Novembre 28, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I lavoratori di HarperCollins scioperano per una retribuzione e benefici migliori

I lavoratori di HarperCollins scioperano per una retribuzione e benefici migliori

I dipendenti del sindacato di HarperCollins hanno scioperato giovedì, dicendo che intendevano prendere un licenziamento fino a quando non avessero raggiunto un accordo su un nuovo contratto.

HarperCollins rappresenta circa 250 dipendenti nei settori dell’editoria, della pubblicità, delle vendite, del marketing, del diritto e del design. Il sindacato ha dichiarato in una dichiarazione che i suoi membri, che lavorano senza contratto da aprile, vogliono migliori benefici per il congedo familiare e salari più alti.

Olga Brodastova, presidente del Local 2110 della UAW, che rappresenta i dipendenti del sindacato HarperCollins, ha affermato che il sindacato ha deciso di intraprendere uno sciopero a tempo indeterminato dopo lo stallo dei negoziati con l’azienda. Il sindacato suggerisce che HarperCollins aumenti lo stipendio minimo iniziale a $ 50.000 da $ 45.000. Ha inoltre invitato l’azienda ad affrontare la mancanza di diversità nella sua forza lavoro.

L’editoria è sempre stata un’industria a bassa retribuzione con lunghe ore di ingresso e dipendenti di livello medio, e ha sede a New York, una città costosa. È anche un’industria prevalentemente bianca e molti nel settore ritengono che i bassi salari siano parte di ciò che rende difficile la diversificazione del settore.

di recente Rapporto Di PEN America, un’organizzazione per la libertà di parola, ha affermato che secondo i dati aziendali, l’anno scorso il 74% dei dipendenti di Penguin Random House era bianco, così come oltre il 70% dei dipendenti di Macmillan e circa il 65% di quelli di Hachette. Queste concentrazioni erano più elevate tra i senior manager.

Giovedì, più di 100 membri del sindacato hanno manifestato e cantato davanti al quartier generale di HarperCollins, alcuni portavano cartelli che dicevano “Passion Don’t Pay Rent” e “Where Wild Things Pay”, un riferimento al classico film di HarperCollins di Morris. il tuo legame.

READ  Musk: le nuove fabbriche di automobili di Tesla stanno perdendo miliardi di dollari

Alcuni dei dipendenti che hanno aderito allo sciopero hanno affermato di sperare che la loro azione collettiva avrebbe portato a cambiamenti in tutto il settore.

“Questo è più grande del nostro stipendio, si tratta di cercare di fare la differenza in un settore che riteniamo dirompente”, ha affermato Laura Harshberger, senior production editor per la divisione libri per bambini di HarperCollins e presidente del sindacato, che era presente alla protesta. “Questa lotta si è davvero incentrata sul tentativo di rendere l’editoria un luogo più diversificato ed equo che rifletta i nostri valori e i libri che realizziamo”.

Il sindacato rappresenta un piccolo segmento della forza lavoro di HarperCollins, che conta circa 4.000 dipendenti a livello globale.

Una portavoce di HarperCollins ha affermato che la società aveva già accettato una serie di proposte del sindacato e che la società “continuerà a negoziare in buona fede”.

In un promemoria sullo sciopero inviato ai dipendenti la scorsa settimana, HarperCollins ha affermato di aver aumentato i salari iniziali e introdotto aumenti basati sul merito e ha osservato di aver “attuato piani per garantire operazioni ininterrotte durante un potenziale sciopero”.

Dopo aver registrato profitti solidi e persino record durante la pandemia, molti dei principali editori hanno visto i loro risultati iniziare a diminuire. HarperCollins ha annunciato questa settimana che nell’ultimo trimestre le sue entrate sono diminuite dell’11% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. I suoi guadagni in quel periodo sono scesi ancora di più, scendendo del 54% a 39 milioni di dollari.

Il mese scorso, l’editore ha annunciato che avrebbe licenziato un “piccolo numero” di dipendenti come parte di uno sforzo per ridurre i costi. Brodastova ha affermato che il sindacato ha intentato una causa per pratiche di lavoro sleali presso il National Labor Relations Board in risposta, rilevando che sei dei dipendenti che hanno perso il lavoro erano membri del sindacato.

READ  Il proprietario di un'auto del Michigan ha citato in giudizio dopo aver ucciso meccanicamente Jeep durante un cambio d'olio

Alcuni autori, librai e agenti si sono rivolti ai social media per annunciare il loro sostegno allo sciopero. Michelle Hawke, agente letterario, ha dichiarato: Twitter Non invieranno nuovi script ad HarperCollins fino a quando lo sciopero non sarà risolto. Diversi autori che hanno pubblicato con HarperCollins, tra cui Michea NimferHa parlato Charish Reid, autrice di “This Violent Delights”, autrice di “Mickey Chambers Shakes It Up” in aiuto Dallo sciopero su Twitter.

La scrittrice senior di HarperCollins, Sarah Ruiz Grossman, ha pubblicato una lettera che ha inviato all’azienda a sostegno dello sciopero: “I libri che amo leggere e scrivere non esisterebbero al mondo senza il lavoro essenziale di questi editori”, è Ha scritto.