Luglio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli Stati Uniti intendono rimuovere il porto degli aiuti per Gaza, ma potrebbero non rimetterlo al suo posto

Gli Stati Uniti intendono rimuovere il porto degli aiuti per Gaza, ma potrebbero non rimetterlo al suo posto

Washington (AP) – Molo costruito dall’esercito americano Gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di non reinstallarlo a meno che gli aiuti non ricomincino ad affluire ai residenti, hanno detto venerdì funzionari statunitensi, a causa del maltempo.

Anche se l’esercito ha contribuito a consegnare il cibo di cui c’è tanto bisogno attraverso il molo, la stragrande maggioranza rimane nel deposito adiacente e quell’area è quasi piena. Le agenzie umanitarie stanno incontrando difficoltà nel trasportare il cibo nelle aree più interne di Gaza, dove ce n’è più bisogno, a causa degli attacchi ai convogli umanitari.

Le Nazioni Unite, che hanno la più ampia portata nel fornire aiuti ai palestinesi affamati, non distribuiscono cibo e altre forniture di emergenza che arrivano via porto dal 9 giugno. Il fermo è avvenuto dopo che l’esercito israeliano ha utilizzato un’area vicino al molo per prelevare gli ostaggi. Dopo essere stato salvato nel raid Più di 270 palestinesi furono uccisiCiò ha spinto le Nazioni Unite a condurre una revisione della sicurezza a causa del timore che la sicurezza e la neutralità degli operatori umanitari sarebbero state a rischio.

Steve Taravella, portavoce del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, ha dichiarato venerdì che la partecipazione delle Nazioni Unite al progetto del porto rimane sospesa in attesa della risoluzione dei problemi di sicurezza.

Anche se è sempre stato pensato come temporaneo e mai pubblicizzato come una soluzione completa ai problemi legati all’invio di aiuti umanitari a Gaza, il progetto da 230 milioni di dollari del presidente Joe Biden ha dovuto affrontare una serie di battute d’arresto da quando gli aiuti hanno raggiunto la riva il 17 maggio. È stato criticato da gruppi di aiuto e dal Congresso. I repubblicani come distrazione costosa.

READ  La portaerei statunitense visita il porto di Da Nang mentre l'America cerca di rafforzare le relazioni con il Vietnam

Il molo è stato utilizzato per trasportare più di 19,4 milioni di libbre, ovvero 8,6 milioni di chilogrammi, di cibo a Gaza, ma il molo è stato interrotto non solo perché gli aiuti erano stati interrotti, ma anche a causa del tempo imprevedibile. Le forti onde hanno danneggiato il molo pochi giorni dopo la sua messa in funzione, costringendo l’esercito a rimuoverlo temporaneamente per ripararlo e poi reinstallarlo. Le forti onde hanno costretto l’esercito a rimuoverlo nuovamente e a trasportarlo nel porto israeliano di Ashdod.

Diversi funzionari americani, che hanno parlato in condizione di anonimato per discutere dei movimenti militari, hanno detto che i militari potrebbero reinstallare il molo una volta che il maltempo finirà nei prossimi giorni, ma una decisione definitiva sulla reinstallazione non è stata ancora presa.

Sabrina Singh, portavoce del Pentagono, ha ammesso di non sapere quando il molo sarà reinstallato. “Quando il comandante deciderà che è il momento giusto per reinstallare questo molo, vi terremo aggiornati”, ha detto.

Venerdì ha anche affermato che sono necessari ulteriori aiuti per raggiungere Cipro ed essere trasportati al molo. Ha osservato che la zona sicura sulla spiaggia è “quasi piena”, ma l’intenzione è ancora quella di portare aiuti a Gaza con tutti i mezzi necessari. Ha detto che gli Stati Uniti stanno discutendo con le agenzie umanitarie sulla distribuzione del cibo.

Ma ha aggiunto: “Naturalmente, se non c’è abbastanza spazio nella piazza delle adunate, non avrebbe senso mettere lì i nostri uomini o le nostre donne quando non c’è niente da fare”.

I palestinesi affrontano una fame diffusa a causa dei combattimenti che durano da quasi nove mesi. Guerra Israele-HamasLe restrizioni israeliane sui valichi di frontiera, che sono molto più produttivi delle rotte marittime, e gli attacchi ai convogli umanitari hanno gravemente limitato il flusso di cibo, medicine e altre forniture.

READ  'Dio non è dalla parte della mafia': imprigionare i gangster che hanno sequestrato un corteo religioso | Italia

—-

Ellen Knickmeyer ha contribuito da Washington.