Maggio 20, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I consulenti per la sicurezza della NASA hanno espresso preoccupazione per lo Starliner di Boeing e per la Starship di SpaceX - Spaceflight Now

I consulenti per la sicurezza della NASA hanno espresso preoccupazione per lo Starliner di Boeing e per la Starship di SpaceX – Spaceflight Now

La navicella spaziale Starliner di Boeing scende sotto il paracadute il 22 dicembre 2019, al termine della missione Orbital Flight Test-1. Credito: NASA/Aubrey Geminani

Giovedì i membri del comitato consultivo per la sicurezza indipendente della NASA hanno avvertito l’agenzia spaziale di non precipitarsi in un volo di prova per l’equipaggio della navicella spaziale Starliner della Boeing e hanno espresso preoccupazione per la certificazione finale dei paracadute a capsula e il livello di personale della Boeing nel programma.

I consulenti per la sicurezza hanno anche affermato che c’erano “chiare preoccupazioni per la sicurezza” sul piano di SpaceX di lanciare il gigantesco razzo Starship dalla piattaforma 39A al Kennedy Space Center, la stessa struttura utilizzata per le missioni dell’equipaggio sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Boeing ha in programma di rilasciare una replica problematica del volo di prova del pod dell’equipaggio Starliner la prossima settimana. La missione – chiamata Orbital Flight Test-2 o OFT-2 – non trasporterà astronauti. Ma se tutto andrà bene, la missione OFT-2 aprirà la strada al prossimo lancio di Starliner per trasportare un equipaggio alla stazione spaziale per un’ultima missione dimostrativa – chiamata Crew Flight Test, o CFT – prima della nuova NASA e Annuncio Boeing. Veicolo commerciale pronto per l’uso.

Sviluppata in una partnership pubblico-privata, la navicella spaziale Starliner fornirà alla NASA una seconda capsula classificata per l’uomo in grado di trasportare astronauti da e verso la stazione spaziale, insieme alla navicella spaziale Dragon di SpaceX, lanciata per la prima volta con un equipaggio a maggio 2020.

Con SpaceX che ora fornisce servizi regolari di trasporto dell’equipaggio alla stazione spaziale, i funzionari della NASA hanno avuto il tempo di risolvere i problemi tecnici con la navicella Starliner. Tuttavia, la NASA desidera avere due fornitori di trasporto dell’equipaggio in atto per evitare di fare affidamento sulla navicella spaziale russa Soyuz per i voli degli astronauti nel caso SpaceX dovesse subire gravi ritardi.

“Il comitato è lieto che da tutte le indicazioni non vi sia alcun senso della necessità di precipitarsi nel finanziamento del terrorismo”, ha detto giovedì David West, membro del comitato consultivo per la sicurezza dello spazio aereo, in una riunione pubblica. “Il punto di vista che ci è stato costantemente espresso (dalla NASA) è che il programma passerà a CFT quando e solo quando saranno pronti. Naturalmente, il percorso migliore per CFT sarà il successo di OFT-2”.

La NASA ha firmato una serie di contratti con Boeing, del valore di oltre 5 miliardi di dollari, dal 2010 per lo sviluppo, i voli di prova e le operazioni di Starliner. I contratti includono accordi per sei voli con equipaggio alternato verso la stazione spaziale – ciascuno con un equipaggio di quattro persone – dopo il completamento della missione OFT-2 e il test di volo dell’equipaggio più breve con gli astronauti a bordo.

Ma il programma Starliner ha dovuto affrontare anni di ritardi. Problemi software hanno impedito al veicolo spaziale di attraccare alla stazione spaziale durante la missione OFT-1 nel 2019, costringendo Boeing a formare un secondo volo di prova senza pilota a proprie spese. La missione OFT-2 era sulla rampa di lancio lo scorso agosto, pronta a decollare su un razzo Atlas 5 della United Launch Alliance, quando gli ingegneri hanno notato 13 valvole di isolamento ossidante nel sistema di propulsione della navicella Starliner bloccate in posizione chiusa.

READ  Esecuzione di chip ARM su Algae Power

Dopo nove mesi di test, indagini e uno scambio per un nuovo propulsore, il 4 maggio Boeing ha riportato la navicella spaziale Starliner nell’hangar per razzi dell’ULA per issarla su un razzo Atlas 5, pronto per il decollo di nuovo al momento del lancio. Leggi la nostra storia precedente sulla riparazione delle valvole.

West ha detto giovedì che gli amministratori della NASA hanno firmato una riparazione della valvola ossidante per la missione OFT-2, ma ha osservato che “ci sono alcune domande sul fatto che una riprogettazione della valvola sarà necessaria per i voli futuri dopo OFT-2”. Ha anche affermato che i manager hanno concordato un “viaggio per causa” dei problemi con la valvola di intercettazione ad alta pressione nel sistema di propulsione dell’unità di trasmissione Starliner, un problema separato dalle valvole ossidanti del modulo di servizio.

La navicella spaziale Starliner di Boeing è stata sollevata all’interno della struttura di integrazione verticale presso l’ULA il 4 maggio in preparazione della missione OFT-2. L’unità dell’equipaggio Starliner è in alto e l’unità di servizio è in basso. Credito: NASA/Frank Michaux

“C’è anche preoccupazione che la certificazione dei paracadute di Boeing sia in ritardo”, ha detto West.

Ha anche notato “una significativa preoccupazione programmatica” per il numero limitato di missili Atlas 5 classificati per umani rimasti nell’inventario dell’ULA. L’ULA ha altri 24 missili Atlas 5 da pilotare prima che il missile venga rimorchiato a favore del meno costoso e più potente Vulcan Centaur.

Otto di questi 24 razzi sono già per il programma Starliner, sufficienti per soddisfare i requisiti contrattuali Boeing della NASA, che includono altri due voli di prova e sei missioni operative dell’equipaggio verso la stazione spaziale.

Il nuovo missile Vulcan dell’ULA non è stato ancora lanciato.

“Un altro fattore è che il veicolo di lancio Vulcan previsto per sostituire il veicolo di lancio Atlas 5 per lo Starliner deve essere certificato per il volo spaziale umano e il processo per ottenere tale certificazione potrebbe richiedere anni”, ha affermato West.

Le preoccupazioni dell’opinione pubblica sulla NASA e sulla forza lavoro a contratto nell’ambito del programma di volo spaziale umano dell’agenzia “sono di particolare importanza nel caso di Boeing”, ha affermato West, direttore di lunga data della sicurezza ingegneristica e direttore dei test per il Council of Certified Safety Professionals.

“Il comitato ha notato che i livelli di personale in Boeing sembrano essere particolarmente bassi”, ha detto West. “Il Comitato monitorerà la situazione nel prossimo futuro per l’eventuale impatto di eventuali rischi per la sicurezza presenti o attenuanti.

READ  Il telescopio spaziale Hubble scopre la stella più vicina e più lontana conosciuta

“Anche se non vogliamo vedere e spingere inutilmente verso il lancio del CFT, Boeing deve garantire che tutte le risorse disponibili siano utilizzate per rispettare il programma ragionevole ed evitare inutili ritardi”, ha affermato West in lutto.

“Siamo decisamente dietro l’idea di non decollare finché (non è) pronto, fino a quando non si sarà presa cura della sicurezza”, ha affermato Mark Cirangelo, un altro membro del pannello di sicurezza. “Allo stesso tempo, se i ritardi sono dovuti alla mancanza di risorse applicate al programma, ciò avrebbe un impatto importante, o potrebbe avere un impatto importante, sul programma della NASA per il ritorno sulla Luna e molte altre cose che si spegnerebbero per sbarazzarsi di quei ritardi”.

I funzionari della NASA e della Boeing hanno rifiutato di fissare una tempistica obiettivo per i test dell’equipaggio di volo, dicendo solo che i preparativi sulla capsula per la prima missione dell’astronauta erano sulla buona strada per avere il velivolo pronto per il lancio entro la fine di quest’anno. Il programma dei test dell’equipaggio dipenderà in gran parte dai risultati della missione OFT-2.

Un astronauta sulla Stazione Spaziale Internazionale ha scattato questa immagine del 30 marzo del Kennedy Space Center, mostrando il pannello 39B in basso a destra, il pad 39A direttamente sopra di esso e il Vehicle Assembly Building. Il nord è in basso in questa foto. credito: NASA

SpaceX, l’altro appaltatore commerciale dell’equipaggio della NASA, ha completato cinque lanci di equipaggio per la NASA, oltre a due missioni speciali per astronauti utilizzando la flotta di navicelle spaziali Dragon dell’azienda.

I funzionari hanno affermato l’anno scorso che SpaceX avrebbe terminato la produzione delle nuove capsule Dragon dopo aver costruito quattro veicoli di livello umano. Il quarto e più recente membro della flotta è stato varato per la prima volta il mese scorso. Ogni navicella spaziale Dragon è progettata per almeno cinque voli e SpaceX e la NASA possono certificare la capsula per missioni aggiuntive.

“Siamo certamente preoccupati se, qualunque esso sia, i requisiti per il trasporto di astronauti da e verso la Stazione Spaziale Internazionale durante la sua vita rimanente possono essere soddisfatti senza draghi aggiuntivi”, ha detto West. “Gli studi parametrici sono raccomandati per informare e supportare le decisioni rilevanti sulla necessità o meno di più capsule Dragon.

“La velocità di fuoco di Dragon continua, tuttavia, vengono prese misure per mantenere alta la velocità di lancio”, ha detto West. “Alcune di queste misure possono includere il rinvio della manutenzione preventiva e il riutilizzo del Dragon più volte. Il comitato osserverà da vicino per vedere se queste misure possono essere implementate senza aumentare i rischi.

“Dovremmo notare, tra l’altro, che c’è un’enorme quantità di dati provenienti da tutti questi lanci di SpaceX”, ha detto West. “Sebbene i dati possano avvantaggiare la NASA, pensiamo che si dovrebbe prestare attenzione per evitare di essere sopraffatti da troppi dati. .”

A febbraio, la NASA ha ordinato altre tre missioni di rotazione dell’equipaggio da SpaceX, oltre ai sei voli previsti dal contratto di equipaggio commerciale originale. Una volta che lo Starliner sarà operativo, la NASA vuole cambiare le rotazioni dell’equipaggio ogni sei mesi tra Boeing e SpaceX, dando a ciascun fornitore un volo astronauta della NASA ogni anno.

READ  Un pianeta potrebbe avere una mente propria?

West ha aggiunto che SpaceX prevede di lanciare un enorme razzo Starship di nuova generazione, attualmente in sviluppo nel Texas meridionale, dal Kennedy Space Center che potrebbe rappresentare una minaccia per la struttura di lancio di Falcon 9 e Dragon sulla piattaforma 39A.

“Una potenziale opzione identificata per il lancio della Starship proviene da una nuova struttura pianificata entro i confini fisici attorno alla piattaforma 39A presso il Kennedy Space Center, dove vengono lanciati i Dragons”, ha affermato West. “Ci sono chiare preoccupazioni per la sicurezza riguardo al lancio della grande navicella spaziale, che devono ancora essere dimostrate, in una così stretta vicinanza, a soli 300 iarde o giù di lì, da un’altra piattaforma, per non parlare della traiettoria che è assolutamente necessaria per il programma dell’equipaggio commerciale”.

Pad 39A è anche l’unica struttura di lancio attualmente in grado di lanciare il razzo Falcon Heavy di SpaceX, essenziale per spostare in orbita alcuni veicoli spaziali militari della NASA e degli Stati Uniti.

La navicella spaziale e l’imponente e super pesante stadio booster si combinano per raggiungere un’altezza di quasi 120 metri. Il sistema è progettato per essere completamente riutilizzabile e SpaceX prevede di far atterrare verticalmente la sua astronave potenziata e lo stadio superiore nel sito di lancio.

SpaceX sta terminando i lavori sulla sua piattaforma di lancio Starship nel sud del Texas, ma la FAA sta riesaminando l’impatto ambientale delle operazioni di SpaceX nel sito prima di rilasciare una licenza di lancio commerciale per il primo volo di prova orbitale completo del veicolo spaziale.

La NASA ha assegnato a SpaceX un contratto da 2,9 miliardi di dollari lo scorso anno per sviluppare una versione della navicella spaziale Starship per far atterrare gli astronauti sulla Luna.

“In conclusione, vorrei solo dire che questi sono tempi molto complessi per il PCC”, ha detto West, riferendosi al Commercial Crew Program della NASA. “Come spiega il sito web di lancio di Starship in uscita, ci sono molte considerazioni esterne ma rilevanti di cui tenere conto. Tuttavia, una cosa rimane chiara, ed è che è ancora molto importante arrivare al punto in cui la NASA ha fornitori di PCC validi”.

Invia un’e-mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Incorpora il tweet.