Gennaio 28, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I parenti di primati delle dimensioni di un gatto vivevano nell’Artico 52 milioni di anni fa

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di incredibili scoperte, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

Un’analisi dei fossili trovati nell’estremo nord del Canada ha rivelato che due specie precedentemente sconosciute di antichi primati vicini vivevano sopra il circolo polare artico circa 52 milioni di anni fa, secondo una nuova ricerca.

Un coautore dello studio, il dott. Chris Bird, Distinguished Professor di Ecologia e Biologia Evoluzionistica presso l’Università del Kansas e Distinguished Curator presso l’Istituto di Diversità Biologica e il Museo di Storia Naturale dell’Università.

Le due specie sorelle vivevano su quella che oggi è l’isola di Ellesmere, nel nord del Canada. Sono i primi primati conosciuti, o parenti di primati, che vivevano alle latitudini a nord del circolo polare artico, secondo uno studio pubblicato mercoledì sulla rivista Nature. Più uno.

Le due specie sono denominate Ignacius mck Chennai e Ignacius dawsonae.

“Per avere un’idea di come sia Ignacius, immagina un incrocio tra un lemure e uno scoiattolo grande la metà di un gatto domestico”, ha detto Bird. “A differenza dei primati viventi, gli occhi di Ignacius erano ai lati della sua testa (invece di essere rivolti in avanti come le nostre teste) e aveva artigli sulle dita delle mani e dei piedi invece delle unghie”.

Quando i ricercatori hanno analizzato i frammenti fossili, le mascelle e i denti di Ignacius sembravano diversi dagli altri Neanderthal che vivevano nelle regioni meridionali del Nord America.

ha affermato l’autrice principale dello studio Christine Miller, una studentessa di dottorato presso l’Istituto di biodiversità e il Museo di storia naturale dell’Università del Kansas.

I primatomorfi artici hanno sviluppato caratteristiche speciali nelle mascelle e nei denti per mangiare cibi più duri, come noci e semi, in contrasto con la loro dieta preferita di frutta matura. Questo adattamento fisico era probabile perché per metà dell’anno la specie viveva nell’oscurità dell’inverno artico, quando era più difficile trovare cibo.

“Pensiamo che questa sia probabilmente la più grande sfida fisica per il paleoambiente di questi animali”, ha detto Beard.

Questi risultati possono anche essere usati per capire come gli animali si adattano e si evolvono durante i periodi di cambiamento climatico, così come le specie che affrontano oggi la crisi climatica causata dall’uomo.

I ricercatori ritengono che i primatomorfi discendano da una specie ancestrale diretta a nord Dalle regioni meridionali del Nord America. Fossili simili sono stati trovati in tutto il Wyoming, Texas, Montana e Colorado, secondo Miller.

“Nessun parente stretto dei primati è mai stato trovato a latitudini così estreme”, ha detto Miller. “Si trovano comunemente intorno all’equatore ai tropici. Sono stato in grado di fare un’analisi filogenetica, che mi ha aiutato a capire come i fossili dell’isola di Ellesmere fossero collegati alle specie trovate alle medie latitudini del Nord America”.

L’antenato comune delle due specie di Ignacius è probabilmente arrivato sull’isola di Ellesmere circa 51 milioni di anni fa, ha detto Bird. A quel tempo, era una penisola che si protendeva nel Mare Artico dalle parti vicine del Nord America.

Ignasius McKennay e Ignasius Dawsoney prendono in parte il nome da due ex colleghi e mentori di Byrd, ha spiegato: i defunti paleontologi Dr. Mary Dawson del Carnegie Museum of Natural History di Pittsburgh e il Dr. Malcolm McKenna dell’American Museum of Natural History di New York, entrambi hanno lavorato molto sull’isola Ellesmere.

Durante questi tempi antichi, il circolo polare artico era un luogo molto più caldo e ospitale per la vita. Il riscaldamento globale ha reso la regione molto più calda e umida, con un ambiente paludoso. Le temperature più calde durante questo periodo probabilmente incoraggiarono gli antenati di Ignacius ad avventurarsi a nord.

“Le temperature invernali possono essere scese fino allo zero per brevi periodi di tempo, ma sappiamo che non ci sono mai state temperature gelide costanti, perché i coccodrilli sono stati trovati sull’isola di Ellesmere e non possono tollerare il congelamento prolungato”, ha detto Beard. . “In estate, le temperature arrivano a circa 70 gradi Fahrenheit.”

Nonostante le temperature più calde, i primati primitivi dovevano ancora adattarsi per sopravvivere nel loro unico ecosistema settentrionale. Sono troppo cresciuti rispetto ai loro parenti simili a scoiattoli meridionali. Beard ha affermato che tale crescita si verifica più comunemente nei mammiferi che vivono alle latitudini settentrionali perché li aiuta a mantenere una temperatura corporea interna richiesta.

“(I risultati) ci dicono di aspettarci cambiamenti drammatici e dinamici nell’ecosistema artico mentre si trasforma di fronte al continuo riscaldamento”, ha detto Beard. “Alcuni animali che attualmente non vivono nell’Artico colonizzeranno quella regione, e alcuni si adatteranno al loro nuovo ambiente in modi paralleli a Ignacius. Allo stesso modo, possiamo aspettarci che alcuni dei nuovi colonizzatori si diversifichino nell’Artico, proprio come fece Ignacius .”

READ  Guarda il lancio di Artemis Moon Rocket della NASA sulla rampa di lancio