Giugno 8, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Guerrieri contro Kings: Steph Curry-De’Aaron Fox Game 4 ci regala un classico istantaneo, elevando la serie a un livello epico

SAN FRANCISCO — Le persone spesso confrontano eventi sportivi avanti e indietro con incontri di boxe dei pesi massimi, in cui ogni gigante a turno batte l’altro fino all’oblio, solo per vedere l’avversario contrattaccare sferrando la propria combinazione di punizione. Ma anche quella metafora non rende giustizia alla tesa ed estenuante battaglia di Gara 4 di domenica tra Golden State Warriors e Sacramento Kings.

“Che partita è stata”, ha detto l’allenatore dei Kings Mike Brown. “Se sei un fan sfegatato, che spettacolo da non perdere.”

Forse l’approssimazione più vicina è un giro su una nave pirata in ogni parco divertimenti o fiera locale. Dopo aver fatto le valigie, la nave inizia a oscillare lentamente in ogni direzione, accumulando slancio, simile ai 14 cambi di vantaggio e ai sei pareggi della prima metà del gioco 4. Poi le cose riprendono alla fine, con la nave nautica di legno che oscilla in alto su un lato di quell’orrore risultante Cadere dal sedile costringe le tue mani sudate ad afferrare saldamente la barra. Come quando i Warriors hanno aperto un vantaggio di 10 punti con un devastante terzo quarto, coronato dalla mozzafiato tripla di Klay Thompson.

Quando raggiungi la cima da un lato, sai che alla fine le cose devono cedere alla gravità e oscillare dall’altra parte. Per iniziare il quarto quarto, i Kings sono andati su un rapido parziale di 15-2 in meno di tre minuti per riprendere il vantaggio. Quello che è successo da lì può essere paragonato solo a una nave pirata completamente fuori rotta, che attraversa la strada con i suoi passeggeri e passanti urlando in proporzioni uguali di orrore e gioia.

Forse la peggior sfida dell’allenatore NBA La storia di Steve Kerr ha lasciato i Warriors senza timeout negli ultimi due minuti di gioco. Queste cose spesso tornano a pungerti, e con 42 secondi rimasti per lasciare Steve Curry, un geniale QI del basket, ha avuto un attacco temporaneo all’arbitro, dando compagnia a Chris Webber e guadagnandosi un fallo tecnico da Call time out la sua squadra non ha avuto.

READ  Quest'anno sono state distribuite otto carte in franchising

Tech non solo ha dato a Sacramento un tiro libero, ma anche un possesso in cui De’Aaron Fox ha lasciato cadere un tiro del puntatore tra i primi 3 per tagliare il vantaggio a un punto. Curry ha sbagliato un tiro dall’altra parte, i Kings hanno restituito la palla a 10 secondi dalla fine, ma l’ultimo tentativo da 3 punti di Harrison Barnes è stato deviato dal bordo, permettendo al pubblico tremante di Chase di espirare momentaneamente, con Golden State che è scappato via brutto, dopo una vittoria estatica.

Sono scesi vivi dalla nave dei pirati, e questo è tutto ciò che conta.

“Se questa fosse una partita normale, probabilmente te ne andresti e saresti un po’ sconvolto e tu, amico, non avresti dovuto essere affatto così duro”, ha detto l’attaccante dei Warriors Draymond Green dopo la vittoria. “Ma non è così. Sono i playoff e ogni partita conta. Che vinciamo o andiamo via e controlliamo la fine o dobbiamo lottare per vincerla come abbiamo fatto oggi, vinci e vai avanti”.

Il classico istantaneo presentava esibizioni straordinarie e tempestive su e giù per ogni elenco, ma i personaggi principali – le star che hanno portato il gioco e la serie, da grandioso a epico – sono Curry e Fox, che dimostrano i loro miriadi di talenti eterei nel quarto. -un quarto di tête-à-tête.

Dopo che i Kings hanno rapidamente cancellato uno svantaggio di 10 punti per darsi un punto di vantaggio a nove minuti dalla fine della partita, Curry si è messo al lavoro, segnando sette dei successivi otto punti dei Warriors per dare loro un po’ di respiro. Il suo primo canestro era di puro design: una trasmissione in linea che trasudava energia alfa e dava ai guerrieri un vantaggio a cui non avrebbero mai rinunciato.

Poi, c’è stato un devastante salto irregolare e un falso colpo di testa con la punta del piede sulla linea dei 3 punti, riprendendo slancio e costringendo Sacramento a chiamare un timeout in un futile tentativo di far impazzire il Chase Center.

READ  Red Sox Pitcher descrive il Wrigley Field come un campo da calcio "spaventoso", "Stock Standard"

Quindi, a 7:25 dalla fine, ha preso un passaggio basso di Green dalle caviglie e in un solo movimento ha colpito una tripla da 29 piedi per estendere il vantaggio.

“Ha la massima leadership per la nostra squadra e la Terra”, ha detto il quarterback dei Warriors Kevon Looney di Curry, suo compagno di squadra di lunga data. “Quindi sapeva quando stavamo lottando e loro avevano lo slancio, e ha deciso di prendere dei bulldozer e riportarci dove dovevamo essere. Ecco perché è quello che è.”

Contro molte squadre sarebbe la fine della storia. Ma Sacramento ha un suo piccolo eroe della cornice che è anche il primo giocatore dell’anno della frizione NBA. A partire dal segno dei sei minuti, Fox ha segnato sette punti consecutivi con una varietà di tiri liberi, salti di nuvole e galleggianti. Ha segnato 12 punti solo nel quarto quarto, coronando una tripla finale che ha messo alla prova l’integrità strutturale del sistema cardiovascolare dei tifosi dei Warriors.

“Penso che finora sia in qualche modo cambiato rispetto alla stagione regolare”, ha detto il debuttante di Kings Keegan della Fox dopo Gara 4. dentro.”

Era giusto che il gioco finale del gioco fosse sulle due stelle, uno contro uno. Fox ha preso la palla nella zona di difesa e ha inseguito di proposito Curry ricevendo uno schermo da Barnes. Fox ha provato ad attraversare, ma Curry lo ha interrotto, costringendolo a cambiare direzione, dove ha ricevuto aiuto da Green. Non avendo altra scelta che far giocare bene la doppia squadra, Fox l’ha sperperata a Barnes, il cui passo ha rovinato quello che avrebbe potuto essere un fantastico vincitore del gioco e la trama contro la sua ex squadra.

“Sappiamo che Fox può sparare”, ha detto Green dopo la partita. “Lui Ha vinto il premio di giocatore dell’anno. Quello che non faccio è dargli un iso con chiunque e guardarlo funzionare e conviverci. Non vivremo con quello. Lo sappiamo. Dovresti convincere qualcun altro a picchiarti”.

READ  Josh Allen e Patrick Mahomes brillano a metà stagione

È l’ultimo segno di rispetto che i Warriors preferirebbero rischiare un tiro aperto da un veterano di 11 anni e tiratore da 3 punti in carriera al 37% piuttosto che vedere Fox fare il salto contestato per vincere la partita. Che sia una domanda dopo la sua brillante e probabile stagione NBA, Fox ha dimostrato nella sua prima apparizione ai playoff che merita di essere inserito nel pantheon delle superstar di oggi.

Gara 4 è stata molto più delle due super guardie, ma Curry ha chiuso con 32 su 5 su 11 al tiro da 3 punti, mentre Fox ha messo a segno 38 punti e nove rimbalzi. Con ogni scoperta di ciò che la difesa offre loro nel corso della serie, è emozionante immaginare cosa avranno in serbo per noi in Gara 5 di quella che è diventata una delle serie NBA più divertenti degli ultimi tempi.

La parte migliore è che sia Curry che Fox sono marcatori così dinamici che possono colpire in qualsiasi momento senza preavviso.

“Cerco sempre il mio colpo, solo perché ci sarà sempre una doppia squadra o una trappola o molto interesse. Quindi non tirare non significa che sono passivo”, ha detto Curry dopo la partita. Significa solo che leggi la difesa per fare il gioco giusto e muovere la palla, accogliere l’attenzione o raddoppiare le squadre e trovare i tiri aperti degli altri giocatori.

“Ma più lo faccio nel corso di 48 anni, più difficile diventa la difesa e più è probabile che io trovi qualche apertura. E poi devi sempre essere pronto e fiducioso di poter abbattere quei colpi. “