Luglio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I ricercatori affermano che l’asteroide Bennu ha un sorprendente passato acquatico

I ricercatori affermano che l’asteroide Bennu ha un sorprendente passato acquatico

Iscriviti alla newsletter Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie su scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Le prime analisi di un campione raccolto dall’asteroide Bennu suggeriscono che la roccia spaziale aveva un passato inaspettatamente ricco di acqua e potrebbe essersi separata da un antico mondo oceanico.

La missione OSIRIS-REx della NASA ha catturato un campione originale di 4,3 once (121,6 grammi) dall’asteroide vicino alla Terra nel 2020 e Lo ha riportato sulla Terra lo scorso settembre.

Da allora, gli scienziati hanno iniziato ad analizzare le rocce e la polvere dell’asteroide per scoprire quali segreti possa contenere sulla sua composizione e se abbia trasportato sulla Terra gli elementi necessari alla vita. Gli asteroidi suscitano la curiosità degli scienziati anche perché sono resti della formazione del sistema solare.

Lo ha indicato un’analisi preliminare di alcuni campioni, condivisa in ottobre L’asteroide contiene una grande quantità di carbonio.

Durante una nuova analisi del campione, il team ha scoperto che la polvere di Bennu è ricca di carbonio, azoto e composti organici, che hanno contribuito alla formazione del sistema solare. Questi componenti sono essenziali anche per la vita così come la intendiamo noi e possono aiutare gli scienziati a comprendere meglio come si evolvono i pianeti simili alla Terra.

Uno studio dettagliato dei risultati è stato pubblicato mercoledì sulla rivista Meteorologia e scienze planetarie.

“OSIRIS-REx ci ha dato esattamente quello che speravamo: un campione di asteroide grande, incontaminato, ricco di azoto e carbonio proveniente da un pianeta”, il coautore dello studio Jason Dworkin, scienziato del progetto OSIRIS-REx presso il Goddard Space Flight della NASA Center di Greenbelt, nel Maryland, ha dichiarato in un comunicato: “Prima era bagnato”.

READ  L'asse terrestre cambia a causa dell'acqua

La sorpresa più grande è stata la scoperta di fosfato di sodio e magnesio all’interno del campione, qualcosa che il telerilevamento non aveva inizialmente rilevato quando OSIRIS-REx, o la missione Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, and Security – Regolith Explorer, era in orbita attorno a Bennu.

Il fosfato di sodio e magnesio è un composto che può essere sciolto in acqua e funge da componente biochimico per tutta la vita.

Laurita, Connolly et al. (2024)/Meteoriti e scienze planetarie

L’immagine al microscopio mostra una particella di Bennu scura, lunga circa un millimetro, con una crosta luminosa di fosfato.

È possibile che l’asteroide si sia staccato da… I ricercatori hanno affermato che si tratta di un mondo oceanico piccolo e primitivo che non esiste più nel nostro sistema solare.

Il campione di asteroide è costituito in gran parte da minerali argillosi, inclusa la serpentina, rendendo il campione notevolmente simile alle rocce trovate nelle dorsali oceaniche sulla Terra. Queste creste sono il punto in cui il materiale del mantello, lo strato sotto la crosta superficiale terrestre, incontra l’acqua.

Un fosfato simile si trova in A Campione dell’asteroide Ryugu È stato raccolto dalla missione Hayabusa 2 della Japan Aerospace Exploration Agency e riportato sulla Terra nel dicembre 2020. Ma il composto del campione di Bennu è più puro e contiene grani più grandi.

“La presenza e lo stato del fosfato, insieme ad altri elementi e composti su Bennu, indicano un passato acquoso dell’asteroide”, ha affermato Dante Lauretta, coautore dello studio, ricercatore principale di OSIRIS-REx e professore presso l’Università dell’Arizona a Tucson. detto in un comunicato. “Bennu fa probabilmente parte di un mondo più umido, anche se questa ipotesi richiede ulteriori indagini”.

READ  100.000 lanci in Florida

Le rocce raccolte da Bennu rappresentano una capsula del tempo risalente agli albori del sistema solare, risalente a più di 4,5 miliardi di anni fa.

Erica Blumenfeld/Joseph Aebersold/NASA

Rocce e polvere dell’asteroide Bennu sono state raccolte e riportate sulla Terra dalla missione OSIRIS-REx.

“Il campione che abbiamo riportato è il più grande serbatoio di materiale di asteroidi inalterato sulla Terra in questo momento”, ha detto Loretta.

Gli astronomi ritengono che le rocce spaziali come gli asteroidi e le comete potrebbero aver servito come antichi messaggeri nel nostro sistema solare.

“Ciò significa che asteroidi come questo potrebbero aver svolto un ruolo chiave nel fornire acqua e gli elementi essenziali per la vita sulla Terra”, ha affermato il coautore dello studio Nick Timms, membro del team di analisi dei campioni OSIRIS-REx e professore associato presso la Curtin University. Scuola di Scienze della Terra e Planetarie. La scienza, in un comunicato.

Se questi corpi rocciosi più piccoli trasportassero acqua, minerali e altri elementi e si fossero scontrati con la Terra nel momento in cui si è formata miliardi di anni fa, avrebbero potuto contribuire a preparare il terreno per l’inizio della vita sul nostro pianeta.

“Questi risultati sottolineano l’importanza di raccogliere e studiare materiali provenienti da asteroidi come Bennu, in particolare materiali a bassa densità che tipicamente bruciano quando entrano nell’atmosfera terrestre”, ha detto Lauretta. “Questo materiale contiene la chiave per svelare i complessi processi di formazione del sistema solare e la biochimica che potrebbero aver contribuito all’emergere della vita sulla Terra”.

La ricchezza di materiale raccolto dall’asteroide significa che sempre più laboratori in tutto il mondo potranno studiare i propri pezzi del campione.

READ  Manca una settimana all’unica luna blu del 2023

“I campioni di Bennu sono rocce extraterrestri incredibilmente belle”, ha detto in una dichiarazione ogni settimana Harold Connolly Jr., campionatore della missione OSIRIS-REx e capo del dipartimento di geologia presso la School of Earth and Environment della Rowan University a Glassboro, nel New Jersey -Il team di analisi dei campioni REx presenta “Risultati nuovi e talvolta sorprendenti aiutano a porre importanti vincoli sull’origine e sull’evoluzione dei pianeti simili alla Terra”.