Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Guerra di Gaza: gli Stati Uniti valutano la risposta di Hamas alla proposta di cessate il fuoco

Guerra di Gaza: gli Stati Uniti valutano la risposta di Hamas alla proposta di cessate il fuoco

Commenta la foto, Martedì il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha parlato con parenti e amici degli ostaggi a Tel Aviv

  • autore, David Gretten
  • Ruolo, notizie della BBC

Gli Stati Uniti affermano che stanno valutando la risposta di Hamas all’ultima proposta di un accordo di cessate il fuoco e rilascio degli ostaggi a Gaza.

Il gruppo armato palestinese si è detto pronto ad “affrontare positivamente” l’operazione, ma ha sottolineato la necessità che Israele accetti un cessate il fuoco permanente.

Il governo israeliano non ha commentato, ma un anonimo funzionario israeliano ha affermato che la risposta di Hamas equivale a un rifiuto.

Nel frattempo, il Segretario di Stato americano si sta recando in Qatar – che agisce a fianco degli Stati Uniti e dell’Egitto come mediatore – per cercare di portare avanti il ​​piano.

Anthony Blinken ha dichiarato martedì che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha “riaffermato il suo impegno” nei confronti dell’accordo e che Hamas si assumerà la responsabilità se non fossero stati compiuti progressi.

Tuttavia, Netanyahu non ha sostenuto pubblicamente la proposta, che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che Israele aveva offerto quando l’ha presentata 12 giorni fa.

Una breve dichiarazione ha confermato che Hamas ha presentato una risposta ufficiale all’ultimo piano di cessate il fuoco, che ha ricevuto un ampio sostegno internazionale ed è stato approvato lunedì dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Izzat al-Rishq, un funzionario di Hamas, ha affermato che la risposta è stata “responsabile, seria e positiva” e che ha aperto un “ampio percorso” verso il raggiungimento di un accordo.

L’ufficio del primo ministro israeliano non ha rilasciato una risposta ufficiale.

Ma un anonimo funzionario israeliano ha rilasciato una dichiarazione secondo cui Hamas “ha cambiato tutti i criteri principali e più importanti” e “ha respinto la proposta di rilascio degli ostaggi avanzata dal presidente Biden”.

Si attende ora una reazione più critica da parte dei mediatori, soprattutto degli Stati Uniti, dopo aver studiato la proposta e valutato la portata degli emendamenti introdotti da Hamas.

“Abbiamo ricevuto la risposta che Hamas ha fornito al Qatar e all’Egitto e la stiamo valutando ora”, ha detto martedì ai giornalisti il ​​portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, senza fornire ulteriori dettagli.

Il Qatar e l’Egitto hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta che studieranno la risposta di Hamas e “si coordineranno con le parti interessate sui prossimi passi”. Si sono inoltre impegnati a proseguire gli sforzi di mediazione con gli Stati Uniti “fino al raggiungimento di un accordo”.

Commenta la foto, Oggi, martedì, le forze di occupazione israeliane hanno lanciato attacchi aerei sul centro della Striscia di Gaza

L’esercito israeliano ha lanciato una campagna a Gaza per distruggere Hamas in risposta a un attacco transfrontaliero senza precedenti contro il sud di Israele il 7 ottobre, durante il quale circa 1.200 persone sono state uccise e altre 251 prese in ostaggio.

L’accordo raggiunto a novembre prevedeva il rilascio di 105 ostaggi da parte di Hamas in cambio di un cessate il fuoco di una settimana e di circa 240 prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane. Israele afferma che sono ancora detenuti 116 ostaggi, 41 dei quali si presume siano morti.

Biden ha affermato che la nuova proposta prevede tre fasi.

Il primo accordo prevede un cessate il fuoco iniziale di sei settimane, in base al quale Hamas rilascerà alcuni ostaggi – tra cui donne, anziani, malati e feriti – in cambio del rilascio da parte di Israele di un numero imprecisato di prigionieri palestinesi.

La seconda fase vedrà il rilascio di tutti gli ostaggi viventi rimasti e il ritiro delle forze israeliane da Gaza come parte di una “cessazione permanente delle ostilità”, ma quest’ultimo resterà soggetto a ulteriori negoziati.

Nella terza fase verranno restituiti i resti degli eventuali ostaggi morti e verrà avviato un importante piano di ricostruzione a Gaza.

Netanyahu ha riconosciuto che il gabinetto di guerra ha approvato il piano, ma non ha espresso il suo sostegno inequivocabilmente. I membri dell’estrema destra del suo governo hanno minacciato di ritirarsi dalla coalizione e di provocarne il collasso se l’accordo fosse andato avanti, considerandolo una resa a Hamas.

L’effettiva proposta israeliana – che si dice sia più lunga della sintesi di Biden – non è stata resa pubblica e non è chiaro se differisca da ciò che Biden ha comunicato. È stato presentato a Hamas giorni prima del discorso di Biden.