbe stata possibile senza il coraggio e la perseveranza” dei sopravvissuti delle Prime Nazioni, Inuit e Metis che si è recato in Vaticano la scorsa primavera per fare pressioni per chiedere scusa.

“Ci scusiamo per il ruolo svolto dalla Chiesa cattolica romana come istituzione negli abusi spirituali, culturali, emotivi, fisici e sessuali subiti dai bambini indigeni nei collegi gestiti dalla Chiesa”, ha affermato Trudeau.

Il governo canadese si è scusato per il suo ruolo nell’eredità della scuola. L’ex primo ministro Stephen Harper ha rilasciato scuse ufficiali ai collegi in Parlamento nel 2008, definendoli un capitolo triste della storia canadese e affermando che la politica di assimilazione forzata aveva causato gravi danni.

Nell’ambito della risoluzione di una causa che coinvolge il governo, le chiese e quasi 90.000 studenti vivi, il Canada ha pagato miliardi di dollari di danni da trasferire alle comunità aborigene. La Chiesa cattolica, da parte sua, ha sborsato più di 50 milioni di dollari e prevede di aggiungerne altri 30 milioni nei prossimi cinque anni.

READ  Biden annuncia il divieto alle importazioni statunitensi di petrolio russo: aggiornamenti in tempo reale

Trudeau ha osservato che la chiesa doveva fare di più e che, sebbene la visita di Francesco abbia avuto un “impatto tremendo” sui sopravvissuti, è stato solo un primo passo.

Indipendentemente dal contenuto del suo discorso, le osservazioni di Trudeau violavano il consueto protocollo dei viaggi papali. Secondo il protocollo diplomatico, Simone avrebbe dovuto rivolgersi al Papa solo come rappresentante del capo di stato. Simone, un Enoch e il primo indigeno a ricoprire la carica in gran parte cerimoniale di governatore generale, si rivolse a Francesco.

Ma il Vaticano ha detto che l’ufficio di Trudeau aveva chiesto che il presidente del Consiglio potesse prendere alcune note introduttive, una richiesta arrivata nei giorni prima che Francesco lasciasse Roma ma dopo che l’itinerario del papa era stato completato e stampato.

Un alto funzionario del governo canadese ha affermato che Trudeau di solito fa commenti durante le visite di leader stranieri e che era importante per lui rivolgersi ai canadesi durante la visita di Francis “soprattutto data l’importanza della questione”. Tuttavia, è stato aggiunto all’ultimo minuto.

Prima che Francis arrivasse a Quebec City, il ministro della Corona e delle Relazioni indigene Mark Miller ha detto che le “lacune” nelle scuse di Francis non potevano essere ignorate.

Facendo eco alle critiche di alcuni sopravvissuti della scuola, Miller ha osservato che Francis non ha incluso gli abusi sessuali nella sua lista di abusi sui bambini indigeni nelle scuole. Lunedì Francesco ha elencato invece abusi fisici, verbali, psicologici e spirituali. Inoltre, Miller ha osservato che lunedì Francesco ha parlato del “male” commesso dai singoli cristiani “ma non della Chiesa cattolica come istituzione”.

Phil Fontaine, sopravvissuto agli abusi sessuali nelle scuole ed ex presidente nazionale dell’Assemblea delle Prime Nazioni, ha affermato che l’ulteriore riferimento di mercoledì alle “istituzioni cattoliche locali” è andato oltre le scuse originali di Francesco ed è stato significativo e il più vicino possibile alle scuse. intera chiesa in Canada.

READ  Il rocker delle Pussy Riot scappa dalla Russia per raccogliere fondi per l'Ucraina

“Riflette il fatto che la Chiesa cattolica in Canada non è un’unica istituzione. È composta da circa 73 diverse istituzioni legali, tutte accusate di azioni legali”, ha affermato Fontaine in una nota.

La visita di Francesco ha suscitato sentimenti contrastanti tra i sopravvissuti e i loro parenti, così come tra i leader aborigeni e i membri della comunità. Alcuni hanno accolto le sue scuse come genuine e utili nell’aiutarli a guarire. Altri hanno detto che era solo il primo passo di un lungo processo di riconciliazione. Altri ancora affermano che non è andato abbastanza lontano nell’assumersi la responsabilità di errori istituzionali secolari.

Lo stesso Francesco ha ammesso che le ferite richiederanno tempo per rimarginarsi e che la sua visita e le sue scuse sono solo i primi passi. Mercoledì, ha impegnato se stesso e la chiesa canadese locale “ad andare avanti in un viaggio fraterno e paziente con tutti i canadesi, secondo verità e giustizia, lavorando per la guarigione e la riconciliazione e sempre ispirato dalla speranza”.

“Desideriamo un rinnovamento del rapporto tra la Chiesa e le popolazioni indigene del Canada, un rapporto segnato sia dall’amore che ha prodotto frutti meravigliosi sia da ferite tragicamente profonde che ci impegniamo a comprendere e curare”, ha affermato.

Ma non ha menzionato alcuna azione specifica che la Santa Sede fosse disposta a compiere.

Trudeau disse anche che la visita era un inizio e che la riconciliazione era un dovere di tutti. “È nostra responsabilità vedere le nostre differenze non come un ostacolo ma come un’opportunità per imparare e capirci meglio e passare al lavoro”.

___

La copertura religiosa dell’Associated Press è supportata da una collaborazione dell’Associated Press con The Conversation US, finanziata da Lilly Endowment Inc. L’AP è l’unico responsabile di questo contenuto.