Febbraio 3, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I mercati cinesi crollano mentre scoppiano le proteste per i blocchi di Covid

I mercati cinesi crollano mentre scoppiano le proteste per i blocchi di Covid


Hong Kong
Affari della CNN

Cina Anche i principali indici azionari e le loro valute hanno aperto in forte ribasso lunedì proteste diffuse Contro le rigide restrizioni Covid-19 del paese durante il fine settimana, ha scosso il sentimento degli investitori.

Hang Seng a Hong Kong

(HSI)
indice È sceso fino al 4,2% nei primi scambi. Da allora ha ridotto alcune perdite e l’ultima volta è stata scambiata in ribasso del 2%. Hang Seng

(HSI)
Il China Enterprises Index, un indicatore anticipatore che traccia la performance delle società della Cina continentale quotate a Hong Kong, ha perso terreno 2%.

In Cina, lo Shanghai Composite è sceso brevemente del 2,2%, prima di ridurre le perdite allo 0,9% rispetto alla chiusura di venerdì. L’indice Shenzhen Heavy Technology Composite è sceso dell’1,1%.

Lo Yuan cinese, noto anche come Renminbi, è sceso contro il dollaro USA lunedì mattina. Lo yuan onshore, scambiato sul mercato interno strettamente controllato, è sceso brevemente dello 0,9%. L’ultima volta è sceso dello 0,6% a $ 7,206. Il tasso offshore, che viene negoziato offshore, è sceso dello 0,3% a 7,212 per dollaro.

Stephen Innes, managing partner di SPI Asset Management, ha affermato che il declino dello yuan suggerisce che “gli investitori stanno facendo la ciliegina sulla Cina”, aggiungendo che il mercato valutario potrebbe essere il “barometro più semplice” per misurare ciò che pensano gli investitori nazionali ed esteri.

Il crollo dei mercati arriva dopo che le proteste sono scoppiate in tutta la Cina in uno spettacolo di sfida senza precedenti contro la politica del coronavirus sempre più dura e costosa del paese.

READ  I futures sulle azioni statunitensi saltano sulla scia del taglio dei tassi di interesse della Cina

Nelle più grandi città del Paese, dal centro finanziario Shanghai alla capitale Pechino, i residenti si sono riuniti durante il fine settimana per piangere le vittime di un incendio nella capitale. XinjiangSi sono espressi contro Zero Covid e hanno chiesto libertà e democrazia.

Tali scene diffuse di rabbia e sfida, alcune delle quali si sono protratte fino alle prime ore del lunedì mattina, sono eccezionalmente rare in Cina.

Anche i mercati asiatici sono scesi ampiamente. Il Kospi della Corea del Sud ha perso l’1% e il Nikkei 225 del Giappone ha perso l’1%

(N225)
In calo dello 0,6%, l’S&P/ASX 200 australiano ha perso lo 0,3%.

I futures sulle azioni statunitensi sono scesi – un’indicazione di come è probabile che si aprano i mercati -, con i futures Dow in calo dello 0,5%, o 171 punti. I futures S&P 500 sono scesi dello 0,7%, mentre i futures Nasdaq sono scesi dello 0,8%.

Anche i prezzi del petrolio sono diminuiti drasticamente, poiché gli investitori temono che l’aumento dei casi di Covid e le proteste in Cina possano smorzare la domanda di uno dei maggiori consumatori di petrolio al mondo. I futures del greggio USA sono scesi del 2,7% a 74,19 dollari al barile. Il greggio Brent, il benchmark globale del petrolio, ha perso il 2,6% a 81,5 dollari al barile.

Venerdì, un giorno prima dell’inizio delle proteste, la banca centrale cinese ha tagliato per la seconda volta quest’anno la quantità di liquidità che i creditori devono tenere in riserva. Il coefficiente di riserva obbligatoria della maggior parte delle banche (RRR) è stato ridotto di 25 punti percentuali.

La mossa aveva lo scopo di sostenere un’economia paralizzata dalle rigide restrizioni Covid e da un mercato immobiliare vacillante. Ma gli analisti non pensano che questa mossa avrà un impatto significativo.

READ  Gli Stati Uniti utilizzano la regola FDPR sugli acquirenti cinesi di chip di intelligenza artificiale e supercalcolo

“Ridurre i requisiti del programma ora è come stringere una catena, perché crediamo che il vero ostacolo per l’economia sia la pandemia piuttosto che fondi di prestito insufficienti”, hanno affermato gli analisti di Nomura in un rapporto di ricerca pubblicato lunedì.

“Dal nostro punto di vista, porre fine all’epidemia [measures] Il prima possibile è la chiave per la ripresa della domanda di credito e della crescita economica.

L’economia cinese è attualmente intrappolata in un tiro alla fune tra fondamentali economici deboli e crescenti speranze di riapertura, ha affermato Ennis di SPI Asset Management.

Per le istituzioni formali in Cina, non ci sono modi semplici. Ha affermato che è improbabile accelerare i piani di riapertura quando i nuovi casi di COVID aumenteranno, data la bassa copertura vaccinale per gli anziani. “Le proteste di massa farebbero pendere la bilancia a favore di un’economia più debole e probabilmente sarebbero accompagnate da un’enorme ondata di casi di Covid, lasciando i politici con un grande dilemma”.

Nel breve termine, ha affermato, è probabile che i prezzi delle azioni e la valuta cinese aumenteranno in “incertezza più significativa” sulla risposta di Pechino alle proteste in corso. Si aspetta che il malcontento sociale cresca in Cina nei prossimi mesi, mettendo alla prova la determinazione dei politici a rispettare i loro severi mandati di non diffusione.

Ma a lungo termine, il risultato più realistico e probabile dovrebbe essere un “rapido sollievo”. [Covid] restrizioni una volta che l’ondata di corrente si ritirerà.