Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I repubblicani francesi si sbarazzano del loro leader a causa dell’accordo di coalizione di estrema destra

I repubblicani francesi si sbarazzano del loro leader a causa dell’accordo di coalizione di estrema destra

Fonte immagine, Reuters/Sarah Messonnier

Commenta la foto, Eric Ciotti ha affermato che il suo partito ha bisogno di un’alleanza “preservando noi stessi”.

  • autore, Paolo Kirby
  • Ruolo, notizie della BBC

Il Partito repubblicano francese ha abbandonato il suo leader, Eric Cioti, dopo che quest’ultimo aveva chiesto un’alleanza politica con il partito di estrema destra Raggruppamento Nazionale nelle elezioni anticipate della fine di questo mese.

I leader politici del partito di destra hanno preso la decisione poco più di 24 ore dopo che il piano di Ciotti aveva suscitato scalpore tra i politici repubblicani.

L’apparente collasso del cuore del principale partito conservatore francese arriva sulla scia della vittoria schiacciante del Rassemblement National alle elezioni europee di domenica – e della rapida decisione del presidente Emmanuel Macron di indire elezioni nazionali.

Cioti ha reagito ai suoi colleghi, accusandoli di “flagrante violazione” delle regole del partito, e ha insistito sul fatto che non sarebbe andato da nessuna parte.

Ciotti è stato eletto leader del partito nel dicembre 2022 ed è sempre stato considerato più aggressivo della maggior parte dei repubblicani di spicco.

Ma quando martedì è apparso in televisione per annunciare che i repubblicani “hanno bisogno di un’alleanza con la RNC… un’alleanza con la NRA”. [National Rally] Gli esponenti di spicco del partito hanno affermato che ha parlato solo per se stesso quando ha proposto l’accordo.

Gérard Larcher, lo stimato presidente del Senato, ha detto che non avrebbe mai accettato un accordo con il Fronte Nazionale, e altri colleghi hanno pubblicamente chiesto l’immediato licenziamento di Cioti prima dei due turni delle elezioni parlamentari del 30 giugno e del 7 luglio.

Macron è intervenuto mercoledì e ha accusato Ciotti di voltare le spalle a un partito che deve la sua eredità agli ex presidenti Charles de Gaulle, Jacques Chirac e Nicolas Sarkozy.

Negli ultimi anni i repubblicani hanno faticato alle urne, incapaci di contrastare l’ascesa del partito centrista di Macron, ora chiamato Ennahda, o Raggruppamento Nazionale. Nelle elezioni di domenica hanno ottenuto solo il 7,25%.

Sebbene circa la metà della base popolare repubblicana sostenga un’alleanza con il National Rally Party, la stragrande maggioranza dei leader del partito l’ha categoricamente rifiutata.

Mercoledì, nel tentativo di impedire il suo licenziamento durante la riunione d’emergenza dei leader del partito, Ciotti ha ordinato di chiudere le porte della sede del partito a Parigi, adducendo rischi per la sicurezza.

Successivamente ha confermato che “nessuna delle decisioni prese in questo incontro ha conseguenze legali. Potrebbero avere conseguenze penali”. Più tardi ha detto alla televisione francese che “circa 80” candidati si sarebbero candidati per i repubblicani con il sostegno del partito Raggruppamento Nazionale.

I repubblicani hanno ora nominato il loro principale candidato alle elezioni di domenica, François-Xavier Bellamy, come leader ad interim. Ha detto ai giornalisti: “Le forze del caos minacciano il nostro paese oggi… Abbiamo una linea davanti a noi su cui dobbiamo restare”.

Commenta la foto, Macron ha detto che non parteciperà alla campagna, anche se il suo discorso è stato in gran parte politico

Il presidente francese ha negato di voler cedere le chiavi del potere all’estrema destra, sostenendo che il voto nazionale era l’unica opzione repubblicana.

Ha detto che un’ampia gamma di gruppi politici “che non possono simpatizzare con questa febbre estremista” dovrebbero unirsi contro questo.

Le sue dichiarazioni non riflettono solo le aperture di Cioti ai leader del partito Rassemblement National, Marine Le Pen e Jordan Bardella.

Egli ha anche risposto alla decisione del centrosinistra tradizionale di stringere un patto con l’estrema sinistra, che ha accusato di adottare posizioni antisemite e antiparlamentari.

Domenica Raphael Glucksmann ha portato il centrosinistra al terzo posto con una campagna che ha attirato gli elettori alienati dal partito più estremista francese, che non aveva ceduto a Jean-Luc Mélenchon.

Macron ha sottolineato che le maschere delle due principali potenze sono cadute e che la battaglia per i valori è venuta alla luce.

Mélenchon ha accusato il presidente di essersi tuffato in una strategia del caos e di essere sommerso in un torrente di insulti contro “coloro che non condividono la sua opinione”.

Macron è stato ampiamente criticato per la sua decisione apparentemente spontanea di indire le elezioni, un’ora dopo che il suo partito aveva ricevuto meno del 15% dei voti, mentre il Raggruppamento Nazionale aveva ottenuto quasi il 31,5% nei voti europei.

Macron ha affermato che il sistema è diventato disfunzionale, lasciando il governo incapace di agire.

Ha detto che, come presidente, non parteciperà alle campagne elettorali e lascerà la responsabilità al primo ministro Gabriel Attal, anche se il suo discorso di mercoledì suonava molto simile al lancio della campagna del suo partito.

Rispondendo alla domanda di un giornalista se avesse consegnato le chiavi della Francia all’estrema destra, Macron ha affermato che non fare nulla non è un’opzione e che chiedere alle persone di prendere decisioni è un principio della democrazia.

Ha detto che gli elettori che hanno sostenuto il Raduno Nazionale domenica hanno espresso la loro rabbia, aggiungendo: “Il messaggio è stato ricevuto”.