Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I musulmani iniziano l’Hajj sullo sfondo della devastante guerra tra Israele e Hamas

I musulmani iniziano l’Hajj sullo sfondo della devastante guerra tra Israele e Hamas

MINNA, Arabia Saudita (AP) – A temperature soffocanti, i pellegrini musulmani nella città saudita della Mecca si sono incontrati venerdì in un vasto accampamento nel deserto, solennemente L’inizio del viaggio annuale dell’Hajj. In precedenza, avevano isolato la Kaaba a forma di cubo nella Grande Moschea, il luogo più sacro dell’Islam.

Più di 1,5 milioni di pellegrini da tutto il mondo si erano già riuniti alla Mecca e nei suoi dintorni per celebrare l’Hajj, e il numero continuava a crescere man mano che si univano sempre più pellegrini dall’Arabia Saudita. Le autorità prevedevano che il numero superasse i 2 milioni quest’anno.

I pellegrini musulmani arrivano al campo tendato di Mina durante l’annuale Hajj, vicino alla città santa della Mecca, in Arabia Saudita, venerdì 14 giugno 2024. (AP Photo/Rafiq Maqbool)

L’Hajj di quest’anno si svolge sullo sfondo di… La guerra in corso tra Israele e Hamas nella Striscia di GazaCiò ha spinto il Medio Oriente sull’orlo di un conflitto più ampio.

I palestinesi di Gaza non hanno potuto recarsi alla Mecca quest’anno a causa di… Chiuso il valico di Rafah A maggio, quando Israele estese il suo attacco di terra alla città di Rafah, nella fascia costiera meridionale, al confine con l’Egitto.

Muhammad Rafiq, un pellegrino indiano, mentre si dirigeva verso la tendopoli di Mina, ha detto: “Preghiamo per i musulmani, per la nostra patria e il nostro popolo, per l’intero mondo islamico e soprattutto per il popolo palestinese”.

Ibrahim Abu Shaaban siede con sua moglie nella loro tenda giovedì 13 giugno 2024 a Deir al-Balah, nella Striscia di Gaza.  (AP Photo/Abdel Karim Hanna)

Ibrahim Abu Shaaban siede con sua moglie nella loro tenda giovedì 13 giugno 2024 a Deir al-Balah, nella Striscia di Gaza. (AP Photo/Abdel Karim Hanna)

Sembra che le autorità saudite fossero preoccupate per possibili proteste o canti contro la guerra durante la stagione dell’Hajj. Hanno detto che non avrebbero tollerato la politicizzazione dell’Hajj.

Il colonnello Talal Al-Shalhoub, portavoce del Ministero degli Interni, ha dichiarato venerdì in una conferenza stampa: “Il Regno afferma fermamente che non consentirà alcun tentativo di trasformare i luoghi santi (della Mecca) in un’arena per canti di massa”. “La sicurezza e l’incolumità degli ospiti di Dio è una linea rossa”.

READ  Terremoto colpisce il Nepal, ne uccide almeno 6

I funzionari assistono 4.200 pellegrini provenienti dalla Cisgiordania occupata che si sono recati per celebrare l’Hajj. Le autorità saudite hanno affermato che su invito del re saudita Salman sono arrivati ​​anche altri 1.000 membri delle famiglie dei palestinesi uccisi o feriti a Gaza. Gli invitati erano già fuori Gaza – la maggior parte di loro in Egitto – prima che il valico di frontiera di Rafah fosse chiuso.

Amna Abu Mutlaq, una donna palestinese di 75 anni della città di Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, che stava progettando di celebrare l’Hajj, ha detto: “Siamo privati ​​dell’Hajj perché il valico è chiuso e a causa delle guerre e delle distruzione.” Ho eseguito l’Hajj quest’anno ma non sono riuscito a farlo.

Quest’anno si è assistito anche all’Hajj I pellegrini siriani viaggiano alla Mecca Opera voli diretti da Damasco per la prima volta in più di un decennio. Questo cambiamento fa parte del disgelo in corso nelle relazioni tra l’Arabia Saudita e la Siria colpita dal conflitto. I siriani nelle aree controllate dai ribelli erano soliti attraversare il confine con la vicina Türkiye per viaggiare da lì per celebrare l’Hajj.

Due pellegrini ciechi eseguono l'Hajj con l'aiuto della loro guida fuori dalla Grande Moschea durante l'annuale Hajj alla Mecca, Arabia Saudita, giovedì 13 giugno 2024. (AP Photo/Baraa Anwar)

Due pellegrini ciechi eseguono l’Hajj con l’aiuto della loro guida fuori dalla Grande Moschea durante l’annuale Hajj alla Mecca, Arabia Saudita, giovedì 13 giugno 2024. (AP Photo/Baraa Anwar)

Abdul Aziz Al-Ashqar, il coordinatore siriano del gruppo di pellegrini partiti da Damasco, ha detto: “Questa è la cosa normale: i pellegrini vanno direttamente all’Hajj dai loro paesi di origine”.

Hajj è uno dei cinque pilastri dell’IslamTutti i musulmani devono farlo almeno una volta nella vita se sono fisicamente e finanziariamente in grado di farlo. È un’esperienza spirituale commovente per i pellegrini che credono che perdona i peccati e li avvicina a Dio.

Unendo più di due miliardi di musulmani nel mondo, è anche l’occasione per pregare per la pace in tanti Paesi arabi e islamici afflitti da conflitti, tra cui Yemen e Sudan, dove la guerra in corso da più di un anno ha creato La più grande crisi di sfollati al mondo.

I pellegrini se ne vanno dopo aver pregato all'aperto nella Grande Moschea durante l'annuale Hajj alla Mecca, Arabia Saudita, venerdì 14 giugno 2024. (AP Photo/Rafiq Maqbool)

I pellegrini se ne vanno dopo aver pregato all’aperto nella Grande Moschea durante l’annuale Hajj alla Mecca, Arabia Saudita, venerdì 14 giugno 2024. (AP Photo/Rafiq Maqbool)

Per molti musulmani, l’Hajj è l’unico viaggio importante che intraprendono nella loro vita. Alcuni Trascorrere anni risparmiando e aspettando di ottenere un permesso Eseguire l’Hajj quando hanno cinquanta e sessant’anni, dopo aver cresciuto i propri figli.

READ  Papa Francesco subirà una seconda operazione intestinale in due anni

I rituali Hajj commemorano in gran parte nel Corano il profeta Abramo, suo figlio, il profeta Ismaele, e la madre di Ismaele, Agar – o Abramo e Ismaele come vengono chiamati nella Bibbia.

I pellegrini maschi indossano l’ihram, due pezzi di stoffa bianca scuciti che ricordano un sudario, mentre le donne indossano abiti tradizionali e larghi con hijab e rinunciano a trucco e profumo. I pellegrini stanno girando intorno alla Kaaba a forma cubica nella Grande Moschea con sette minareti dal loro arrivo alla Mecca nei giorni scorsi.

Le autorità saudite hanno adottato restrizioni di sicurezza alla Mecca e nei dintorni, istituendo posti di blocco sulle strade che portano alla città per impedire a coloro che non sono in possesso del permesso Hajj di raggiungere i luoghi santi.

Il tenente generale Muhammad Al-Bassami, capo del comitato di sicurezza dell’Hajj, ha affermato che molti di coloro che hanno tentato di ricevere pellegrini senza il permesso dell’Hajj sono stati arrestati. La maggior parte di loro è stata espulsa dal Paese, mentre gli agenti di viaggio rischiano fino a sei mesi di carcere, ha affermato il Ministero dell’Interno.

Tende di pellegrini musulmani riempiono il campo tendato di Mina mentre i pellegrini musulmani arrivano durante l'annuale Hajj, vicino alla città santa della Mecca, Arabia Saudita, venerdì 14 giugno 2024. (AP Photo/Rafiq Maqbool)

Tende di pellegrini musulmani riempiono il campo tendato di Mina mentre i pellegrini musulmani arrivano durante l’annuale Hajj, vicino alla città santa della Mecca, Arabia Saudita, venerdì 14 giugno 2024. (AP Photo/Rafiq Maqbool)

Il colonnello Talal Al-Shalhoub, portavoce del Ministero degli Interni, ha dichiarato venerdì in una conferenza stampa che più di 256.000 visitatori non sono stati autorizzati ad accedere ai luoghi santi perché non avevano i permessi per l’Hajj.

Altri i cui documenti erano incompleti pagarono multe per poter entrare alla Mecca. Mohamed Ramadan, un egiziano venuto in Arabia Saudita per celebrare l’Hajj con i suoi genitori, ha detto di aver scoperto che il tipo di visto ottenuto non permetteva loro di entrare alla Mecca. Hanno pagato 500 riyal sauditi (133 dollari) ciascuno per poter accedere ai luoghi santi.

READ  Le dimissioni del consigliere del presidente ucraino per le dichiarazioni dell'attacco missilistico Dnipro

“Siamo stati sottoposti a un cattivo trattamento”, ha detto mentre si dirigeva verso la loro tenda a Mina. “Ma abbiamo dimenticato tutto quando abbiamo visto la Grande Moschea.”

Venerdì i pellegrini si sono diretti a Mina per iniziare ufficialmente i rituali dell’Hajj. Sabato si svolgeranno poi una veglia di un giorno sul Monte Arafat, una collina deserta dove si dice che il profeta Maometto abbia pronunciato il suo ultimo discorso. I pellegrini normodotati effettuano il viaggio a piedi, mentre gli altri utilizzano l’autobus o il treno.

Il periodo dell’anno dell’Hajj varia poiché è fissato per cinque giorni nella seconda settimana di Dhu al-Hijjah, l’ultimo mese del calendario lunare islamico.

La maggior parte dei rituali Hajj si svolgono all’aperto con poca, se non nessuna, ombra. Quando arriva l’estate, le temperature possono salire fino a oltre 40°C (104°F). Il Ministero della Sanità ha avvertito che la temperatura nei luoghi santi potrebbe raggiungere i 48 gradi Celsius (118 Fahrenheit).

Molti pellegrini portavano ombrelli per proteggersi dal sole cocente e a Mina organizzazioni di beneficenza distribuivano acqua fredda. Le stazioni di raffreddamento spruzzano acqua sui pellegrini per rinfrescarli. I credenti sono rimasti nelle loro tende, riposando e pregando insieme in preparazione ai prossimi rituali.

Dopo che la nave da guerra arriverà ad Arafat sabato, i pellegrini viaggeranno per alcuni chilometri fino a un sito noto come Muzdalifah, per raccogliere i ciottoli da utilizzare per lapidare i pilastri che rappresentano Satana a Mina.

I pellegrini tornano poi a Mina per tre giorni, in coincidenza con l’Eid al-Fitr Festa dell’Eid al-Adha, quando i musulmani finanziariamente benestanti di tutto il mondo macellano il bestiame e distribuiscono la loro carne ai poveri. Successivamente, ritornano alla Mecca per la circumambulazione finale.

Negli ultimi anni, l’Hajj annuale è tornato alle sue dimensioni enormi dopo tre anni di severe restrizioni derivanti dalla pandemia di coronavirus. Nel 2023, più di 1,8 milioni di pellegrini hanno eseguito i rituali dell’Hajj, avvicinandosi al livello del 2019 a cui hanno partecipato più di 2,4 milioni.

___

La giornalista dell’Associated Press Wafaa Al-Shurafa della Striscia di Gaza ha contribuito a questo rapporto.

___

La copertura religiosa dell’Associated Press riceve supporto tramite l’AP cooperazione Con The Conversation US, finanziato da Lilly Endowment Inc., l’AP è l’unico responsabile di questo contenuto.