Ottobre 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I consumatori stanno tagliando la spesa per i ristoranti, ma i CEO affermano che non tutte le catene sono interessate

I consumatori stanno tagliando la spesa per i ristoranti, ma i CEO affermano che non tutte le catene sono interessate

Howard Schultz

David Rider | Reuters

Alcuni ristoranti hanno segnalato scarse vendite o traffico ridotto nel secondo trimestre, suggerendo che i commensali stanno riducendo i pasti fuori per risparmiare denaro.

Ma i CEO sono divisi su come sta cambiando il comportamento dei consumatori e se sta influenzando le loro aziende.

McDonald’s Chris Kempczynski e Chipotle Griglie Messicane Brian Nicholl è stato tra coloro che lo hanno detto agli investitori I consumatori a basso reddito spendono meno soldi sui loro siti, aumentando al contempo il numero di visite ai clienti ad alto reddito. Altri amministratori delegati, come Starbucks Howard Schultz e Bloomin “Marchi” David Dino ha detto che non hanno visto i loro clienti trattenersi.

Le note contrastanti arrivano quando le aziende di ristoranti aumentano i prezzi dei menu per trasferire i costi più elevati per ingredienti e manodopera. I prezzi del cibo consumato fuori casa sono aumentati del 7,7% nei 12 mesi terminati a giugno, secondo il Bureau of Labor Statistics. Le persone stanno anche pagando molto di più per beni essenziali come gas, carta igienica e generi alimentari, sollevando preoccupazioni per una possibile recessione.

Storicamente, le catene di ristoranti con posti a sedere frenetici e costosi in genere hanno visto un crollo delle vendite durante i periodi di recessione quando le persone scelgono di rimanere a casa o fare le valigie. Il fast food tende ad essere il segmento dei ristoranti con le migliori prestazioni poiché le persone passano a pasti più economici quando cercano di curarsi.

Altri indizi su come cambiare le tue abitudini alimentari al negozio la prossima settimana, presso la catena di insalate dolce verdeIl proprietario di Appleby Marche danesi E il Caffè dei fratelli olandesi Rapporto sui guadagni.

READ  Aggiornamenti live del 4 luglio: concorso per mangiare hot dog e notizie di viaggio

Ecco cosa hanno detto finora le aziende di ristorazione.

Trova offerte

Brands International Restaurant, che possiede Burger King, Tim Hortons e Popeyes, ha affermato di non aver visto finora cambiamenti significativi nel comportamento dei consumatori. Ma il CEO Jose Seal ha detto che era lì Modesto aumento dei commensali che riscattano coupon cartacei e premi del programma fedeltà.

“Indica che le persone cercano un buon rapporto qualità-prezzo”, ha detto Sell alla CNBC.

Yum Brands Questa settimana, le vendite nello stesso negozio negli Stati Uniti per le catene KFC e Pizza Hut sono diminuite nel secondo trimestre, nonostante il numero più alto di Taco Bell. Il CEO David Gibbs lo ha detto agli investitori Il consumatore globale sembra essere più cauto E il consumatore statunitense a basso reddito ha ridotto ancora di più la spesa.

Ma Gibbs lo ha anche avvertito È difficile generalizzare sullo stato del consumatore. Ha citato i molteplici fattori che influenzano il comportamento, tra cui l’inflazione, l’assenza di misure di stimolo lo scorso anno, il lavoro da casa e le persone che escono di nuovo dopo la pandemia.

“Questo è davvero uno degli ambienti più complessi che abbiamo visto nel nostro settore”, ha affermato.

Choi Tex-Mex, che ha sedi in 17 stati, ha affermato che sta assistendo a un rallentamento generalizzato dei consumatori che non può essere suddiviso in base ai livelli di reddito. La catena di ristoranti casual ha anche accusato le temperature record in Texas, che scoraggiano i commensali dal sedersi fuori, poiché tendono a bere più alcolici.

spende ancora

Schultz di Starbucks riferisce che la società non ha visto i bevitori di caffè tagliare le loro spese. Ciò ha ripristinato il potere di determinazione dei prezzi della catena e una forte fedeltà dei clienti. Starbucks ha registrato una crescita delle transazioni dell’1% in Nord America per il terzo trimestre del suo anno fiscale.

Alcune aziende di ristoranti si sono concentrate sul mantenere i prezzi relativamente bassi per attirare i consumatori e guadagnare quote di mercato rispetto alla concorrenza. Ad esempio, Bloomin’ Brands, proprietario di Outback Steakhouse, ha affermato di aver deciso di non aumentare i prezzi per compensare completamente l’inflazione. Invece, i suoi prezzi di quotazione sono aumentati solo del 5,8% nel secondo trimestre.

Di conseguenza, la società ha affermato di non aver visto i commensali ritirarsi dalle spese.

“Non vediamo i consumatori che eseguono i loro assegni a questo punto”, ha detto martedì Dino Bloomins. “In effetti, in alcuni dei nostri marchi, stiamo assistendo a un costante aumento degli scambi”.

Per mitigare l’inflazione, Bloomin si è ritirata da sconti e promozioni a tempo limitato e si è concentrata sulla riduzione dei costi altrove. Il traffico nelle aree remote è diminuito rispetto ai livelli del 2019.

Texas Roadhouse Ha detto che i suoi clienti hanno scambiato bistecche più grandi durante il secondo trimestre. Il CFO Tony Robinson ha affermato che le vendite di alcolici sono leggermente diminuite, ma non ci sono stati cambiamenti evidenti nella domanda di cibo.