Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

“Hanno salvato tutta la vita per questo”: il dolore di una donna americana quando i suoi genitori muoiono durante l’Hajj

“Hanno salvato tutta la vita per questo”: il dolore di una donna americana quando i suoi genitori muoiono durante l’Hajj



CNN

Saeeda Wari ha detto che partecipare all’Hajj, il pellegrinaggio che ogni anno porta musulmani da tutto il mondo in Arabia Saudita, è stato il sogno di una vita dei suoi genitori.

Hanno speso $ 23.000 per un pacchetto di viaggio tutto compreso tramite una compagnia turistica registrata nel Maryland.

“Hanno salvato tutta la vita per questo”, ha detto a Frederica Whitfield della CNN.

Ma quello che doveva essere il viaggio di una vita si è trasformato in una tragedia questa settimana, quando Wori ha saputo che sua madre, Isatou Tijan Wori, 65 anni, e suo padre, Aliu Dausi Wori, 71 anni, erano tra le centinaia di pellegrini morti durante il viaggio. Hajj. Temperatura estrema Che ha invaso lo stato del Golfo Persico. Più di 500 I loro decessi sono stati confermati, mentre si teme che il numero superi di gran lunga il migliaio.

I Worries erano cittadini americani di Bowie, nel Maryland. La signora Woori si è recentemente ritirata dal suo lavoro come capo infermiera presso la Kaiser Permanente nella contea di Prince George, ha detto sua figlia alla CNN.

Sabato, parlando con Whitfield alla CNN, Worrie ha detto di essere stata in stretto contatto con i suoi genitori mentre erano in Arabia Saudita tramite una chat di gruppo familiare. Ha detto di aver appreso in quella chat che la compagnia turistica non ha fornito il trasporto adeguato o le credenziali necessarie per partecipare all’Hajj. Ha aggiunto che il gruppo con cui viaggiavano i suoi genitori, che comprendeva fino a 100 altri pellegrini, non aveva abbastanza cibo e provviste per il viaggio di cinque-sei giorni che è un pilastro dell’Islam.

READ  L’esercito taglia migliaia di posti di lavoro per concentrarsi su Russia e Cina

Woori ritiene che i suoi genitori non siano stati “adeguatamente preparati” per il viaggio da parte del tour operator e “non abbiano ricevuto ciò per cui avevano pagato” dalla compagnia. La CNN ha contattato la compagnia turistica per un commento.

Foto di famiglia

Isatou Tejan Wori e Aliu Dausi Wori.

L’ultima volta che ha sentito i suoi genitori è stato sabato 15 giugno, quando sua madre le ha mandato un messaggio dicendole che stavano aspettando da ore il mezzo di trasporto per portarli sul Monte Arafat. Crede che fossero presenti a Mina in quel momento. Alla fine la coppia ha scelto di camminare e ha inviato un messaggio alla figlia dopo aver camminato per più di due ore.

La coppia si è poi unita agli altri pellegrini e ad altri partecipanti al tour sul Monte Arafat, dove si sono riuniti per pregare e meditare nel luogo sacro. Uno degli uomini del gruppo del tour ha chiamato la signora Woori per dirle che i suoi genitori erano scomparsi sul Monte Arafat, dopo che suo padre aveva detto che non poteva continuare il viaggio e si era fermato per riposarsi lungo la strada. L’uomo ha continuato la sua ascesa fino alla cima del monte Arafat, ma non è riuscito a trovare la coppia durante la discesa.

Woori ha ricevuto avvisi di morte dal consolato americano a Jeddah, che ha ottenuto dal Ministero degli Interni saudita, dicendo che i suoi genitori sono morti per “cause naturali” il 15 giugno. Qualcuno all’ambasciata americana le disse più tardi che il colpo di calore sarebbe stato grave. È considerata una causa naturale.

READ  6 gennaio 2023 Notizie di Russia e Ucraina

Il Consolato Generale le ha detto che i suoi genitori erano già stati sepolti, ma non potevano dirle esattamente dove fossero stati sepolti.

Ora Saeeda e i suoi fratelli stanno facendo tutto il possibile per ottenere risposte e scoprire dove sono sepolti i loro genitori.

“Abbiamo chiesto al governo saudita di trattenere i corpi in modo da poter viaggiare in Arabia Saudita per dare loro almeno una degna sepoltura con [their] “I bambini erano presenti e in grado di identificare i corpi”, ha detto Whitfield. “Purtroppo sono già stati sepolti.”

⁠ Vorrebbe che i diplomatici americani incontrassero lei e i suoi fratelli sul posto al loro arrivo per aiutarli a trovare dove sono sepolti i loro genitori e raccogliere le loro cose, perché non conosce l’arabo e non ha familiarità con la regione. Ha aggiunto che fino a sabato i diplomatici non si erano impegnati ad incontrarli di persona in Arabia Saudita.

Il Dipartimento di Stato americano ha confermato che c’è stata “la morte di diversi cittadini americani nel Regno dell’Arabia Saudita”, ma ha rifiutato di commentare qualsiasi dettaglio sulla famiglia Warri.

Il caldo estremo è stato identificato come uno dei fattori principali dietro centinaia di morti e feriti segnalati quest’anno durante la stagione dell’Hajj. Lunedì la Mecca, la città santa considerata un centro nevralgico per i pellegrini, ha visto le temperature salire al livello record di 125 gradi Fahrenheit.

Durante l’incontro di quest’anno si prevedevano temperature elevate, con l’esercito saudita che ha dispiegato più di 1.600 persone con unità mediche e 30 squadre di risposta rapida specifiche per i colpi di calore. Erano in servizio anche altri 5.000 volontari sanitari e di primo soccorso.

READ  La Russia invade l'Ucraina, si sentono esplosioni vicino all'aeroporto di Leopoli

Fadel Sina/AFP/Getty Images

Una donna usa un ventilatore portatile alimentato a batteria per rinfrescare un uomo disteso a terra durante il rituale simbolico della “lapidazione del diavolo” durante il pellegrinaggio annuale Hajj a Mina il 16 giugno 2024.

Ma la CNN ha parlato con altri pellegrini che hanno affermato che i preparativi non erano sufficienti, essendo presente un solo pellegrino una descrizione Vedere i compagni di fede perdere conoscenza e passare davanti a corpi coperti di abiti bianchi.

Il numero esatto dei decessi rimane poco chiaro e si prevede che aumenterà, poiché i paesi di tutto il mondo annunciano in modo indipendente la morte dei propri cittadini.

Sono aumentate anche le preoccupazioni relative ai gruppi turistici inappropriati. Secondo l’agenzia di stampa statale Ahram Online, l’Egitto ha annunciato di aver annullato le licenze di 16 agenzie di viaggio che organizzavano viaggi Hajj sabato.

Questa non è la prima volta che centinaia di pellegrini muoiono mentre viaggiavano per celebrare l’Hajj, che quest’anno ha attirato più di 1,8 milioni di persone. Nel 2015 sono state uccise più di 700 persone Durante una ressa nella città di Mina, in Arabia Saudita, fuori La Mecca. Nel 2006, 363 persone furono uccise durante una ressa nel luogo in cui i pellegrini si riunivano per partecipare al rito della “lapidazione del diavolo” a Mina. L’anno scorso sono morte più di 200 persone.