Novembre 28, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I Knicks sopravvivono al disastro evitando una rimonta per battere i Pistons

I Knicks sopravvivono al disastro evitando una rimonta per battere i Pistons

I Knicks non hanno fornito la risposta mozzafiato o la risposta intensa prevista dopo la sconfitta in rete per mancata presentazione mercoledì.

Sì, sono rotolati fuori dal tappeto venerdì sera con una vittoria di 27 punti sui loro rivali di Crosstown. Ma è stato più come sopravvivere a un disastro che 48 minuti di basket completo per aumentare la fiducia.

I Knicks si sono sbarazzati dei Pistons con tre vittorie, 121-112, venerdì sera al park, soprattutto perché i table-runner hanno regalato loro un avversario inferiore che era senza il miglior giocatore. Detroit si sta ricostruendo e non ha avuto l’elemento costitutivo Cade Cunningham, la scelta numero 1 nel draft 2021.

“Era molto importante [to win this game]. Ho visto cosa è successo mercoledì e dovevamo riprenderci”, ha detto Galen Bronson. “Abbiamo continuato a lottare, anche se avremmo potuto finire la partita un po’ meglio”.

I Knicks hanno avuto molte opportunità di far cadere il martello nel corso di un modesto sforzo, ma non sono riusciti a farlo fino alla fine. Ci sono stati molti errori difensivi, occasioni per la seconda possibilità concesse ai Pistons e incoerenza generale, che è stata finora un segno distintivo dei Knicks (6-6) in questa stagione.

RJ Barrett spara durante il primo quarto.
Charles Wenselberg/New York Post

C’erano aspetti positivi. RJ Barrett ha segnato un record stagionale di 30 punti in una delle sue migliori partite della stagione giovanile e Bronson ha segnato 26 punti, 11 nel quarto quarto e sette assist. Ma la difesa è stata traballante per gran parte della notte, mandando Detroit sulla linea di tiro libero 41 volte. I Pistons, che non hanno ancora vinto in trasferta, sono vicini ai quattro punti a 1:20 dalla fine prima che Barrett realizzasse due tiri liberi ed Emmanuel Quickli li mettesse via con una tripla nell’angolo sinistro mentre i Knicks erano tornati a 0.500 .

READ  Hacker, Brian Reynolds accetta un accordo biennale per evitare l'arbitrato

“È difficile rimandare una squadra se la metti costantemente in gioco”, ha detto Barrett.

È stata una vittoria enorme, forse brutta. I Knicks avevano bisogno di prendere slancio quando sono entrati nell’estenuante corsa occidentale di cinque partite che inizierà martedì con il jazz a sorpresa. La vittoria di venerdì è stata almeno un piccolo passo nella giusta direzione, con un tuono che ha colpito il parco domenica.

Julius Randle, a destra, abbraccia Tom Thibodeau.
Julius Randle, a destra, abbraccia Tom Thibodeau durante la vittoria dei Knicks sui Pistons.
Charles Wenselberg/New York Post

Sei punti di Barrett come parte di una serie di 9-0 alla fine del primo quarto hanno aiutato a strappare ai Knicks un inizio stabile. Così ha fatto Derek Rose, che è stato il primo Nick dalla panchina e ha segnato un punteggio di più-12 nella prima metà di sei punti e otto minuti.

Lungo il secondo quarto, l’allenatore Tom Tebodeau ha optato per la coppia di Julius Randle Obi Tobin in attacco (Jerico Sims e Isaiah Hartenstein erano entrambi in grossi guai, necessitando di una mossa), con Quentin Grimes, Barrett e Bronson nella zona di difesa. I Knicks hanno costruito il loro vantaggio fino a 16 con questo pentathlon sul pavimento, anche se c’è stato qualche scivolata in difesa e i Pistons sono caduti solo di 10 all’intervallo.

La prestazione offensiva durante i primi 24 minuti è stata simile a molte delle vittorie dei Knicks in questa stagione: 13 assist su 23 field goal, punti di otto giocatori diversi e un attacco veloce hanno portato a un’apparizione aperta. La palla si è mossa, sono stati effettuati passaggi supplementari e i tiri sono caduti.

Jalen Bronson segna nel secondo quarto.
Jalen Bronson segna nel secondo quarto.
Charles Wenselberg/New York Post

“È stato divertente giocare a basket in questo modo, con così tanti giocatori coinvolti e tutti che hanno contribuito”, ha detto Barrett.

READ  Mookie Betts penetra negli NL West Dodgers e strappa la vittoria con un'incredibile cattura e celebrazione

I Knicks hanno iniziato bene il secondo tempo, portando il vantaggio a 17, ma alla fine del secondo quarto non sono riusciti a mantenere quel vantaggio. Quando Jaden Ivey e Hamidou Diallo hanno segnato rispettivamente per Detroit all’inizio del quarto quarto, il vantaggio dei Knicks era settimo.

Mi sono avvicinato negli ultimi novanta secondi. Ma i Knicks hanno fatto abbastanza giochi lungo il tratto per dominare e la tensione si stava esaurendo. Questo è ciò che conta di più per loro venerdì sera.

“[On Wednesday] “Non eravamo al nostro meglio e questo ci ha riportato sulla strada giusta”, ha detto Randall.