Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Hooters sta chiudendo diverse sedi con prestazioni inferiori

Hooters sta chiudendo diverse sedi con prestazioni inferiori

Catena di ristoranti americana Hooters a Tokyo, Giappone. (Bodrol Choukrot/SOPA Images/LightRocket tramite Getty Images)

Hooters è l’ultima catena di ristoranti informali ad annunciare la chiusura di un numero selezionato di locali a livello nazionale.

“Come molti ristoranti sotto pressione dalle attuali condizioni di mercato, Hooters ha preso la difficile decisione di chiudere un numero selezionato di negozi con prestazioni inferiori. Garantire il benessere dei nostri dipendenti è la nostra priorità in questi rari casi”, ha affermato la società. Notizie sui ristoranti nazionali, Che per primo ha dato la notizia.


“Con l’apertura di nuovi ristoranti Hooters a livello nazionale e internazionale, il lancio di nuovi prodotti surgelati Hooters nei negozi di alimentari e l’espansione della presenza di Hooters in nuovi mercati con sedi sia aziendali che in franchising, questo marchio di 41 anni rimane estremamente resiliente e rilevante a continuare a servire “I nostri ospiti sono a casa, in viaggio e nei nostri ristoranti qui negli Stati Uniti e in tutto il mondo.”

KTLA ha contattato Hooters ma non ha ricevuto risposta in tempo per la pubblicazione.

La società non ha specificato quali sedi o quante sedi sarebbero state chiuse, secondo Notizie su Mercurio.

Hooters si unisce a un elenco crescente di ristoranti che hanno chiuso le sedi o che hanno costi aziendali che continuano a salire alle stelle. A maggio, Red Lobster ha presentato istanza di protezione dal fallimento secondo il Capitolo 11 poco dopo aver chiuso dozzine di ristoranti.

All’inizio di questo mese, il Rubio’s Coastal Grill ha chiuso 48 locali “sottoperformanti” in tutta la California.

READ  Bitcoin, Ethereum: due livelli dove lo swing trading può essere redditizio

Secondo Nation’s Restaurant News, circa il 33% delle catene di ristoranti ha terminato il 2023 con meno sedi rispetto a quelle iniziate all’inizio dell’anno.

Ciò avviene in un momento in cui i commensali continuano a dover affrontare costi crescenti per cenare fuori. Secondo quanto riportato dalla CNBC. Il costo del “cibo fuori casa” è aumentato di oltre il 25% dall’inizio della pandemia di COVID-19 ed è aumentato di un altro 4% a maggio rispetto alla crescita dell’1% nei negozi di alimentari.

Studia da Gruppo di consulenza KPMG Si è inoltre scoperto che il 41% dei consumatori prevede di spendere meno nei ristoranti quest’anno, mentre solo il 21% ha dichiarato di voler spendere di più.

“I consumatori stanno stringendo ancora di più la cinghia mentre cercano sconti, e anche alcuni aspetti fondamentali sono stati colpiti. Abbiamo già visto alcuni rivenditori tagliare i prezzi nel tentativo di mantenere l’equilibrio”, Duleep Rodrigo, responsabile consumer e vendita al dettaglio presso KPMG US. , ha affermato in una nota.

In risposta, molte catene di fast food offrono pasti a basso costo nella speranza di attirare più clienti.