Dicembre 4, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I futures Dow sono scesi di 300 punti mentre i tassi di interesse sono aumentati, sollevando preoccupazioni per una recessione

I futures Dow sono scesi di 300 punti mentre i tassi di interesse sono aumentati, sollevando preoccupazioni per una recessione

I futures sulle azioni sono scesi giovedì mentre i tassi di interesse sono aumentati quando i funzionari della Federal Reserve hanno segnalato che l’aumento dei tassi di interesse per rallentare l’inflazione è tutt’altro che finito.

I contratti future legati al Dow Jones Industrial Average sono scesi di 316 punti, pari allo 0,9%. I futures S&P 500 sono scesi dell’1,1%, mentre i futures Nasdaq-100 sono scesi dell’1,2%.

James Bullard, presidente della Federal Reserve di St. Louis ha detto in un discorso che “la tariffa del documento non è ancora in un’area che sarebbe considerata sufficientemente restrittiva”.

“Il cambiamento nell’orientamento della politica monetaria sembra aver avuto solo effetti limitati sull’inflazione osservata, ma i prezzi di mercato indicano un’aspettativa di inflazione contenuta nel 2023”, ha aggiunto Bullard.

Il rendimento dei Treasury a due anni è balzato al 4,42% giovedì mattina, alimentando i timori che tassi di interesse più elevati possano far precipitare l’economia in recessione.

I titoli più vulnerabili alla recessione e all’aumento dei tassi hanno causato perdite nel trading pre-mercato. I titoli finanziari guidati da Wells Fargo sono scesi. I titoli tecnologici di Tesla e Netflix sono diminuiti.

Le ultime mosse sono arrivate sulla scia di una giornata ribassista a Wall Street, la seconda in tre giorni. L’S&P 500 e il Nasdaq Composite sono scesi rispettivamente dello 0,83% e dell’1,54%. Il Dow Jones Industrial Average ha perso 39,09 punti, pari allo 0,12%.

La pressione al ribasso è nata da doppio instradamento da Target, che ha riportato un calo delle vendite poiché l’inflazione ha frenato gli acquirenti che si avvicinano alle festività natalizie. La catena con sede a Minneapolis ha chiuso in ribasso del 13%, mentre la sua guida futura ha messo in dubbio altri rivenditori.

READ  Il deputato afferma che l'1% di TDS ucciderà la classe di criptovalute in India, esorta il governo a riconsiderare