Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il bilancio delle vittime durante la stagione dell’Hajj è salito a 1.300 a causa dell’aumento delle temperature

Il bilancio delle vittime durante la stagione dell’Hajj è salito a 1.300 a causa dell’aumento delle temperature

Il Cairo (AP) – Sono morte oltre 1.300 persone durante… Stagione dell’Hajj quest’anno nel Regno dell’Arabia Saudita Le autorità saudite hanno annunciato domenica che i credenti stanno affrontando temperature estremamente elevate nei luoghi santi islamici nel regno del deserto.

Il ministro della Sanità saudita Fahd bin Abdul Rahman Al-Jalajel ha affermato che l’83% dei 1.301 decessi sono dovuti a pellegrini non autorizzati che hanno percorso lunghe distanze ad alte temperature per eseguire rituali Hajj dentro e intorno alla città santa della Mecca. La Mecca.

Il ministro ha detto in un’intervista al canale statale Al-Ekhbariya che 95 pellegrini stanno ricevendo cure negli ospedali, alcuni dei quali sono stati trasportati in aereo per essere curati nella capitale Riyadh. Ha detto che il processo di identificazione è stato ritardato perché non c’erano documenti d’identità con molti dei pellegrini morti.

Ha aggiunto che i morti sono stati sepolti alla Mecca, senza fornire dettagli.

Tra i morti ci sono più di 660 egiziani. Secondo le autorità del Cairo, tutti tranne 31 erano pellegrini non autorizzati. Le autorità egiziane hanno affermato che l’Egitto ha annullato le licenze di 16 agenzie di viaggio che aiutavano i pellegrini non autorizzati a viaggiare in Arabia Saudita.

I funzionari, che hanno parlato a condizione di anonimato perché non erano autorizzati a informare i giornalisti, hanno detto che la maggior parte dei morti sono stati segnalati nel complesso di emergenza nel distretto di Al-Muaisem della Mecca. Quest’anno l’Egitto ha inviato più di 50.000 pellegrini autorizzati in Arabia Saudita.

Le autorità saudite hanno adottato misure severe contro i pellegrini non autorizzati, espellendo decine di migliaia di persone. Ma molti, la maggior parte egiziani, sono riusciti a raggiungere i luoghi santi della Mecca e dei suoi dintorni, alcuni a piedi. A differenza dei pellegrini autorizzati, non avevano alberghi in cui tornare per sfuggire al caldo torrido.

READ  L'S&P 500 e il Nasdaq hanno chiuso in ribasso per il terzo giorno mentre gli investitori guardano avanti al discorso del presidente della Fed Powell.

Sabato il governo egiziano ha affermato in una dichiarazione che le 16 agenzie di viaggio non sono riuscite a fornire servizi adeguati ai pellegrini. Ha affermato che queste agenzie hanno facilitato illegalmente il viaggio dei pellegrini in Arabia Saudita utilizzando visti che non consentono ai loro titolari di recarsi alla Mecca.

Il governo ha anche affermato che i funzionari dell’azienda sono stati deferiti al pubblico ministero per le indagini.

Secondo il quotidiano statale Al-Ahram, alcune agenzie di viaggio e tour operator per l’Hajj hanno venduto visti turistici sauditi ai pellegrini egiziani, in violazione delle norme saudite che richiedono visti esclusivamente per i pellegrini. Il giornale afferma che queste agenzie hanno lasciato i pellegrini in un limbo alla Mecca e nei luoghi santi a causa del caldo intenso.

I pellegrini musulmani usano gli ombrelli per proteggersi dal sole quando arrivano per lanciare pietre contro i pilastri nella simbolica lapidazione del diavolo, l’ultimo rituale dell’annuale Hajj, a Mina, vicino alla città santa della Mecca, Arabia Saudita, martedì giugno 18, 2024. (Foto (AP/Rafiq Maqbool)

Tra i morti figurano anche 165 pellegrini provenienti dall’Indonesia, 98 dall’India e altre decine dalla Giordania, Tunisia, Marocco, Algeria e Malesia, secondo un conteggio dell’Associated Press. Sono state segnalate anche le morti di cittadini statunitensi.

L’Associated Press non è stata in grado di confermare in modo indipendente le cause della morte, ma alcuni paesi come Giordania e Tunisia hanno attribuito la colpa alle alte temperature. I giornalisti dell’Associated Press hanno visto i pellegrini perdere conoscenza a causa del caldo intenso, soprattutto nel secondo e terzo giorno dell’Hajj. Alcuni hanno vomitato e sono crollati.

Storicamente, le morti non sono rare durante la stagione dell’Hajj, che a volte ha visto più di due milioni di persone recarsi in Arabia Saudita per i cinque giorni dell’Hajj. La storia dell’Hajj è stata anche testimone di fughe precipitose ed epidemie mortali.

READ  Xi dovrebbe incontrare il segretario di Stato americano Antony Blinken a Pechino

Ma il bilancio di quest’anno è stato insolitamente alto, indicando circostanze eccezionali.

Nel 2015, una fuga precipitosa a Mina ha ucciso più di 2.400 pellegriniSecondo AP, si tratta dell’incidente più mortale che abbia mai colpito l’Hajj. L’Arabia Saudita non ha mai riconosciuto il numero completo della fuga precipitosa. Una gru separata è crollata nella Grande Moschea della Mecca All’inizio di quello stesso anno furono uccisi 111 persone.

Il secondo incidente più mortale durante la stagione dell’Hajj è stata la fuga precipitosa avvenuta nel 1990 che ha portato alla morte di 1.426 persone.

Durante l’Hajj di quest’anno, le temperature massime giornaliere variavano tra 46 gradi Celsius (117 gradi Fahrenheit) e 49 gradi Celsius (120 gradi Fahrenheit) alla Mecca e nei luoghi santi dentro e intorno a Medina, secondo il Centro meteorologico nazionale saudita. Alcune persone sono svenute durante il tentativo di eseguire la procedura Lapidazione simbolica di Satana.

L’Hajj, uno dei cinque pilastri dell’Islam, è uno dei più grandi raduni religiosi del mondo. Secondo le autorità saudite dell’Hajj, più di 1,83 milioni di musulmani hanno eseguito l’Hajj nel 2024, di cui oltre 1,6 milioni provenienti da 22 paesi e circa 222.000 cittadini e residenti sauditi.

L’Arabia Saudita ha speso miliardi di dollari per il controllo della folla e le misure di sicurezza per coloro che partecipano all’Hajj annuale di cinque giorni, ma l’enorme numero di partecipanti rende difficile garantire la loro sicurezza.

Il cambiamento climatico può aumentare i rischi. Uno studio del 2019 condotto da esperti del Massachusetts Institute of Technology ha rilevato che, anche se il mondo riuscisse a mitigare gli effetti peggiori del cambiamento climatico, l’Hajj si terrà a temperature superiori alla “soglia di pericolo estremo” dal 2047 al 2052, e dal 2079 al 2019. 2079. 2052. 2086.

READ  Militanti somali hanno attaccato un hotel a Mogadiscio, almeno 12 morti

L’Islam segue il calendario lunare, quindi ogni anno l’Hajj cade circa 11 giorni prima. Entro il 2029, l’Hajj avrà luogo in aprile e, dopo diversi anni, cadrà in inverno, quando le temperature saranno più moderate.