Gennaio 29, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I giocatori di videogiochi hanno citato in giudizio Microsoft in un tribunale statunitense per fermare l’acquisizione di Activision

20 dicembre (Reuters) – Microsoft Corporation (MSFT.O) Il colpo finale è stato inferto martedì in un tribunale statunitense con una causa per i consumatori che chiedeva l’offerta da 69 miliardi di dollari della società tecnologica per Call of Duty Inc. Activision Blizzard Inc. (ATVI.O) Schiaccerà illegalmente la concorrenza nel settore dei videogiochi.

il rimostranza Una causa è stata intentata presso il tribunale federale della California circa due settimane dopo che la Federal Trade Commission degli Stati Uniti ha intentato una causa davanti a un giudice di diritto amministrativo cercando di impedire a Microsoft, proprietaria della console Xbox, di completare la più grande acquisizione mai realizzata nel mercato dei videogiochi.

La causa privata chiede anche un’ingiunzione che impedisca a Microsoft di acquisire Activision. Depositato per conto di 10 giocatori di videogiochi in California, New Mexico e New Jersey.

L’acquisizione proposta darebbe a Microsoft “un enorme potere di mercato nell’industria dei videogiochi”, affermava la denuncia, “con la capacità di bloccare i concorrenti, limitare la produzione, ridurre la scelta dei consumatori, aumentare i prezzi e inibire ulteriormente la concorrenza”.

Il logo Microsoft è visibile su uno smartphone posizionato sopra il logo Activision Blizzard mostrato in questa illustrazione scattata il 18 gennaio 2022. REUTERS / Dado Ruvic / Illustration

Martedì un rappresentante di Microsoft ha difeso l’accordo, affermando in una dichiarazione che “amplierà la concorrenza e creerà maggiori opportunità per i giocatori e gli sviluppatori di giochi”. Dopo aver intentato una causa presso la Federal Trade Commission, il presidente di Microsoft Brad Smith ha dichiarato: “Abbiamo piena fiducia nel nostro caso e accogliamo con favore l’opportunità di presentare il nostro caso in tribunale”.

In una dichiarazione, l’avvocato dei querelanti di San Francisco, Joseph Savery, ha dichiarato: “Poiché l’industria dei videogiochi continua a crescere e svilupparsi, è importante proteggere il mercato da fusioni monopolistiche che danneggeranno i consumatori a lungo termine”.

READ  L'aggiornamento iOS 16.3 della prossima settimana risolverà diversi bug comuni di iPhone

I querelanti privati ​​possono presentare reclami antitrust in un tribunale degli Stati Uniti, anche mentre è pendente un caso di un’agenzia statunitense correlata. L’acquisizione, annunciata a gennaio, deve affrontare il controllo dell’antitrust nell’Unione Europea.

La FTC in precedenza aveva affermato di aver fatto causa per impedire a “Microsoft di assumere il controllo di uno dei principali studi di gioco indipendenti”. L’agenzia ha affermato che la fusione danneggerebbe la concorrenza tra le piattaforme di gioco rivali di Nintendo Co Ltd (7974.T) e Sony Group Corporation (6758.T).

(Segnalazione di Mike Scarcella). Montaggio di Lee Jones, Cynthia Osterman e Jonathan Otis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.